Il soldato

Un racconto di 400 parole

Camminava sotto il sole pomeridiano, accaldato e senza più cibo né acqua da due giorni. La divisa era logora e strappata in più punti e il nero era divenuto grigio per la polvere, con le mostrine di metallo dorato opache. Zoppicava.

La sua squadra era stata annientata fra le colline mentre percorrevano una strada sgombra. Guidava la camionetta, con l’ufficiale che se ne stava dietro in silenzio a fumare, seguendo le due motociclette che facevano da scorta. Attorno il canto delle cicale, assordante nella campagna assolata.

Una mina esplose al passaggio dell’auto, che si ribaltò incendiandosi e scivolando sulla strada fino a fermarsi inerte. Metà del corpo del colonnello schizzata via. Il resto che bruciava assieme all’auto. Lui scaraventato fuori, senza più coscienza.

I due motociclisti erano tornati indietro. Aveva poi visto le moto distrutte, vicino ai resti della camionetta. E i corpi dei due soldati crivellati di colpi.

L’avevano creduto morto.

Si era risvegliato ore dopo con un dolore alla gamba destra. Aveva estratto un pezzo di metallo dalla carne e si era bendato con stoffa tagliata dalla divisa.

E adesso arrancava lontano dalla strada, lento, sporco, divorato dalla fame e dalla sete, in mezzo a campi abbandonati e incolti.

Nessun segno di vita.

Superò una collina e si fermò a riposare accanto a un cespuglio di more rinsecchite. Ne prese qualcuna e cominciò a masticare quei frutti quasi insapori.

Fu allora che vide il bambino.

Era seduto accanto a un laghetto, con una pagnotta di pane in mano, e lo guardava senza espressione.

Il soldato non aveva notato quella pozza d’acqua e subito la sua sete aumentò. Si avvicinò parlando in un italiano stentato, ma il bambino fuggì via. Lo chiamò, cercando di tranquillizzarlo, ma dai cespugli dietro cui era sparito il piccolo nessuno arrivò.

Poi una mitragliatrice entrò in azione con la sua cadenza di suoni smorzati e impercettibili silenzi e l’uomo cadde a terra, il dolore che lo dilaniava.

Si trascinò sul terreno riarso, una scia di sangue che lo seguiva. Lo specchio d’acqua riluceva al sole emanando bagliori che parevano levarsi al cielo come piccole evanescenti fate.

Doveva bere.

Alle sue spalle sentì passi lenti e decisi. Un’ombra si stese sul suo corpo come un lenzuolo su un cadavere.

Un click e l’arma si caricò. Lo sparo secco spezzò di nuovo il silenzio.

Sangue e materia cerebrale inzupparono l’erba.

E le cicale tornarono a cantare.

5 Commenti

  1. Luigi Leonardi
    domenica, 8 Luglio 2012 alle 13:02 Rispondi

    Caro Daniele,
    la spietatezza di questa scena è inequivocabile.
    Questo, più che un racconto, sembra un brano estrapolato da una storia ad ampio respiro. E’ un tuo romanzo?
    Se non lo è “Il soldato” ha una sua logica nel porre la riflessione sull’essenza cruda della guerra, al di là di ogni giustificazione giusta o sbagliata.
    Voglio avventurarmi in un approfondimento:
    il canto delle cicale è il simbolo dell’indifferenza di una umanità che, corta di memoria, presto dimentica l’orrore dando modo a questo di ripetersi.

  2. Daniele Imperi
    domenica, 8 Luglio 2012 alle 18:40 Rispondi

    Ciao Luigi,

    grazie come sempre per i bei commenti ai miei tentativi di scrivere racconti :)

    No, non è nessun romanzo. E volevo proprio porre la luce sulla spietatezza della guerra, al di là appunto di giustificazioni più o meno lecite.

  3. Romina Tamerici
    lunedì, 9 Luglio 2012 alle 22:22 Rispondi

    Torna il canto delle cicale in un nuovo racconto! Bene!

    Questo testo è molto crudo, ma, dato che il tuo scopo era raccontare la guerra nel suo essere spietata, non potevi trovare parole migliori!

  4. Orsa
    martedì, 23 Giugno 2020 alle 18:55 Rispondi

    La guerra…
    L’argomento è stato tabù per oltre un anno per mio fratello. In famiglia nessuno ha mai osato subissarlo di domande superflue e indelicate. Non andavamo oltre il “come stai oggi?”.
    È solo di recente che lui si è sbottonato raccontandoci i dettagli, la colonna di Lince, il fischio degli RPG, le richieste concitate per avere i rinforzi. E l’epilogo con la morte di uno dei due attentatori.
    La missione di mio fratello era appena iniziata, e quello era un maledetto insider attack, fuoco “amico” da parte della polizia afghana di frontiera, quella stessa gente che i nostri soldati vanno amichevolmente a formare e addestrare. Non sono stati mesi belli quelli successivi per noi, al pensiero di potenziali traditori autoctoni in prossimità delle basi italiane…
    Bello anche questo racconto.

    • Daniele Imperi
      mercoledì, 24 Giugno 2020 alle 8:06 Rispondi

      Grazie. Qui ovviamente si parla della seconda guerra mondiale. Avevo però iniziato un racconto in forma di dramma ambientato proprio in Afghanistan.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.