Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Google+ per gli scrittori

Google+Google+ è il nuovo social network creato da Google, che sostituisce il precedente profilo personale che qualcuno aveva creato sul motore di ricerca. Io sono già diversi anni che ho un profilo su Google e, quando è stato attivato il Plus, il vecchio profilo è stato soppiantato dal nuovo.

L’interfaccia di Google+ è molto simile a quella di Facebook. Il meu orizzontale con la biografia che corrisponde alle info di Facebook, le immagini, i video, ecc. Il menu laterale, con l’elenco dei contatti. Possiamo dire che Google+ è un Facebook senza la parte goliardica.

Impostazione del profilo personale

La descrizione

La prima cosa da scrivere è una sorta di descrizione che comparirà sotto al vostro nome. Riassumete in una frase più breve possibile ciò di cui vi occupate. Questa descrizione è importante perché comparirà nei risultati di Google se qualcuno cerca il vostro nome.

Accanto alla descrizione inserite anche l’url del vostro sito. Non apparirà linkabile, ma non ha importanza. Contribuisce a diffondere comunque il vostro sito.

La biografia

Alla voce Introduction inserirete invece una vostra biografia. Qui non avete limiti di spazio, potete dilungarvi, formattare il testo, inserire link. Non occorre pubblicare un intero curriculum, ma una biografia che riassuma la vostra occupazione, sottolineando che siete scrittori, o copywriter, o blogger.

L’impiego

La terza voce da impostare è una delle più importanti: Employment. Ossia l’impiego, di cosa vi occupate. Nei risultati di Google è il primo testo che si leggerà. È quello che vi identifica. Subito sotto appare la descrizione e un estratto della biografia.

È quindi chiaro che impiego e descrizione giocano un ruolo fondamentale nel vostro profilo, poiché hanno la funzione di identificarvi come professionisti in un certo settore.

I link

Accanto all’introduzione, ossia alla biografia, c’è un menu laterale, a destra, chiamato Link. Qui inserirete i link ai vostri siti. Anche questa parte del vostro profilo ha la sua importanza, poiché nei risultati di Google i primi tre link saranno visibili.

Sotto l’estratto della biografia, infatti, saranno presenti tre “sitelink”, come vengono chiamati da Google. In un sito i sitelink visibili nei risultati delle ricerche sono link a pagine interne del sito, che hanno avuto un traffico maggiore, quindi sono per Google più importanti e utili delle altre. In questo caso sono semplicemente link che puntano a vostri siti.

Profilo Google+

Creazione delle cerchie dei contatti

Cerchie Google+Google+ propone le cerchie (circles) contro le amicizie di Facebook. È possibile aggiungere persone ai vostri contatti, al vostro profilo, e assegnare loro una precisa cerchia. Quindi si possono catalogare i contatti.

Una volta entrati nella home page, cliccate sul simbolo delle cerchie, quindi cominciate a crearne una. Io ho creato la cerchia Editoria e scrittori, in cui ho inserito persone che si occupano di scrittura, editoria, letteratura.

Cerchie Google+A che servono le cerchie?

L’utilità principale consiste nel condividere i vostri contenuti scegliendo il pubblico più adatto. Se condivido il link di un mio articolo sul marketing editoriale, è logico che interessi maggiormente soltanto ad alcuni dei miei contatti, quelli che ho inserito nella cerchia di editori e scrittori.

Cerchie Google+

Condivisione dei contenuti

Anche la condivisione dei contenuti è simile a quella di Facebook, ma presenta delle funzioni in più, come appunto quella che ho appena accennato, sulla scelta dei contatti a cui mostrarli.

Per condividere un contenuto, link o immagine, entrate nella home page di Google+. A differenza di Facebook, non si possono inserire link direttamente dalla pagina del profilo.

Inserite quindi il vostro link e scegliete la cerchia a cui mostrarlo. Scegliendo Public, il link sarà visibile a tutti i vostri contatti.

Condivisione contenuti su Google+

Come può essere utile Google+ per gli scrittori?

Anche in Google+ è possibile reperire informazioni sui vostri argomenti preferiti. Nel menu laterale a sinistra cliccate alla voce Sparks. Google+ vi propone dieci argomenti, ma nel motore di ricerca potete cercare le informazioni a cui siete interessati e salvare quella ricerca.

Io ho così creato due mie fonti di informazione: book marketing e writing. Queste ricerche salvate mi compaiono nel menu Sparks e una volta aperte mi forniscono l’elenco di tutto ciò che è stato condiviso pubblicamente su Google+ in merito a quei temi.

Contenuti su Google+

13 Commenti

  1. Romina
    13 settembre 2011 alle 08:40 Rispondi

    Ora devo documentarmi anche su Google+! Credo di avere un account perché il mio blog fa in qualche modo riferimento a Google+… Devo sistemare il profilo però!

    “Possiamo dire che Google+ è un Facebook senza la parte goliardica”… questa frase sembra scritta per me! Lo so che non l’hai fatto apposta, però, se volevi farmi amare Google+, probabilmente ci sei riuscito!

  2. Romina
    13 settembre 2011 alle 08:46 Rispondi

    Sono ancora io… sono corsa a iscrivermi a Google+, ma non mi è stato possibile. Un misero avviso ha frenato il mio entusiasmo:

    “Google+ è in fase di prova con accesso limitato
    Al momento stiamo testando il progetto Google+ con un ristretto numero di persone, ma presto sarà aperto a tutti. Lasciaci il tuo indirizzo email e sarai il primo a sapere quando saremo pronti a invitare più persone.
    Già invitato? Abbiamo temporaneamente superato il limite massimo di utenti. Riprova presto.”

    Come si usa dire: ritenta e sarai più fortunato!
    Peccato perché il tuo post mi aveva proprio incuriosita!

  3. Daniele Imperi
    13 settembre 2011 alle 08:49 Rispondi

    Provo a invitarti io, allora.

  4. Romina
    13 settembre 2011 alle 11:17 Rispondi

    Grazie mille!

  5. Sekhemty
    13 settembre 2011 alle 17:23 Rispondi

    Un commento che non c’entra niente col post in questione.
    In ogni caso mi piacciono un sacco le icone che metti sempre nelle introduzioni dei tuoi articoli. Hanno un aspetto pulito e gradevole.

  6. Daniele Imperi
    13 settembre 2011 alle 17:27 Rispondi

    Grazie Sekhemty :D

  7. Michela
    14 settembre 2011 alle 00:34 Rispondi

    Un altro bell’articolo.
    C’erano diverse cose che non sapevo. Voglio usare Google Plus più per l’attività di programmazione che non per la scrittura (o almeno per entrambe), e sono tutti consigli che servono anche per questo :)

  8. Daniele Imperi
    14 settembre 2011 alle 08:52 Rispondi

    Grazie :)

  9. Il meglio di Penna blu – Settembre 2011
    1 ottobre 2011 alle 12:04 Rispondi

    […] Continua a leggere Google+ per gli scrittori. […]

  10. Google Plus per l’editoria
    31 gennaio 2012 alle 05:03 Rispondi

    […] Per la creazione delle cerchie, si veda il mio articolo su Google+ per gli scrittori. […]

  11. Sofia Stella
    2 febbraio 2012 alle 23:08 Rispondi

    Questo post contiene alcuni suggerimenti sull’utilizzo delle cerchie a cui non avevo pensato…:-)

  12. Come creare gruppi di lettura online
    12 marzo 2012 alle 05:08 Rispondi

    […] Google Plus permette ora di creare delle business page, ossia una sorta di pagine fan sul modello di quelle di Facebook. La business page di Google+ diventerà il vostro circolo di lettura. […]

  13. Come promuovere un libro a basso costo
    14 novembre 2012 alle 12:42 Rispondi

    […] Google+: anche su Google Plus potete creare una pagina per la vostra opera. Chiedete ai vostri contatti di inserirla nelle loro cerchie. È gratis. […]

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.