Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

7 consigli per migliorare il tuo blog d’estate

7 consigli per migliorare il tuo blog d’estate

Quando arrivano i mesi estivi a me non va di fare nulla. La mente si asciuga, è sterile, non riesco a creare qualcosa di nuovo. Però mi viene sempre voglia di fare il punto della situazione, di smussare angoli, riempire vuoti: insomma, lavori di rimodernamento, nel senso più generico del termine.

Esattamente 4 anni fa parlavo di come uno scrittore possa migliorare il suo blog d’estate: erano quindi consigli mirati più a chi scrive, anche se molti erano adatti per tutti.

Quelli di oggi, invece, sono per tutti e alcuni si basano sulle ultime novità del web.

1. Rinfresca la grafica

I lavori di ristrutturazione anche nel blog

Ogni tanto la grafica del proprio blog va cambiata. A questo tema grafico sono ormai abituato e affezionato, ma sto pensando di ravvivare un po’ i colori e togliere lo sfondo legno. Ci lavorerò su e vedremo cosa esce fuori.

Siete stanchi della grafica del vostro blog? È arrivato il momento di cambiarla.

  • Se usate WordPress installato, su Envato troverete tantissimi temi responsive (così il blog sarà ben navigabile anche da dispositivi mobili) a poche decine di euro.
  • Se avete invece un blog su WordPress, avete tantissimi temi a disposizione, anche a pagamento, anziché restare con il solito e brutto tema di default.
  • Se state su Blogger, anche questa piattaforma offre tanti temi grafici da scegliere, sia gratis sia a pagamento.

Quello che manca, semmai, è la voglia.

2. Passa da http a https

A Google ora piacciono i siti sicuri

L’https è un protocollo di sicurezza. In poche parole il sito in https vi garantisce di essere in un sito sicuro, non manomesso. Per fare un esempio, il sito di una banca deve essere per forza in https: i dati che inserite devono essere protetti e non possono venire intercettati.

Se siete in un sito sicuro, ve ne accorgete dall’url del dominio: https://pennablu.it/ anziché http://pennablu.it/. E dall’icona del lucchetto accanto all’url, con la scritta “Sicuro”.

Perché è importante? Perché adesso è diventato un segnale di posizionamento, lo ha detto lo stesso Google tempo fa in “HTTPS as a ranking signal”.

  • Se usate WordPress installato, non posso aiutarvi. Io stesso ho avuto parecchie difficoltà nei miei siti per il passaggio da http a https. In un paio di siti ho seguito alla lettera la guida del mio hoster e è filato tutto liscio. Un sito invece non ha voluto saperne e ho risolto installando un plugin apposito. Su «Pennablu» quel plugin invece non ha funzionato e ho dovuto cercarne un altro.
  • Se avete invece un blog su WordPress, non dovete fare nulla. Ha pensato WordPress al passaggio a https.
  • Se state su Blogger, dovete farlo voi. Non è automatico. E infatti ho visto che qualcuno di voi ha il blog in https mentre altri sono rimasti a http. Ma niente paura, perché Blogger vi spiega come fare in “Attivazione di HTTPS sul tuo blog”.

Buon lavoro, quindi.

La legge non ammette ignoranza…

… ma è sempre scritta da ignoranti. Era davvero necessario obbligare miliardi di siti a mostrare il fastidioso banner dei cookie e pubblicare la pagina informativa o non era più semplice obbligare 4 browser a fornire quelle informazioni?

E adesso è giunto anche il GDPR, che richiede ulteriori modifiche alla pagina della privacy dei siti.

In questo caso non posso aiutarvi. La legge, come al solito, è scritta male e è soggetta a varie interpretazioni. Io ho quelle pagine ma non so se sono corrette. Le ho scritte deducendole dalla lettura della legge e dalle tante, troppe, guide online, dove si legge tutto e il contrario di tutto.

Benvenuti in Italia!

4. Da’ un’occhiata al tuo piano editoriale

Ti va un po’ largo? Mano alle forbici!

Quanti articoli pubblicate a settimana? Riuscite ancora a tenere quel ritmo? Col passare degli anni il rischio è ripetersi, rimescolare vecchi contenuti, sparire dal blog per mesi perché non si sa cosa scrivere e poi tornare con un messaggio di scuse.

Tutto questo può essere evitato. Studiatevi bene il vostro piano editoriale: quanti post a settimana prevede? Avete una cadenza fissa o pubblicate quando ne avete voglia? Vi sta ancora bene pubblicare con quella frequenza?

Cosa fare, allora, quando l’ispirazione rallenta?

  • Accettate guest post: scrivete bene le linee guida e mettete un annuncio nel blog.
  • Trasformate il blog in un blog multiautore: formate una redazione e stabilite delle regole.
  • Pubblicate di meno: come ho fatto io.
  • Rendete più orizzontale il blog: il vostro blog pubblica solo contenuti verticali? Rischiate di non avere più argomenti su cui scrivere. Cercate dei temi correlati e create nuove categorie.

Allora, che avete deciso di fare?

5. Trova nuove idee per i contenuti

Mai rischiare di restare senza articoli da scrivere

Io da anni appunto idee per nuovi articoli sui mucchi di fogli di carta da riciclo che ho sulla scrivania. Da lì passano in “bella copia” sul solito file, dove ho il mio calendario editoriale.

Non tutte le idee saranno trasformate in articoli, anzi il 90% almeno resta nell’elenco senza diventare un contenuto da pubblicare. Me ne disaffeziono in poco tempo.

In teoria ho segnato i post da scrivere fino a gennaio 2019, ma non so se davvero scriverò quegli articoli. Dipende se mi ispireranno ancora.

Come trovare nuove idee per il blog?

  • Leggete blog a tema col vostro, anche in inglese: di sicuro qualche suggerimento arriverà.
  • Controllate gli articoli delle vostre categorie: ne avete esaurito gli argomenti o c’è ancora altro da scrivere?
  • Rileggete gli eventuali guest post che avete pubblicato nel vostro blog: scrivete la vostra versione su quegli argomenti.
  • Date un’occhiata ogni tanto alle mie 154 idee per scrivere post: magari vi verrà in mente qualcosa da scrivere.

Buona ricerca!

6. Rinfresca i vecchi articoli

Rileggi – Rielabora – Ripubblica

Da più parti ho letto che i guru del blogging consigliano di revisionare i vecchi articoli, aggiungendo nuovi contenuti e ripubblicando quegli articoli con la nuova data. A me è sempre parsa una cosa scorretta.

Io preferisco rileggere un vecchio articolo, capire se ancora la penso a quel modo o se reputo ancora valido quel testo, quindi rielaboro quei contenuti per dare una nuova visione dell’argomento: e adesso ho un nuovo contenuto da pubblicare.

7. Migliora gli articoli più importanti

Revisiona – Completa – Perfeziona

Ci sono però alcuni articoli del nostro blog che meritano di essere revisionati. Articoli cruciali del blog, articoli a cui teniamo molto, perché potrebbero portarci molte visite, perché sono rappresentativi del blog, ecc.

Ho migliorato un mio articolo in questo modo:

  • ho cercato quel tema online e ho visto quali informazioni non avevo dato
  • ho scritto quindi dei pezzi in più, arricchendo l’articolo

A fondo pagina, se lo ritenete opportuno, potete scrivere “Articolo aggiornato il…”.

PS: Penna blu torna a settembre

E buon’estate a tutti!

Nell’agosto 2016 avevo deciso di pubblicare soltanto 4 articoli, tutti sulla lettura. Nell’agosto 2017, invece, ho preferito non pubblicare e prendermi la giusta pausa. In fondo non avrei potuto rispondere a commenti e email sempre, perché ora non ho più la connessione nello smartphone (per buona pace del mio portafoglio).

Quest’anno replico: ad agosto 2018 di nuovo senza post su «Penna blu». Qualcuno aveva “storto il naso” quando ho deciso di passare a soli 2 post al mese, qualcun altro m’ha detto che è stato uno sbaglio, ma non posso farci niente: qui sono io che devo scriverci e preferisco rallentare che pubblicare scemenze, tanto per fare numero.

Ci rivediamo, quindi, il prossimo 6 settembre – con l’articolo “Le storie che vogliamo (e possiamo) scrivere” – ma quest’anno salta il consueto compleanno del blog.

Il 1° settembre compirà 8 anni e li compirà senza festeggiare. Parlare del compleanno del blog con 5 giorni di ritardo non mi pare un’idea sensata. Ma una birra me la bevo lo stesso.

Buone vacanze a tutti.

31 Commenti

  1. Marco
    19 luglio 2018 alle 06:34 Rispondi

    Allora buon riposo! :D

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 12:54 Rispondi

      Grazie :)
      Ma passerò il tempo a scrivere, disegnare, lavorare in campagna :D

  2. Caterina
    19 luglio 2018 alle 08:01 Rispondi

    Io ho fatto diversi lavori di manutenzione a maggio e continuo a metterci mano di tanto in tanto. Il tema grafico lo manterrò così per un bel po’, visto che il blog ha solo un anno e poco più. La storia del gdpr ecc. è una palla al piede. Nemmeno io sono sicura di aver fatto tutto correttamente. Per quanto riguarda la programmazione dei post: non ho più un calendario editoriale come il primo anno. Appunto le idee che mi vengono su un’agenda e scrivo quando sono pronta. Penso che tu abbia fatto bene a diminuire il numero dei post (anche se mi manca l’appuntamento settimanale). E fai bene a prenderti la pausa estiva. Cercherò di ricordarmi (sai che la mia memoria è breve) il compleanno del tuo blog per farti gli auguri. Buona estate Penna Blu! :)

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 12:55 Rispondi

      Cambiare tema dopo un anno è esagerato, anche se a me è capitato.
      Buona estate anche a te :)

  3. MikiMoz
    19 luglio 2018 alle 09:07 Rispondi

    Ciao Sandokan!
    Sai che ho proprio fatto alcune delle cose che dici? Ho cambiato template, allargato il blog, ristrutturate le etichette e pagine per fare in modo di dare gli articoli più esclusivi anche a chi naviga col formato mobile-friendly. E ho reso anche la versione desktop… Responsive!
    Inoltre ho aperto un’appendice che proprio ieri ha compiuto un mese, dove pur con contenuti inediti rilancio vecchi post.
    Vedremo. 👍
    Ah, però non mi fermo mai: due giorni fa ho fatto scoppiare la bomba che tenevo in serbo da tempo: ho portato alla luce la piaga dei fake-bloggers, gente che apre decine di blog con decine di account diversi, ognuno con la sua storia, e li usa per darsi manforte sia nelle discussioni accese (cybermobbing) sia nelle recensioni autoincensanti di ebook 😂

    Tutti veri e interessanti i tuoi consigli, ma è vero: godiamoci comunque l’estate!
    Ci rivediamo a settembre… O su Instagram 💪💪💪

    Moz-

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 12:57 Rispondi

      Hai fatto fin troppi lavori nel blog :D
      Interessante la storia dei blogger falsi. Non credo di averne visti finora, però.

      • MikiMoz
        19 luglio 2018 alle 12:59 Rispondi

        Spero allora non li incontrerai; io comunque penso di aver ridimensionato un bel po’ questo fenomeno, col mio post di denuncia… e ne sono fiero:)

        Moz-

        • Daniele Imperi
          19 luglio 2018 alle 13:03 Rispondi

          O magari li ho incontrati e non me ne sono accorto :D

          • MikiMoz
            19 luglio 2018 alle 18:48 Rispondi

            Forse da me nei post del 2014, tipo… :)

            Moz-

  4. DAVID
    19 luglio 2018 alle 10:49 Rispondi

    Io non ho un blog.
    Ma ho letto ed apprezzato comunque l’articolo. In fondo i punti 5-6-7 sono validi (un po’ riadattati) anche per i raccontastorie, menestrelli e romanzieri!
    Essendo appena entrato nel blog, stavo iniziando appena adesso ad affezionarmi a leggere i nuovi post…
    Ovviamente capisco il bisogno di riposare per poi ripartire di slancio!
    Aspetterò sicché buono buono con tutti gli altri, il 6 Settembre.
    Sarà oltretutto un argomento che mi interesserà particolarmente!
    Nel frattempo ho tutto il passato da leggermi.
    Buona vacanza e buon riposo!

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 12:57 Rispondi

      Eh, sì, ti toccherà leggere i vecchi post, ma ne trovi un bel po’ :)

  5. Alessia Pellegrini
    19 luglio 2018 alle 11:17 Rispondi

    Pochi ma buoni, anzi buonissimi, i tuoi articoli! :) Questa è la mia prima estate con un blog per le mani e devo dire che anche io ho avuto un po’ un blocco con le idee. Credo sia dovuto al fatto che questo caldo mi fa prediligere, come fruitrice di contenuti, articoli più “leggeri” o comunque freschi da leggere. Dunque anche da creatrice di contenuti, mi regolo allo stesso modo.
    Sto cercando di fare dei cambiamenti e di modificare anche un po’ lo stile, pur mantenendo la grafica nei suoi punti principali, perché per ora mi piace troppo. :)
    Farò tesoro dei tuoi consigli, come sempre. Buone vacanze!
    Alessia

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 12:59 Rispondi

      Grazie :)
      Il blocco delle idee d’estate è normale. Buone vacanze anche a te.

  6. Elena
    19 luglio 2018 alle 11:25 Rispondi

    Bene ottimi spunti che mi riprometto di completare. SU alcuni ho già provveduto, come https, rinfrescare articoli e soprattutto, aggiungo io, le pagine statiche. Anche lì bisogna dare una rinfrescata , ogni tanto :)
    Buon riposo allora, e buone vacanze anche a te

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 13:00 Rispondi

      Sì, anche le pagine statiche vanno rinfrescate. Dovrei rivederne qualcuna.
      Buona estate :)

  7. Barbara
    19 luglio 2018 alle 11:29 Rispondi

    Io sono comunque sempre in manutenzione del blog, ma per fortuna i lettori non se ne accorgono! :) Prossimo upgrade di rilievo è proprio passare all’https, ma devo capire quando farlo senza rischiare di perdere letture e ranking (qualcuno registra dei “sobbalzi” subito dopo l’aggiornamento) e soprattutto avendo almeno tre giorni di fila di quiete per seguire l’attività. Il plugin per i redirect automatici nel mio caso è lo stesso che cura il seo, Yoast in versione premium.
    Per il resto, per rilassarmi (!) ho aperto un contest di racconti che chiuderà a settembre. Quindi si lavora, si lavora alla grande. D’estate si preparano sempre belle opportunità per l’inverno. :)

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 13:01 Rispondi

      Perché dovresti perdere letture passando a https?
      Per il posizionamento non c’è problema, il passaggio implica anche il redirect immediato di tutte le pagine http verso quelle in https.

  8. Andrea Venturo
    19 luglio 2018 alle 12:45 Rispondi

    Buone Vacanze Daniele.
    Quella di rielaborare/ripubblicare è un’ottima idea. Non ci avevo pensato!

    • Daniele Imperi
      19 luglio 2018 alle 13:02 Rispondi

      Buone vacanze a te e buona riealaborazione/ripubblicazione :D

  9. Mario
    21 luglio 2018 alle 19:29 Rispondi

    sempre interessanti i tuoi articoli, Daniele. Grazie delle preziose informazioni. Buona estate anche a te.

    • Daniele Imperi
      23 luglio 2018 alle 07:07 Rispondi

      Grazie Mario, buon’estate anche a te.

  10. Tiziana
    24 luglio 2018 alle 20:35 Rispondi

    Buone vacanze! A presto (si fa per dire). 😛

    • Daniele Imperi
      25 luglio 2018 alle 07:15 Rispondi

      Buone vacanze anche a te :)

  11. NonPuòEssereVero
    28 luglio 2018 alle 22:21 Rispondi

    Io d’estate ho sempre un sacco di materiale, ma molto meno tempo perché si moltiplicano le uscite e poi arrivano le vacanze… di solito prendo appunto e quando poi torno alla routine scrivo, scrivo, scrivo. Al momento direi che va più che bene così.

    Buone vacanze.

    • Daniele Imperi
      29 luglio 2018 alle 14:08 Rispondi

      Ciao Gilda, benvenuta nel blog. Anche prendere appunti è buona cosa, ti prepari il materiale per quanto avrai più tempo.

  12. Alessandro D'Andrea
    30 luglio 2018 alle 14:34 Rispondi

    Consigli sempre buoni Daniele. Aggiungo alcune cose che, per esperienza lavorativa, sono ormai prassi consolidate:
    – HTTPS: Oltre che ottimo per la sicurezza, il passaggio ad HTTPS è fondamentale anche perché sblocca numerose funzionalità per la velocità, come l’HTTP/2. Con il mobile update di questo luglio la velocità peserà sempre di più sul ranking, quindi fare qualcosa per migliorarla è sempre un’ottima idea. Per chi volesse, ho riassunto qui le varie novità cui si accede con HTTPS: https://www.clickable.it/vantaggi-https-sicurezza-prestazioni/
    – Privacy & Cookie Policy: Per quanto se ci sono dubbi è meglio sentire un legale, Cookiebot può essere una soluzione. Dovrebbe essere gratuito fino ad una certa quantità di pagine, quindi per un piccolo blog può essere un’ottima soluzione.
    – Aggiornamento dei contenuti: senza stare a scomodare tool come SeoZoom, si può fare tanto anche dalla Search Console. Se si osserva che alcune pagine ricevono molti clic, e alcune query ci portano molti clic, è lecito pensare che tra le due cose ci sia una correlazione, quindi potremmo trovare facili idee per migliorare e arricchire articoli già scritti, o magari studiare qualcosa per scriverne di nuovi.

    • Daniele Imperi
      30 luglio 2018 alle 15:27 Rispondi

      Ingaggiare un avvocato costa. A causa di quelle leggi anche blogger amatoriali sono costretti a spendere soldi.
      Contenuti: ho appena visto le query su Search Console… meglio lasciar perdere. Trova le peggiori, tipo “un unghia si apostrofa”, “se sarei” e altre amenità. Si fatica un po’ per trovare qualcosa di interessante. I 10 articoli più letti di sempre qui sono articoli sulla grammatica, ma non c’è nient’altro da dire su quanto ho scritto.

  13. Alessandro Cassano
    4 agosto 2018 alle 00:34 Rispondi

    Ciao Daniele,
    dopo una luuuuunga inattività sto facendo praticamente tutto ciò che hai consigliato (a parte l’https, perché il blog diverrebbe inaccessibile da alcune postazioni che utilizzo quotidianamente).
    La vera mazzata è stato il passaggio da blogger – di cui ero stanco – a WordPress: dopo l’importazione, mi son ritrovato con 194 post (e relative immagini) da sistemare a mano. Inoltre i javascript di cui ho fatto spesso uso, specie per i generatori di trame, non girano. Insomma, nuova grafica e contenuti, ma questo mese di agosto lo passerò al lavoro :)

    • Daniele Imperi
      6 agosto 2018 alle 06:46 Rispondi

      Ciao Alessandro, alcune postazioni non leggono l’https?
      Cerca qualche plugin per girare o javascript.
      Buon lavoro, allora :)

  14. Gianpaolo Tulli
    18 agosto 2018 alle 04:15 Rispondi

    L’estate e la scrittura sono nemiche,
    si è pigri,affaticati,sconsolati la procrastinazione produce il suo effetto anche agli scrittori.Ho pensato da tempo di aprire un blog però mi servono dei consigli e delle dritte, sono un sedicenne totalmente inesperto e disordinato uno scrittore alle prime armi, decisamente immaturo.Come funziona un blog ? Serve per uno scrittore? 🤔
    Ps:Posso modificare un commento già pubblicato per correggere eventuali “orrori” non errori.Distinti Saluti Daniele.

  15. LiveALive
    19 agosto 2018 alle 17:49 Rispondi

    Buone vacanze!
    Capitavo di qui per caso, e ne ho approfittato.
    Nella nuova foto sembri Frank Zappa…

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.