Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Come scrivere un comunicato stampa editoriale

Comunicato stampa editorialeUna casa editrice ha spesso la necessità di scrivere e inviare un comunicato stampa. Molti comunicati che ho letto erano limitati a uno o due paragrafi, riportando in modo approssimativo e frettoloso l’uscita del romanzo o l’annuncio di un concorso letterario.

La stesura di un comunicato stampa editoriale – specialmente se si tratta di annunciare l’uscita di una nuova pubblicazione – va redatto in modo dettagliato, perché la sua funzione è quella di catturare l’attenzione.

Titolo

Come intitolare un comunicato stampa editoriale? Per il lancio di un libro si pensa al modo più logico, quindi al titolo stesso del libro seguito dal nome dell’autore. Ci sono pro e contro su questa scelta.

  1. Pro: il lettore capisce subito che si tratta di un libro e libro e autore vengono diffusi in rete.
  2. Contro: se l’autore è sconosciuto, titolo del libro e nome dell’autore non comunicheranno nulla ai lettori.

È quindi davvero necessario usare il titolo del libro? A pensarci bene, se esce un nuovo libro di Stephen King o di Andrea Camilleri – o di qualunque altro scrittore famoso – che cosa leggeremo nei comunicati? Proviamo a fare delle ipotesi:

  • Nuovo romanzo di Stephen King
  • Torna in libreria Montalbano: nuovo giallo di Camilleri
  • Stephen King pubblica il seguito di It
  • Cormac McCarthy: nuovo romanzo dopo dieci anni
  • L’ultimo capitolo della saga di George R.R. Martin in libreria

e via dicendo. Che cosa hanno in comune questi titoli di comunicati? Oltre al fatto che sono relativi a opere di scrittori conosciuti, sono titoli sensazionali, perché catturano l’attenzione del lettore. Il punto da considerare è proprio quello: incuriosire il lettore, spingerlo a leggere.

Qualche mese fa è uscito il romanzo di Ian Delacroix Il Grande Notturno. Vediamo due titoli che avremmo potuto usare per il comunicato del lancio del libro:

  1. Il Grande Notturno di Ian Delacroix
  2. Migliaia di topi invadono Milano

Quale dei due ha più effetto? Quale crea più curiosità e attenzione? Quale dei due comunicati sareste stati più spinti a leggere?

Sommario

Inserire un sommario, quindi un vero riassunto del comunicato, serve a spiegare al lettore di cosa si sta parlando. Lettore che troverà nel sommario la giustificazione del titolo.

Un buon sommario deve avere la lunghezza massima di un paragrafo, quindi due, tre frasi appena, perché la sua funzione è appunto di riassumere ciò che state annunciando e di aumentare la curiosità.

Differenziate il sommario dal testo vero e proprio del comunicato stampa scrivendolo in corsivo. In questo modo salterà agli occhi di chi legge.

Il primo paragrafo o la legge delle 5W

Nella scrittura per il web – e quindi anche nei comunicati stampa online – il primo paragrafo è molto importante, perché deve contenere già le informazioni che il lettore vuole sapere.

La legge delle 5W (What, Who, Why, Where, When) è ormai arcinota. In un comunicato stampa dovete comunicare appunto di che cosa state parlando (un libro), chi è il personaggio coinvolto (lo scrittore), perché ne state parlando (per esempio, è uscito il libro), dove si svolge l’evento (in questo caso non ha senso un luogo, ma il dove può essere la libreria e l’acquisto del libro online), quando si svolge l’evento (indicare la data di uscita del libro).

Sono tutte informazioni che possono essere contenute in un unico paragrafo.

Dettagli sul libro: il secondo e terzo paragrafo

Nei due paragrafi successivi vanno aggiunti dei dettagli sul libro. Questi paragrafi hanno lo scopo di alimentare la curiosità del lettore, di spingerlo a voler acquistare il libro. Sto ovviamente ipotizzando un comunicato sul lancio del libro, ma lo stesso discorso vale per qualsiasi tipo di comunicato editoriale.

  • Che cosa rende questo libro migliore degli altri?
  • Perché si dovrebbe leggere?
  • Che argomenti tratta?
  • Perché è così innovativo?
  • Che cosa offre al lettore?

Rispondete a queste domande in due paragrafi.

Quarta di copertina

Inserite nel quarto paragrafo il testo della quarta di copertina, che rappresenta una sorta di sinossi del libro, un testo che introduce sì il lettore nel tema del libro, ma senza svelargli troppo della trama.

È anche meglio scrivere un testo appositamente per il comunicato, sulla scia di quello redatto per la quarta di copertina. Ma in ogni caso deve essere un testo che stuzzica il lettore, che lo invoglia a scoprire di più su quell’opera.

Biografia dell’autore o profilo aziendale

Non ha senso pubblicare un comunicato di stampa editoriale sull’uscita di un libro senza parlare dell’autore. Nel caso, invece, si tratti di un evento editoriale – come la partecipazione a una mostra sui libri – la biografia dell’autore sarà sostituita dal profilo della casa editrice.

Dedicate a queste informazioni uno o due paragrafi, esponendo in modo conciso la carriera letteraria dello scrittore o le caratteristiche della casa editrice.

Contatti

Un ultimo paragrafo deve essere dedicato ai contatti. Inseritene quanto più possibile, anche in funzione del regolamento del sito in cui sarà pubblicato il comunicato (che potrebbe accettare un numero limitato di link).

Per contatti intendo:

  • la scheda del libro (in cui è anche possibile acquistarlo)
  • l’eventuale sito dell’autore
  • la pagina di Facebook della casa editrice e dell’autore
  • il profilo su Twitter

Il lettore, spinto all’azione, deve poter eseguire quell’azione, quindi acquistare il libro, oppure leggere più dettagli su un preciso evento.

10 Commenti

  1. Romina
    28 aprile 2012 alle 13:14 Rispondi

    Questo post è davvero fenomenale! Come aveva fatto a sfuggirmi! Sicuramente è ricco di tanti consigli utili. Grazie!

  2. Come creare un piano di marketing per un libro #5 – La promozione online
    11 giugno 2012 alle 05:02 Rispondi

    […] Comunicati stampa per diffondere qualsiasi notizia inerente la casa editrice. […]

  3. Giovanni
    29 settembre 2012 alle 10:43 Rispondi

    Sto scrivendo giusto ora il comunicato stampa della mia raccolta di racconti seguendo le tue indicazioni. :) Grazie mille, Daniele. Se vuoi posso ricambiare inviandoti l’e-book :) .

  4. Come promuovere un libro a basso costo
    14 novembre 2012 alle 12:41 Rispondi

    […] stampa: scrivete un comunicato stampa per annunciare l’uscita del vostro libro. Se non sapete scriverne uno, in rete è pieno di […]

  5. 15 modi per lanciare un libro online
    14 novembre 2012 alle 12:42 Rispondi

    […] stampa: il comunicato stampa editoriale è il primo passo da compiere per lanciare il proprio libro. Diffonde la notizia dell’uscita […]

  6. Federico
    3 marzo 2013 alle 21:57 Rispondi

    Un immenso grazie ate Daniele.
    Sono un neo scrittore, sto preparando il lncio del mio primo libro e sono felicissimo di avere letto questo post.
    Grazie di nuovo
    Fed Frankie

  7. Sara Durantini
    4 marzo 2013 alle 11:32 Rispondi

    Questo post è ben fatto e contiene molti spunti di riflessione. Ad esempio il fatto che si parla di comunicato stampa da inviare al lettore. Prima di arrivare al cuore del lettore, il comunicato dovrebbe arrivare al cuore del giornalista e poi al lettore. Altra cosa che pensavo mentre leggevo: il comunicato stampa deve essere promozionale ma non troppo. Se, rileggendolo, abbiamo la sensazione che stiamo facendo eccessiva pressione sull’acquisto del libro o sulla partecipazione alla mostra/evento allora significa che dobbiamo dare un’aggiustatina qua e là. Non so, che dici?

    • Daniele Imperi
      4 marzo 2013 alle 11:54 Rispondi

      Hai ragione, deve essere promozionale, perché lo è in fondo, ma non troppo :)

  8. mariangela ferrarini
    12 marzo 2015 alle 09:06 Rispondi

    Questo sito mi piace un fracco,ottimi suggerimenti per i neofiti…Ma mi chiedi: il comunicato stampa non serve pure ad un personaggi noto ( o semi-noto) per lanciare messaggi sulla sua vita privata ( matrimoni, lutti, nascite, etc…)?

    • Daniele Imperi
      12 marzo 2015 alle 09:45 Rispondi

      Cao Mariangela, grazie e benvenuta.
      I personaggi famosi usano i comunicati stampa anche per quei motivi. Nel post però parlavo di comunicati stampa per l’editoria, quindi in quel caso il discorso familiare non c’entra.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.