Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Marketing editoriale: conoscerlo per apprezzarlo

Marketing editorialeQuando ho parlato di come e perché cominciare le operazioni di marketing editoriale, ho specificato che sia editori che scrittori – in molti casi – non ne riconoscono l’utilità oppure non sono bene informati, o ancora non hanno le risorse per poter iniziare una campagna di marketing adeguata per le loro pubblicazioni.

Ed ecco che il marketing editoriale viene visto come qualcosa di astruso, di inconcepibile, come se un libro, per essere venduto, è sufficiente che sia scritto e poi spedito in libreria. Mentre invece le operazioni di marketing che ruotano attorno alla promozione di un libro devono esser viste come qualcosa di divertente, stimolante, soddisfacente e, infine, efficace.

Conoscere il marketing editoriale

Alla base della vendita di un libro c’è senz’altro la sua qualità, ma non basta. Se uno scrittore famoso pubblica un nuovo romanzo, si scatena attorno a quel libro un rumore assordante. I media fanno a gara a chi dà per primo notizie e anticipazioni dell’opera.

Lo scrittore famoso vive di rendita, una rendita acquisita con il tempo e il duro lavoro, ma anche con mirate operazioni di marketing, con una casa editrice che ha saputo fare il suo lavoro e con una collaborazione da parte dell’autore.

Lo scrittore emergente può contare sulla validità della sua opera e sul supporto dell’editore. Non ha ancora una rendita, è sconosciuto o noto soltanto a una cerchia ristretta. Conoscere il marketing editoriale e la sua importanza – per lui e per l’editore – è la chiave per ottenere il pubblico che meritano.

Ciò che autori ed editori devono vedere nel marketing editoriale è:

  1. divertimento: perché stanno lavorando per vendere un libro e questo va visto come una delle cose più entusiasmanti dell’editoria.
  2. stimoli: perché la discussione porta alla nascita di nuove idee e strategie, crea altre discussioni e sprona la mente a produrre sempre di più.
  3. soddisfazione: perché hanno spinto all’azione il pubblico, hanno smosso le acque, hanno creato rumore attorno al loro libro, si sono fatti sentire, sono usciti dall’ombra.
  4. risultati: perché, se hanno lavorato bene, ci sono stati cambiamenti, il pubblico ha cominciato a parlare di quel libro, le vendite sono salite.

Apprezzare il marketing editoriale

Conoscere il significato e l’importanza del marketing editoriale non basta, vanno anche apprezzati. Apprezzati perché i risultati si potranno vedere soltanto se queste operazioni, se tutti gli interventi pensati per una giusta promozione del libro, non sono visti come un lavoro noioso, ma come il più piacevole.

Non bisogna limitarsi a dire “ho finito il libro” oppure “lo abbiamo distribuito nelle librerie”, perché quel libro sarà soltanto uno dei tanti scritti e distribuiti. Se il libro non va promosso, è inutile scriverlo e distribuirlo.

Il marketing editoriale deve diventare la tappa più ambita da scrittori ed editori. Scrivere è routine, editare un testo e impaginarlo è routine, distribuire libri è routine. Promuoverli non sarà mai routine, perché ogni libro richiede interventi diversi e diverse strategie.

Già prima di scrivere un libro, già prima di fondare una casa editrice, è necessario che uno scrittore e un editore conoscano e apprezzino il marketing editoriale, come unica via per non rendere vano il loro lavoro.

6 Commenti

  1. federica
    22 ottobre 2012 alle 16:33 Rispondi

    Caro Daniele,
    ho trovato molto interessante il tuo articolo;in effetti…è l’argomento della mia tesi di laurea magistrale, e vorrei che fosse un giorno il mio lavoro. Avresti dei testi da consigliarmi? so che c’è poca letteratura al riguardo.
    Grazie!
    Federica

    • Daniele Imperi
      22 ottobre 2012 alle 16:44 Rispondi

      Ciao Federica,

      grazie :)

      Puoi leggere The complete guide to book marketing di D. Cole e Guerrilla marketing for writers di J.C. Levinson, R. Frishman, M. Larsen, D.L. Hangcock.

      • Andrea Torri
        23 ottobre 2013 alle 18:50 Rispondi

        Buonasera a tutti. Sono un laureato nella magistrale di Marketing dell’Università di Pisa. Sapete dirmi dove si trovano offerte di lavoro nel marketing editoriale? Si cerca direttamente sul sito della singola casa editrice o ci sono delle scorciatoie che vanno direttamente alle posizioni aperte in giro? Grazie mille per l’attenzione. Andrea

        • Daniele Imperi
          23 ottobre 2013 alle 19:01 Rispondi

          Ciao Andrea,
          credo dovrai contattare direttamente le case editrici. Prova anche su Linkedin, ci sono gruppi di discussione sull’editoria.

  2. martinae.v.
    10 giugno 2016 alle 19:00 Rispondi

    Buonasera Daniele, sto scrivendo la mia “tesina” per la maturità, e desidererei da te, nonostante ciò che ho letto sulò tuo blog mi sia stato molto utile, una definizone più precisa di marketing editoriale per inserirlo nella parte di economia aziendale. Grazie in anticipo!

    • Daniele Imperi
      13 giugno 2016 alle 08:02 Rispondi

      Ciao Martina, benvenuta nel blog. Puoi leggere qualcosa qui: http://pennablu.it/marketing/
      La definizione precisa che intendi quanto dev’essere lunga? Devi solo accennare al marketing editoriale?

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.