Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Creare e distribuire una cartella stampa editoriale

Cartella stampa editoriale

La scorsa settimana ho parlato di tutto il materiale necessario a creare un kit stampa editoriale. Adesso che il kit è pronto – diciamo che “dovrebbe esserlo” – va preparata la cartella stampa, quindi un raccoglitore virtuale che contiene tutto il materiale.

La cartella stampa deve essere poi distribuita, altrimenti è inutile realizzarla, e infine aggiornata. Cominciamo a vedere come creare una cartella.

Come creare una cartella stampa

Riepiloghiamo il materiale stampa del nostro kit:

  1. Lettera di accompagnamento: un documento in pdf.
  2. Sinossi e indice del libro: un documento in pdf.
  3. Biografia dell’autore: un documento in pdf.
  4. Copertina del libro: un’immagine ad alta risoluzione in formato jpg.
  5. Fotografia dell’autore: un’immagine ad alta risoluzione in formato jpg.
  6. Pagine di esempio del libro: un documento in pdf.
  7. Comunicato stampa del lancio del libro: un documento in pdf.
  8. Recensioni del libro: un documento in pdf.
  9. Soffietti editoriali: un documento in pdf.
  10. Interviste all’autore: un documento in pdf.
  11. Estremi del libro: un documento in pdf.
  12. Brochure: un documento in pdf.
  13. Materiale extra: un documento in pdf.
  14. Book trailer: un documento in pdf.
  15. Libro in pdf: un documento in pdf.
  16. Contatti: un documento in pdf.

Ho scelto il formato pdf perché può essere letto da tutti. Come rendere disponibile tutto questo materiale, che alla fine avrà un certo peso in termini di kb? Creando una vera e propria cartella utilizzando a scelta due software gratuiti:

  1. WinZip
  2. WinRar

In questo modo avrete in un unico file tutto il vostro kit stampa, nei formati .zip o .rar.

Come distribuire una cartella stampa

Ora che avete pronta la vostra cartella stampa, dovete distribuirla. Il sito di una casa editrice dovrebbe avere una pagina dedicata all’ufficio stampa, in cui mostrare come minimo un’email a cui scrivere per avere informazioni relative alle pubblicazioni.

In una pagina del genere si dovrà segnalare anche dove reperire il materiale stampa di un libro. Mi viene logico pensare che il link per il download della cartella stampa debba risiedere nella pagina della scheda del libro.

Far sapere in rete che è disponibile la cartella stampa è una buona idea, che a ben pochi verrà in mente. In che modo? È presto detto:

  • scrivere e inviare un comunicato stampa;
  • annunciare nel sito della casa editrice la possibilità di scaricare la cartella stampa;
  • segnalarlo sulla newsletter, su Twitter e Facebook.

Aggiornamento di una cartella stampa

Una cartella stampa va aggiornata. E pensando a tutto il materiale che contiene non risulta difficile capire perché:

  1. la casa editrice potrebbe aver modificato la sua linea editoriale;
  2. la copertina del libro potrebbe essere stata modificata, specialmente all’uscita di una nuova edizione;
  3. l’autore potrebbe avere nuove pubblicazioni da inserire nella sua biografia;
  4. il libro stesso potrebbe essere stato revisionato, quindi avere nuova sinossi e nuovo indice;
  5. possono essere disponibili altre recensioni dell’opera e interviste all’autore;
  6. anche gli estremi del libro cambieranno con la nuova edizione;
  7. può essere presente altro materiale extra oppure non essere più valido quello già realizzato.

Questi sono solo alcuni motivi che rendono necessario un aggiornamento della cartella stampa. Una casa editrice, inoltre, dovrebbe poter monitorare tutto ciò che si vocifera attorno alle sue pubblicazioni.

Uno strumento utile in tal senso è il servizio gratuito di Google alert: basta inserire una parola chiave, per esempio il titolo del libro, il nome dell’autore o della casa editrice, e periodicamente riceverete un’email con i link alle pagine in cui si parla di quegli argomenti.

Conclusione

Realizzare una cartella stampa è un lavoro a cui né scrittore né editore devono sottrarsi e, soprattutto, è un lavoro di collaborazione reciproca. Un buon ufficio stampa deve poter rendere fruibili dal sito le cartelle stampa delle sue pubblicazioni.

Il kit stampa non deve essere considerato come un insieme di materiali sempre validi, perché non è così. È materiale sempre in evoluzione e per questo motivo una cartella stampa ha bisogno continuamente di manutenzione.

5 Commenti

  1. Romina
    14 novembre 2011 alle 08:47 Rispondi

    Ecco svelato il mistero! Da quando hai iniziato a parlare dei kit stampa continuavo a chiedermi: è poi che me ne faccio? Ecco la risposta!
    Bene… io sicuramente preparerò il kit stampa prima possibile… di fatto ho già tutto il materiale e si tratta solo di metterlo insieme. Devo però informarmi sull’ufficio stampa della mia casa editrice, perché non ne so nulla!
    Utilissimo anche il consiglio di usare Google Alert!
    E anche oggi mille nuove scoperte!

    P.S. Solo una cosa: come si fa a inserire un booktrailer in un PDF? Per il mio prossimo libro ho intenzione di farne uno, ma non sono praticissima con i video e non saprei proprio come fare a trasformarlo in PDF. Per gli altri documenti è facile perché sono solamente scritti, ma con i video… Grazie mille!

  2. Gianluca Santini
    14 novembre 2011 alle 10:16 Rispondi

    Bene, bene! :)

    @Romina: lo aveva spiegato nel post precedente: “Se è stato realizzato un book trailer del libro, includete in un documento in pdf – che permetterà di aprire il link – il collegamento alla pagina in cui rendete disponibile il vostro trailer.”

    PS: Daniele, ti ho mandato due email, una sabato e una ieri, mi puoi dire se le hai lette e darmi un ok definitivo? :)

    Ciao,
    Gianluca

  3. Romina
    14 novembre 2011 alle 21:06 Rispondi

    @Gianluca Santini: Hai ragione… avevo capito la frase dello scorso post, ma oggi ho frainteso e pensavo che il video dovesse essere inserito nel pdf… colpa mia… grazie per la puntualizzazione!

  4. Creare e distribuire una cartella stampa editoriale | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
    16 novembre 2011 alle 08:56 Rispondi

    […] Creare e distribuire una cartella stampa editoriale […]

  5. Daniele Imperi
    17 novembre 2011 alle 18:20 Rispondi

    @Romina: buon lavoro, allora :)

    @Gianluca: manco da venerdì, ma ho ricevuto tutto e ti ho risposto poco fa ;)

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.