Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Il meglio del blog nel 2014

Il meglio del blog nel 2014

Alla fine dell’anno si fa sempre un riepilogo di quanto è apparso nel blog, anzi del meglio apparso nel blog. L’ho fatto nel 2012 e nel 2013, scegliendo quello che secondo me rappresentava il meglio della produzione, ma quest’anno, ispirato dal post apparso nel blog Anima di carta, voglio agire diversamente.

I 10 post più letti di sempre

Ecco l’elenco degli articoli più letti (in termini di pagine più visitate, quindi) dall’inizio, ossia dal 1° settembre 2010. Alcuni post resistono da anni, come i primi due, che trovo sempre lì. Chiaro che rispondano a precise esigenze dell’utente.

Esigenze anche frequenti. Il 1° post ha ottenuto oltre 6600 visite, il 2° oltre 5500. Che cosa potrà mai significare?

Ma c’è anche un altro fatto curioso. Gli esperti dicono che è meglio non scrivere un titolo sotto forma di domanda, perché è meno letto rispetto agli altri. In questo elenco ben due post sono una domanda. Ma questo significa tutto e non significa niente.

4 post sono del tipo “Come fare a…” e due post hanno i numeri e sono infatti fra le tipologie di titoli che più incuriosiscono i lettori. Forse, però, potremo fare un esperimento e sfruttare quel “quando” che qui ha ottenuto uno schiacciante successo.

  1. Quando mettere l’apostrofo all’articolo un (e quando no)
  2. Quando mettere l’accento sul verbo dare (e perché)
  3. Come realizzare un ebook
  4. Come scrivere un tema
  5. Come pubblicare un libro senza editore
  6. 7 nuovi esercizi di scrittura creativa
  7. Scrivere al passato o al presente?
  8. Come diventare scrittori in 10 mosse
  9. Perché devo leggerti?
  10. 5 pratiche da evitare nel blogging

I post più commentati del 2014

Ho voluto considerare soltanto quelli che hanno ricevuto oltre 50 commenti. A parte il primo in assoluto – che tra l’altro neanche mi ha portato fortuna – fra gli altri molti post trattano di libri, lettura e editoria. Soltanto due sono sul blogging. Che c’è, non vi ispira discussione?

  1. Il nuovo Penna blu 124
  2. I lettori di ebook leggono di più? 99
  3. Perché compro libri in modo compulsivo 97
  4. I mostri sacri della scrittura 81
  5. Libri che scottano 80
  6. Amazon uccide l’editoria? 77
  7. Il manoscritto nel cassetto fa la muffa 76
  8. Che generi letterari leggete? e I libri peggiori che ho letto 74
  9. Chiudiamo i commenti nel blog? 72
  10. Identikit di uno scrittore vincente e Se fondassi una casa editrice… 69
  11. 5 errori grammaticali frequenti 65
  12. 4 anni di Penna blu e Per chi scrivono gli scrittori? 62
  13. L’io narrante e la sincerità nella scrittura e 5 cose che odiano i blogger 61
  14. Il rischio del dilettantismo nel self-publishing e Ecco chi l’ha scritto! 60
  15. Consigli di scrittura da Stephen King e Dove nasce l’insoddisfazione nella scrittura e come vincerla 58
  16. 7 cose che non sopporto nei libri 57
  17. Addio al booktrailer 55
  18. Perché non leggete?, Che cosa state scrivendo?, I miei 7 personaggi letterari preferiti, Sbagli s’accenti e Cosa dovrebbe fare un editore oggi 54
  19. Quanto ami la fantascienza?, Come curare la propria scrittura e Come vincere la sindrome da troppe idee 52
  20. Penna blu cambia ancora, Dimmi che storia scrivere, Chi l’ha scritto? e Il romanzo che mi ha fatto amare i libri 51

I post che ho amato di più nel 2014

A prescindere dai gusti dei lettori e da quello che dice Google Analytics, ho voluto fare la classifica dei post che invece sono piaciuti più a me, per come sono venuti ma soprattutto per il gusto provato nello scriverli.

Questa è la mia personale classifica degli articoli scritti quest’anno. Prendetela per quello che è. I post sono in ordine cronologico e accanto ho scritto il motivo per cui ho amato quel post.

  1. Perché non leggete?: perché snobbo chi non legge.
  2. 50 curiosità sulla mia scrittura: perché mi è servito a indagare dentro me stesso.
  3. Libri che ti segnano: perché sono un nostalgico e quei libri ora fanno parte di me.
  4. Libri che scottano: perché odio censure e tabù e quei libri sono ancora osteggiati.
  5. Il sessismo linguistico non esiste: perché non posso più sentirne parlare.
  6. Regole grammaticali… da ridere!: perché mi sono divertito tanto a scriverlo.
  7. 10 metodi sbagliati per creare post: perché va contro quello che dicono i guru del web e perché non sono stati mai utili a me.
  8. Come scrivere un post: la guida definitiva: perché adoro scrivere le guide definitive.
  9. I libri peggiori che ho letto: perché sono polemico e credo che non esistano dei né in cielo né tanto meno in terra.
  10. Il mio blogging: una retrospettiva personale: perché amo le storie personali e, seppur riservato, ogni tanto amo anche raccontarmi.

Cosa vorreste trovare nel blog nel 2015?

Prima di tutto, però, vorrei sapere quali sono i post che vi sono piaciuti meno o non vi sono piaciuti per niente, così magari non rischio di scriverne altri di quel genere. E quale argomento vi interessa di più e quale di meno?

In breve: cosa vorreste leggere di particolare il prossimo anno?

Nell’attesa, buon anno a tutti :)

20 Commenti

  1. enri
    31 dicembre 2014 alle 08:13 Rispondi

    Ciao Daniele intanto grazie e buon anno. Non saprei dirti quale blog mi è piaciuto meno tra i tuoi, anche perché ti seguo – seguo i blog di lettura/scrittura in generale – da pochi mesi, ma in tutti ho trovato spunti e commenti interessanti. So invece quello che mi piace e che mi incuriosisce e cioè le tue domande e risposte e i post dei tuoi lettori, alcuni dei quali – per contenuti e stile – seguo con più attenzione, anche nei rispettivi blog.
    Per quanto riguarda il blogging mi hai aperto un mondo a me ignoto e nel campo lettura/scrittura fornito indicazioni preziose.
    Ho visto inoltre che alcuni dei tuoi follower sono anche tuoi “amici di penna” e che accetti di buon grado anche critiche e analisi approfondite. Quindi mi permetto – approfitto della fine dell’anno che così stasera puoi dar fuoco a tutto :-) – di darti la mia personale opinione su una cosa che mi piace un pò meno. A volte subito dopo la headline, dai immediatamente la tua opinione al riguardo. Dal mio punto di vista questo spegne un pò le “velleità offensive” delle voci fuori dal coro. La discussione viene forse quindi privata di quegli “scontri all’ultimo sangue” che amo tanto, vuoi per rispetto o per soggezione.
    Un abbraccio e buon 2015 a tutti. A presto.

    • Daniele Imperi
      31 dicembre 2014 alle 09:55 Rispondi

      Ciao Enri, grazie a te per seguire il blog.
      Non ho capito la parte sulla mia opinione dopo la headline. Puoi farmi un esempio?

      • enri
        31 dicembre 2014 alle 16:42 Rispondi

        mi riprometto di farlo al più presto. ciao

  2. Silvio Pezza
    31 dicembre 2014 alle 09:12 Rispondi

    Ciao Daniele,
    tanti cari auguri, per prima cosa. Gli argomenti per me personalmente meno appassionanti sono quelli relativi alle tecniche di blogging, relative statistiche ecc. Altra cosa di interesse secondario è per me tutto quanto riguarda le tecniche di scrittura specificamente dedicate alla letteratura “di genere”, che non amo particolarmente.
    Tutto il resto, nulla escluso, risulta sempre di grande interesse con particolare riguardo a quanto riguarda il mondo dell’editoria in genere, più ancora quella “classica”, interviste a “editors” scrittori ecc. Le opinioni e i commenti degli utenti “abitué” relativi di tutti i vari articoli rivelano quasi sempre punti di vista non banali e solitamente di grande interesse a testimonianza del buon livello del blog.
    Un caro saluto ancora
    Silvio Pezza

    • Daniele Imperi
      31 dicembre 2014 alle 09:58 Rispondi

      Ciao, Silvio, auguri anche a te.
      Non ti piacciono quelli sul blogging perché non hai un blog?
      Sulla letteratura di genere immagino ti riferisca al Fantastico. In effetti è uno degli argomenti che ho iniziato a trattare meno e credo che a breve elimino la categoria inserendo quei post in Narrativa.

      • Silvio Pezza
        31 dicembre 2014 alle 13:55 Rispondi

        Non ho un blog, ma non è che “non mi piacciano”, semplicemente li trovo meno coinvolgenti; tutto quanto riguarda la narrativa è per me di sicuro interesse, non so per gli altri utenti.
        Ciao buona continuazione
        Silvio

  3. LiveALive
    31 dicembre 2014 alle 09:52 Rispondi

    Confesso che preferisco molto i post che parlano di libri a quelli che parlano di blogging: sul blogging io posso dire ben poco…
    Per l’anno nuovo mi piacerebbe, come ti avevo detto, una serie di post più tecnici riguardo la struttura e lo stile. Ci sono tante cose da dire che sarebbe bello inserire nella dispensa. So che ci sono editor (o comunque gente che si occupa di editing) che commentano qua: perché non proponiamo loro una serie di guest post?
    Sai poi che altro mi piacerebbe? Parlare dei libri antichi. Proprio fisicamente antichi, quei tomi con quattrocento anni sopra. Qui a Venezia c’è un bel negozio con libri di questo tipo…

    • Daniele Imperi
      31 dicembre 2014 alle 10:03 Rispondi

      Il problema è questo: chi non ha un blog e non intende averlo non apprezzerà post sul blogging, sul copywriting e sui contenuti, chi non ama il fantastico non apprezzerà post su fantasy e fantascienza, chi non vuole pubblicare non amerà quelli su editoria e self-publishing. Se accontento tutti, Penna blu chiude :D

      Qualche esempio su post tecnici che vorresti leggere? Una serie di guest post su un tema sarebbe interessante, ma immagino sarà un lavoraccio per il guest blogger.

      Sui libri antichi non sono informato. Che intendi di preciso? Mi sembra però un tema che non raccoglie tanti appassionati.

      • Silvio Pezza
        31 dicembre 2014 alle 14:00 Rispondi

        Niente da dire, mi trovi perfettamente d’accordo.

      • LiveALive
        31 dicembre 2014 alle 14:36 Rispondi

        Sì, è cosa per pochi quella dei libri antichi XD ma in realtà credo sia cosa abbastanza comune, per chi ha tanti libri, avere anche una passione per i vecchi testi, anche se magari non ne posseggono.
        Domanda: hai mai visto i video di Thug-Notes? Parlano di libri, e sono dannatamente divertenti XD (mi è venuto in mente appunto perché sulla pagina FB di TN si parlava di libri antichi…)

        Non è solo che non ho un blog: credo proprio che non mi interessi il blogging XD nel senso che anche se avessi un blog non mi interesserebbe farlo arrivare al successo, ma solo caricare contenuti interessanti.
        A proposito: ora ho un sito per caricare i miei lavori.

        Io credo sia importante, invece, fare un ciclo di guest post sulla tecnica della scrittura e la struttura narrativa. Ci sono tantissime cose da dire, chi fa editing sa già cosa scrivere anche senza chiedergli qualcosa di specifico… Ma per esempio: ci sono schemi sull’evoluzione del personaggio, ci sono schemi di trame classici come il monomito, ci sono gli archetipi, e poi, per la tecnica, c’è tanto da dire sull’uso degli aggettivi (densità, natura, posizionamento…), sulla sintassi, su nuovi modelli come quello dell’onniscienza omodiegetica…
        Credo sia importante perché si può interessare così una nuova categoria di lettori. È vero che sono tanti i siti che si occupano di tecnica narrativa: basta fare un salto su Writer’s Digest… Ma comunque ci sono cose che non sono ancora state trattate.

        • Daniele Imperi
          31 dicembre 2014 alle 15:00 Rispondi

          Non conosco Thug-Notes.
          Se hai un sito, perché non lo linki, anziché regalare link a Facebook? :)
          Quei temi sarebbero interessanti, ma non posso chiedere a qualcuno di scrivermi una serie di post, è un lavoro impegnativo. Se poi qualcuno si propone (qualcuno che abbia già commentato qui), allora va bene.

  4. olgica
    31 dicembre 2014 alle 13:14 Rispondi

    Tutti i tuoi post per me sono interessanti,non li leggo sempre,ma quando lo faccio ne sono entusiasta.Buon Anno Daniele!!!

    • Daniele Imperi
      31 dicembre 2014 alle 13:23 Rispondi

      Grazie, Olga, buon anno anche a te :)

  5. MikiMoz
    31 dicembre 2014 alle 13:27 Rispondi

    Io me le sogno quelle visite! Complimenti! :)
    Gli esperti dicono tante cose, presto scriverò un post a riguardo. E magari avrà una domanda nel titolo :p

    Nel 2015 vorrei continuare a leggere un Penna Blu come quello che ho letto quest’anno, evoluto e più personale rispetto a quello di qualche tempo fa ;)

    Moz-

    • Daniele Imperi
      31 dicembre 2014 alle 13:54 Rispondi

      Quei post sono molto vecchi, quindi un po’ è normale :)
      Penna blu nel 2014 è stato evoluto e personale? Manco me ne sono accorto :D

      • MikiMoz
        31 dicembre 2014 alle 16:12 Rispondi

        Ahaha, sarà che da quando hai fatto la MozIntervista ti ho visto meno sandokanesco e più free :)

        Moz-

  6. Salvatore
    31 dicembre 2014 alle 14:41 Rispondi

    Noto che il mio guest-post è ancora tra i più commentati. Avverto un “brivido lungo la schiena” al solo pensiero… di soddisfazione naturalmente. ;)
    Quello che mi è piaciuto di più: “Perché devo leggerti?”. Bella domanda, vero? :)

    • Daniele Imperi
      31 dicembre 2014 alle 15:05 Rispondi

      Sì, il tuo post sta ancora nella top 10, anche se il widget del tema non mostra il numero di commenti. Devo chiederlo al supporto.
      Vero, quella è stata una bella domanda. Vedrò di farmene venire in mente qualcun’altra :D

  7. Ivano Landi
    31 dicembre 2014 alle 18:47 Rispondi

    Per oggi ho già mandato il cervello a riposo e non riuscirei mai a rispondere alla domanda. Mi limito così a farti gli auguri di un buon 2015 :D

    • Daniele Imperi
      1 gennaio 2015 alle 18:07 Rispondi

      Ok, allora attendiamo che il cervello torni a funzionare e buon anno a te :D

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.