La bara

Adesso che aveva completato la sua opera d’arte, l’uomo si concesse il tempo per ammirarla. Il legno era dei migliori, intagliato a creare una fantasia di foglie e fiori, e le rifiniture di ottone l’impreziosivano. La bara che aveva costruito ...

Continua a leggere il post

Knife – Recensione della rivista di Nero Cafè

Ho sempre avuto un po’ di scetticismo nei confronti delle riviste online gratuite. Non so perché, forse ho paura che siano troppo amatoriali e quindi create con poca cura, con argomenti campati in aria, con una grafica inesistente, ecc. Leggendo ...

Continua a leggere il post

Il libro che non dovresti mai leggere

Avevo scritto del codice segreto dei libri e successivamente della casta dei libri. Nel primo caso si trattò di un virus che aveva codificato l’editoria. Nel secondo l’aveva invece castigata. Purtroppo non è finita qui, il virus ha colpito ancora. ...

Continua a leggere il post

Come recensire uno scrittore che si conosce?

È una domanda che mi sono posto. Se dovessi comprare un romanzo scritto da qualcuno che conosco, ne pubblicherei poi la recensione. Tutte quelle scritte finora sono state obiettive – e così saranno sempre – ma non conosco quegli autori. ...

Continua a leggere il post

AperiBook

L’Aperibook è un evento ideato dall’associazione culturale Raperman. Si tratta di un incontro in cui gli ci si scambia libri bevendo un aperitivo. L’evento è per giovedì 14 aprile dalle ore 19.00 alle ore 22.00, presso il locale Shari Vari ...

Continua a leggere il post

Intervista a Max Bunker

Oggi vi voglio parlare di un altro tipo di scrittura: quella per il fumetto. Anzi, ve ne parla Max Bunker, al secolo Luciano Secchi, forse il più prolifico sceneggiatore italiano di fumetti. Per il blog Penna blu ha concesso un’intervista ...

Continua a leggere il post

Scrivere una storia partendo da un titolo

Ogni volta che ho scritto un racconto, a me l’idea è venuta attraverso un titolo. O, meglio, idea e titolo sono nati insieme nella mia testa. Come se la storia fosse contenuta nel titolo stesso. Le uniche volte in cui ...

Continua a leggere il post

Un giorno di pioggia

Pioveva a dirotto quando l’uomo uscì dal lavoro per rincasare. Nonostante l’ombrello, si stava inzuppando da capo a piedi, mentre camminava veloce cercando invano di evitare l’acqua che allagava la strada. Le auto sfrecciavano a dispetto del tempo e della ...

Continua a leggere il post

La libreria di Stardi

Oggi presento un altro brano preso dal libro Cuore, che parla di un bambino e della sua passione per i libri, della sua libreria e di come ama guardare quei libri che possiede. Sono andato da Stardi, che sta di ...

Continua a leggere il post

Non traducete i cognomi

Ricordo ancora i tempi del liceo, quando l’insegnante ci presentò un certo “Tommaso Moro”. Adesso, a distanza di tanti anni, so che Tommaso Moro non è mai esistito. O, almeno, non è esistito nella forma e nelle sembianze del filosofo, ...

Continua a leggere il post