Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Una mattinata fra i libri, alla fiera Più libri più liberi

Più libri più liberiSono appena tornato dalla fiera della piccola e media editoria, Più libri più liberi, riportando a casa un po’ di carta stampata, come sempre ogni anno.

Rispetto all’anno scorso non mi è sembrato di trovare molte novità. Però è stato bello poter camminare in mezzo a tanti libri. Sono entrato che mancavano un paio di minuti all’apertura, e così ho vagato in un silenzio di carta per corsie semi-deserte.

Poi la fiera ha cominciato a popolarsi, gente di ogni età e intere scolaresche si affollavano per i vari stand, sbirciando, leggendo, comprando.

È stata una mattinata ben spesa. Mi sono chiesto quanti, fra tutti quegli studenti portati là a forza dagli insegnanti, fossero davvero interessati a leggere un libro, a scoprire novità letterarie.

Poi ho sentito tre ragazzine che si affannavano a cercare la biografia del protagonista vampiro del film sulla saga Twilight, quel tipo allampanato e pallido come un cadavere, con due borse sotto gli occhi che pare davvero un non-morto.

E allora ho avuto la mia risposta. In fondo ci vuole un bel talento a scrivere la biografia di un attore poco più che ventenne, quindi anche quella, suppongo, sia letteratura.

Ho adocchiato e acquistato quattro libri:

  • C’era una volta New York di Luc Sante. Storia e leggenda dei bassifondi. La città fra ottocento e novecento, gli scenari e la vita di immigrati e poliziotti, di gente povera e di criminali. Un argomento che mi ha sempre affascinato.
  • Virginia e gli Uomini Mostro di Edgar Rice Burroughs. Un’avventura all’insegna di Frankenstein, un esperimento pericoloso e inconcepibile. A me Burroughs piace sempre, ho divorato i romanzi su Tarzan e su Carter di Marte.
  • “Smoke” Bellew di Jack London. Storia di un soprannome nel Klondike. Racconti sulla corsa all’oro, di un autore che bisogna leggere. Lo scrittore che dichiarò guerra agli aggettivi. Devo leggerlo più spesso, perché nelle mie storie ci sono più aggettivi che concetti.
  • L’errore del creato di Jack London. Le ultime avventure di “Smoke” Bellew. Nuove storie sul personaggio, in un libro arricchito da fotografie d’epoca in bianco e nero.

Un commento

  1. 150+ idee per scrivere post
    18 settembre 2013 alle 05:02 Rispondi

    […] Parla di un evento a cui hai partecipato: racconta la tua presenza a un evento e inserisci anche delle foto che hai scattato.  Una mattinata fra i libri, alla fiera Più libri più liberi. […]

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.