La descrizione della pagina – Scrittura per il web #12

Descrizione

La descrizione della pagina web è un testo che appare all’interno del codice HTML e illustra il contenuto della pagina stessa. I motori di ricerca se ne servono per fornire ulteriori informazioni sulle pagine ottenute dai risultati delle ricerche.

Quando cercate un’informazione su Google, ogni sito che appare nei risultati è caratterizzato da tre elementi:

  1. titolo della pagina, scritto in blu
  2. indirizzo web, scritto in verde
  3. descrizione, scritta in nero

Da dove prende quel testo Google?

Dove scrivere la descrizione della pagina

La descrizione, tecnicamente parlando, fa parte dei metadati della pagina, ossia quell’insieme di informazioni che non influiscono sull’aspetto della pagina stessa, ma sono comunque utili sia agli utenti sia ai motori di ricerca.

Il testo della descrizione va inserito all’interno del meta tag description:

<meta name="description" content="Penna Blu è un blog che offre consigli sulla scrittura, che parla di letture, scrittori, editori e libri. Un luogo dedicato alla parola scritta." />

Quella appena mostrata è la descrizione dell’home page di Penna blu. Cercando il blog su Google appare infatti:

Descrizione

Nel blog non vedete un testo del genere. Le parole in grassetto indicano le parole che ha cercato l’utente.

Lunghezza della descrizione

Non occorre scrivere un romanzo all’interno del meta tag. La funzione della descrizione è quella, appunto, di descrivere la pagina, una sorta di sommario che deve spiegare in poche parole che cosa contiene quella pagina.

Gli esperti sostengono che una buona descrizione non deve superare i 150-160 caratteri, il che significa che stiamo su una lunghezza di un paio di righe. Sufficienti per dare all’utente un’idea di ciò che leggerà.

Considerate inoltre che l’utente la leggerà in mezzo ad altre descrizioni. Dovrà essere quindi concisa, chiara, avere le giuste parole chiave.

Il testo che crea Google, invece, può avere una lunghezza maggiore. Ho contato anche oltre 250 caratteri. In quel caso non è riuscito a trovare sufficienti parole chiave vicine fra loro e ha dovuto riunire più frammenti di testo della pagina.

Utilità della descrizione della pagina

A che cosa serve la descrizione? E, soprattutto, va sempre scritta?

La descrizione della pagina ha una precisa utilità: deve stimolare la curiosità dell’utente. Fra decine di risultati – di norma dieci per pagina, se non modificate le opzioni di ricerca su Google – scegliete un sito da aprire in funzione della sua descrizione.

È quindi un elemento importante per il web marketing, poiché è a causa di quel testo che un utente è portato o meno a cliccare su quel sito. È con quel testo che dovete convincere l’utente a scegliere voi fra tanti.

Quando non scrivere una descrizione

Non sempre, comunque, è necessario scrivere una descrizione. Io preferisco scriverla per le pagine (chi sono, ecc.) e non per gli articoli. Se avete scritto bene un vostro articolo, se avete seguito le regole della prominenza, allora potete anche non scrivere la descrizione di quelle pagine.

Ecco un esempio:

Descrizione

Ho inserito le parole chiave principali all’inizio e anche nell’indirizzo – appaiono in grassetto anche lì, come potete vedere – e ho subito spiegato che cosa è un kit stampa. L’utente che legge sa subito di cosa parla il mio articolo.

Ecco invece un esempio in cui ho fallito miseramente, perché non ho inserito le parole chiave all’inizio – anzi neanche nel testo – e Google ha estratto quello che ha potuto per creare una descrizione. Descrizione che non invoglia certo a cliccare su quel post.

Descrizione

Che cosa pensa un utente che legge una descrizione del genere? Per me ha tutta l’aria di un articolo vuoto. Non cliccherei mai su quel link.

Forse a nessuno verrà in mente di cercare “il futuro del fantasy”, ma l’esempio si adatta a qualsiasi altra pagina o articolo in cui non siano state rispettate le regole basilari della scrittura per il web.

Scrivere una descrizione senza scriverla

Il testo che i motori di ricerca estraggono per formare una descrizione – o qualcosa che ci si avvicina, come nel fallimento citato sopra – si chiama snippet, che in inglese significa frammento.

Chi scrive un testo per il web deve porre quindi particolare attenzione a come e dove inserire le giuste parole all’interno della pagina. In quel modo aiuterà il motore di ricerca a creare snippet intelligenti e a offrire all’utente una valida descrizione.

I motori di ricerca, comunque, possono trascurare in alcuni casi la descrizione e scegliere di inserire uno o più frammenti di testo presi dalla pagina. Dipende dalle parole chiave cercate dall’utente e dalla loro combinazione.

In questo caso è stata cercata la parola chiave principale della pagina e il motore di ricerca ha mantenuto la descrizione che ho inserito:

Descrizione

In quest’altro caso, invece, è stata effettuata una ricerca con la frase “registrare la scheda del libro”:

Descrizione

Google ha preso uno snippet dalla pagina, annullando la mia descrizione.

Gli errori più comuni nella descrizione

  1. Non scriverla: come abbiamo visto, in molti casi occorre preparare una buona descrizione per attirare l’utente sulla propria pagina. Non si deve sempre contare sul fatto che Google può trascurarla.
  2. Ripetere il primo paragrafo della pagina: questo è un errore frequente. Lasciate che sia Google a decidere se prendere o meno il primo paragrafo, lo snippet. Il primo paragrafo è stato scritto per introdurre all’argomento, non per descriverlo.
  3. Scriverla troppo breve: quattro parole non descrivono. Se la descrizione è troppo corta, il motore di ricerca potrà sostituirla.
  4. Scriverla troppo lunga: ho parlato di una lunghezza massima da rispettate, sia perché Google ne taglierà una parte se supera il limite consentito, sia perché sarà controproducente produrre un testo troppo lungo, che non invoglierà a leggere.
  5. Simboli e caratteri speciali: la descrizione deve contenere solo testo, con la dovuta punteggiatura. Evitate qualsiasi tipo di virgolette, perché – come ho scritto all’inizio – la descrizione è contenuta in un meta tag, nel codice HTML della pagina, dove le virgolette hanno una loro funzione.
  6. Chiudete la descrizione con il punto: una descrizione deve essere considerata come una frase completa. Terminate sempre la vostra descrizione con il punto, dopo circa 150 caratteri, perché quello sarà il testo che prenderà Google. Altrimenti, se non è presente un punto o se ci sono due frasi complete, Google potrebbe usare solo la prima e affiancargli un altro testo.

Descrizione troppo breve: Google ha preferito lo snippet

Descrizione

Descrizione accettabile

Descrizione
Categoria postPublicato in Web copywriting - Data post6 dicembre 2011 - Commenti6 commenti

DanieleDaniele Imperi

Sono blogger e web writer e scrivo e leggo ogni giorno. Oltre a Penna blu, ho creato e gestisco i siti su Cormac McCarthy e Edgar Allan Poe. Leggi di più nella mia biografia.

Ti è piaciuto questo post? Condivilo sui social media o via email!

Email
Commenti
  • Gianluca Santini 6 dicembre 2011 at 09:18

    Bel pezzo. In effetti nei miei articoli non ho mai pensato di gestire la descrizione perché tendo a dire più o meno subito di cosa si parlerà. Invece non credo di essermi mai messo a modificarla per le pagine statiche del mio blog, rimedierò!

    Ciao,
    Gianluca

  • Enrico 6 dicembre 2011 at 11:35

    Chiudete la descrizione con il punto!!! :D Grazie!!!

  • Frank Spada 6 dicembre 2011 at 19:18

    “Le rinnovo i complimenti per la eaustività delle sue lezioni – mi scuso se faccio troppe assenze e confido nella sua generosità.”
    Potrebbe sembrare il solito bigliettino che uno studente, scansafatiche, includerebbe in una confezione natalizia per ingraziarsi chi lo caccerà a pedate. E invece, caro Daniele, glielo scrivo con sincera stima e unisco alle parole gli auguri di serene festività.

  • Daniele Imperi 6 dicembre 2011 at 19:57

    @Gianluca: grazie :) Da un po’ anche io tendo a scriverla solo per le pagine statiche.

    @Enrico: ;)

    @Frank: grazie, Frank, auguri ricambiati e grazie per questi commenti di stile :)

  • Lisa Corradini 6 dicembre 2011 at 21:24

    Interessante come sempre.
    Grazie per le sue lezioni signor maestro.

  • Romina 7 dicembre 2011 at 10:49

    Mi sa che con questi argomenti più tecnici mi stai perdendo per strada… in blogger difficilmente uso il codice html e dove la devo inserire dunque la descrizione? Dovrei tornare al caro codice html, lo so… In ogni caso, bella lezione come sempre!

  • Fammi conoscere la tua opinione sul post

© 2010 - 2014 Penna blu - Ideazione e web design di Daniele Imperi - Torna su