Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Scrivere post in anticipo o giorno per giorno?

Tazzina di caffè

Gestire i contenuti di un blog comporta essenzialmente due metodi di lavoro:

  1. anticipare la scrittura dei post, scrivere quindi articoli seguendo un buon ritmo in modo da poterli pubblicare in anticipo;
  2. scrivere giorno per giorno il post che deve uscire e rischiare di non rispettare una certa periodicità.

Si tratta di scelte, ovviamente. In un blog amatoriale possiamo dire che il problema non si pone. Ma in blog aziendali e professionali – e in questi includo anche blog non aperti a scopo lavorativo – gestire un calendario editoriale fa parte del blogging.

Scrivere in anticipo i post

Io scrivo in anticipo ormai da diverso tempo. Sono quasi tre mesi in anticipo con l’uscita dei post. Per fare un esempio concreto, ho scritto questo articolo il 6 maggio e è stato pubblicato oggi, 6 agosto.

Forse esagero, ma in questo periodo il mio futuro è molto incerto e preferisco quindi avere pronti i post per il mio blog e non rischiare di saltare un giorno di pubblicazione. Quando le cose si stabilizzeranno, me la prenderò con più calma, ma ritengo che essere almeno due settimane in anticipo sia un metodo da seguire.

Vantaggi di scrivere in anticipo i post

  • Migliore gestione del calendario editoriale: posso avere una panoramica di ciò che ho programmato e fare spostamenti in funzione dei post che ho scritto. Do la precedenza ai guest post, per esempio, e quando arrivano sposto ciò che ho programmato per inserire l’articolo dell’ospite.
  • Minore rischio di saltare pubblicazioni: posso andarmene in vacanza per tre settimane e il mio blog continua a produrre contenuti ogni giorno. Sarà sempre aggiornato e non perderò visite. Il blog sarà sempre vivo e non darà l’impressione di essere abbandonato.
  • Anticipare il lavoro: anche se non devo partire, mi ritrovo comunque il lavoro di scrittura anticipato. Posso concedermi giorni di riposo e non pensare al blog – in realtà non avviene, ma per qualcuno sarà senz’altro così.

Scrivere giorno per giorno i post

C’è chi preferisce scrivere man mano che pubblica. Questo metodo richiede secondo me una grande risorsa che non tutti possiedono: il tempo a disposizione. Chi lavora come libero professionista e ha un ufficio proprio è totalmente padrone del suo tempo. Durante l’arco della giornata lavorativa potrà organizzarsi per scrivere il post da pubblicare il giorno dopo. E così può fare chi è studente o disoccupato.

Qualcuno pensa che scrivere e pubblicare giorno per giorno significhi dare ai post più spontaneità, ma non sono d’accordo su questo punto. Anche se un blog è diverso dalla carta stampata, quando leggete una rivista gli articoli sono stati scritti magari settimane prima. In un quotidiano no, ma è normale, perché deve dare notizie fresche.

Ci sono blog di notizie e in quelli il lavoro di scrittura è frenetico, perché vale la regola dell’immediatezza della pubblicazione: prima esce il post e prima conquisti il tuo pubblico.

Scrivete giorno per giorno o in anticipo?

Forse dipende molto anche dal blogger, a prescindere dal tipo di blog che possiede. Per qualcuno non è un problema pubblicare quando se ne ricorda o senza una cadenza precisa.

Che metodo usate per scrivere post nei vostri blog? Vi anticipate sul lavoro o scrivete oggi il post che esce domani?

23 Commenti

  1. MikiMoz
    6 agosto 2013 alle 10:23 Rispondi

    Ciao Dani!
    Dunque… io innanzitutto ho una bella agendina dove ho segnato tutti i post da fare, gli argomenti da trattare, con le parole chiave per ricordarmi tutto.
    Un esempio concreto: il mio ultimo post, quello sui film estivi replicati in tv negli anni ’90, nel mio taccuino aveva un titolo e poi il nome dei film che ho inserito.
    Ma la breve trama l’ho scritta di getto. Ecco, io devo lasciami comunque un ampio spazio… di improvvisazione.

    Però, nonostante tutto, io ho già una sorta di scheda dove so quali post pubblicare, e alcuni me li preparo qualche giorno prima…
    Uno solamente è in attesa dallo scorso gennaio, ma è un caso limite: spesso si tratta di massimo una settimana! :)

    Moz-

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:43 Rispondi

      Ciao Miki,
      il tuo metodo mi sembra buono, ma tutto sta nel trovare il proprio modo di gestire il blog.

  2. Lucia Donati
    6 agosto 2013 alle 11:35 Rispondi

    Sempre anticipare. E possibilmente avere una “scorta” di post. Se poi si sono programmate le uscite è anche meglio…

  3. Roberto Gerosa
    6 agosto 2013 alle 12:01 Rispondi

    Io purtroppo non riesco a scrivere in anticipo. Il problema è che quando attraverso periodi come questo, in cui trovo un lavoro che mi porta via tanto tempo (un lavoro tradizionale, non sui social) va a finire che trascuro il blog inesorabilmente…

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:45 Rispondi

      Ti capisco, quando hai poco tempo gestire il blog non è facile. Prova a fare una sorta di programma, in modo da ritagliarti un tempo nella giornata da dedicare al blog.

  4. Romina Tamerici
    6 agosto 2013 alle 12:51 Rispondi

    Io sono per la scrittura in anticipo. Fino ad alcuni mesi fa riuscivo ad avere sempre un buon margine di post pronti (non sono mai arrivata ai tuoi livelli, però!). Da un po’ di mesi purtroppo non è più così, ma non è la soluzione ottimale per me. Anche perché avendo il programma del mese mi ritrovo a volte a dover fare i salti mortali per rispettare gli impegni.

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:48 Rispondi

      Io adesso preferisco essere molto in anticipo perché ho ancora un futuro incerto, ma un giorno vorrei perndermela più comoda, diciamo, e arrivare al massimo a un mese in anticipo.

  5. Valentina Falcinelli
    6 agosto 2013 alle 13:34 Rispondi

    Organizzato e lungimirante. Bravo Daniele :)

    P.S.: Io non credo che la pianificazione possa inficiare sulla spontaneità. E sono convinta che, se pure tu avessi scritto il 6 maggio qualcosa che non avresti condiviso oggi, non avresti pubblicato il post. O lo avresti corretto.

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:49 Rispondi

      Grazie, Valentina e benvenuta :)

      Hai ragione, la pianificazione non pregiudica la spontaneità. E se avessi cambiato idea nel frattempo, non avrei pubblicato il post o l’avrei corretto.

      Anche se pianifico con così grande anticipo, rileggo sempre i post qualche giorno prima di pubblicarli.

  6. Maria Grazia
    6 agosto 2013 alle 14:50 Rispondi

    Ciao Daniele,
    per il momento preferisco scrivere di volta in volta, appena ho tempo e ispirazione, ma porto sempre con me un’agendina dove appunto suggestioni, spunti e idee da sviluppare. La programmazione dei post, per me, è un obiettivo ambizioso in questo momento ma spero di poterci arrivare a breve. :)

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:50 Rispondi

      Ciao Maria Grazia,

      l’agendina per prendere appunti è un ottimo modo per non perdere le idee. E un primo passo verso la pianificazione :)

  7. Giovanni Capotorto
    6 agosto 2013 alle 15:41 Rispondi

    Non ho ancora iniziato di pianificare i post e per ora procedo un po’ come capita, ma credo che sia meglio scrivere in anticipo almeno una parte degli articoli, anche per crearsi una riserva utile quando non si sa cosa scrivere.
    Una domanda per chi ha già questa abitudine: utilizzate le opzioni per l’invio automatico dei messaggi in una certa data oppure preferite scrivere a parte il post e poi copiarlo e inviarlo manualmente sul blog quando necessario?

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:51 Rispondi

      Io scrivo il post con Writer di OpenOffice e poi incollo il testo sull’editor del blog.

  8. Cristiana Tumedei
    6 agosto 2013 alle 19:08 Rispondi

    Ciao Imperi,
    penso sia inutile ribadire l’importanza della programmazione. Anche se, a volte, una rigidità eccessiva può portare a dei limiti evidenti.

    Per esempio, su QuiCopy – avendo tutto pianificato in anticipo – faticavo a capire quali priorità assegnare ai post. Insomma, modificare il calendario editoriale era sempre un’impresa.

    Richieste dei lettori, post approfondimento o iniziative estemporanee mi mettevano in crisi. Questo, però, già lo sai :)

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:55 Rispondi

      Ciao Tumedei,

      hai ragione sulla rigidità. Anche io ho modificato più volte il calendario.

      E ho deciso che da dopo l’estate sarà più libero il blog: come hai detto, “richieste dei lettori, post approfondimento o iniziative estemporanee” avranno la precedenza.

      In più, io ho avuto la bella idea dei “Prossimi post”, che mi obbligava quindi a modifiche maggiori se cambiavo il calendario. Ma per questa bella idea ho in serbo una sorpresa ;)

  9. carola
    6 agosto 2013 alle 20:38 Rispondi

    Tutto al momento, ma il mio blog non fa testo :-) non è un blog di nicchia né sviluppa un solo argomento, nel mio caso ci vuole un po’ di ordine, poi il resto si crea giorno per giorno momento per momento.A parte a certi scritti che restano in stand by per qualche giorno se non mesi :-)
    Un saluto

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 19:56 Rispondi

      L’ordine nel blog ci vuole sempre, specialmente se tratti di argomenti disparati.

  10. Kinsy
    7 agosto 2013 alle 22:05 Rispondi

    Sto iniziando ora a programmare una serie di post. Prima, in effetti mi affidavo alla “quotidianità”. Uso le virgolette, perché come hai detto tu, il fatto di scrivere giorno per giorno implicava il tempo a disposizione, che in realtà non ho (non molto almeno). Così aggiornavo il blog raramente e senza continuità. E non credo proprio che ciò desse l’idea di un blog più spontaneo!

  11. Tiziana
    9 agosto 2013 alle 00:09 Rispondi

    Ciao Daniele, sono iscritta da poco e sto leggendo man mano i tuoi contenuti. Io ho un blog ancora non professionale, e ho ancora la cattiva abitudine di non fare il calendario editoriale. È comunque uno degli obiettivi che mi sono prefissata soprattutto per non trovarmi a corto idee come invece capita spesso :)

    • Daniele Imperi
      9 agosto 2013 alle 20:00 Rispondi

      Ciao Tiziana e benvenuta nel blog.

      Ho visto il tuo blog e mi sembra ben fatto. Vedrai che riuscirai presto a gestire un calendario editoriale.

  12. Scrivere post in anticipo o giorno per giorno? ...
    15 agosto 2013 alle 22:56 Rispondi

    […] I due metodi di scrittura dei post: scrivere articoli in anticipo e scriverli giorno per giorno.  […]

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.