Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Un libro al mese – Gara letteraria

La corsa selvaticaPer chi non lo spesse, ULAM significa Un Libro Al Mese e è una gara letteraria indetta dal forum di Edizioni XII, nata da poco sulla scia della già collaudata USAM (Una Storia Al Mese). Se per la seconda era necessario scrivere un racconto di qualsiasi genere, per ULAM bisogna scrivere una storia spin off su uno dei libri pubblicati dalla casa editrice.

Questo implica una difficoltà maggiore, secondo me. Bisogna ovviamente aver letto il libro del mese – perché ogni mese è dedicato a un libro specifico – e bisogna essere davvero in sintonia con quel libro, per poter tirare fuori un racconto su quell’ambientazione, quella trama, quei personaggi, ecc.

A me l’idea è subito piaciuta, ma ho dovuto aspettare fino a maggio per poter partecipare. Di tutti i libri che avevo letto di quella casa purtroppo mancavano i primi “protagonisti” di ULAM.

Questo mese è per La corsa selvatica di Riccardo Coltri. Uno dei romanzi più belli che abbia mai letto. Appena ho saputo che a maggio ULAM sarebbe stata dedicata a questo libro, ho cominciato immediatamente a pensare a una storia.

E l’ho trovata. Subito. L’idea è venuta da sola, ho buttato giù qualche appunto, ho pensato a un titolo, che poi ho cambiato. Ho creato dei personaggi nuovi, ho definito meglio quell’idea, ho fatto una scaletta coi punti da sviluppare.

E infine ho cominciato a scrivere. È stato bello creare una storia su un mondo di cui avevo letto, che m’aveva appassionato. È stato soprattutto divertente. Ho cercato di ricreare anche lo stile, o meglio il modo di scrivere, dell’autore, per rendere la storia parte integrante della creazione di Coltri.

Non so se sia stata una buona pensata. Non so se il mio racconto vincerà o riceverà buoni commenti. L’importante è che per me sia stata una bella esperienza di scrittura. A chi non piace – o piacerebbe – scrivere un racconto su un libro che ha amato? Essere per una volta dietro le quinte del romanzo che ha letto, non più in veste di lettore, ma di autore?

Il mio racconto è online, per chi ha voglia di leggerlo. Sono quasi ventimila caratteri, il massimo consentito dalla gara.

La caccia selvatica

Corri, Zamin, corri!
Ansimava, sudando sotto il tabarro, nonostante il freddo. Il campo era ormai distante, dietro di lui, lontano forse anche nel tempo.
No, era successo da poco. Il campo era morto e poi risorto. E la gente… stava ricostruendo ciò che era stato dimenticato.

Leggi il racconto La caccia selvatica sul forum.

4 Commenti

  1. Gianluca Santini
    2 maggio 2011 alle 20:26 Rispondi

    Io avevo partecipato a quello di Diario Pulp, ed è stata una bella esperienza. Anche secondo me comporta una difficoltà maggiore rispetto a USAM o Minuti Contati, ma come sottolinei anche tu è proprio divertente. Riuscire a calarsi nella ambientazione, muovere i personaggi che ci hanno appassionato durante la scrittura… sono tutte cose non da poco! :)

    Ciao,
    Gianluca

  2. Daniele Imperi
    2 maggio 2011 alle 20:33 Rispondi

    Basta vedere anche l’esiguo numero di partecipanti :)

  3. Gianluca Santini
    2 maggio 2011 alle 21:34 Rispondi

    Decisamente! Non so nelle altre edizioni ma a quella di marzo di diario pulp hanno dovuto dare una proroga perché prima eravamo proprio pochini pochini! :P

  4. Frank Spada
    13 maggio 2011 alle 16:29 Rispondi

    Apprendo ora ufficialmente che l’amico Raffaele Serafini ha vinto il concorso VinciRobin con il racconto “Un Faust esordiente”.
    Complimenti e che il Gelo lo attanagli dal rimorso di aver venduto l’anima!

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.