Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Scrittori sociali?

Scrittori sociali

Un post di Laura Salesa, che sta avviando una campagna di sensibilizzazione sul sentirsi realmente sociali, mi ha fatto riflettere sull’enorme verità che contiene quel messaggio. La domanda che si pone Laura è: siamo veramente sociali?

Rivolgo questa domanda agli scrittori, ai blogger, ai copywriter. Quanto tempo passate davanti ai vostri computer o cellulari per interagire coi vostri lettori, colleghi? E quanto ne trascorrete invece incontrando realmente quelle persone?

Negli anni passati ho partecipato ad alcuni raduni di forum. Uno all’anno. È sufficiente per definirsi sociali? È sufficiente per uno scrittore conquistare il suo pubblico? È sufficiente per un copywriter farsi conoscere dai suoi clienti?

La risposta è no.

13 Commenti

  1. franco zoccheddu
    21 luglio 2013 alle 11:03 Rispondi

    Scusa per l’ovvietà, ma: dipende dal motivo per cui si passa il tempo a stare in rete. Se l’obiettivo si raggiunge così, allora è ok. Se invece l’obiettivo ha a che vedere anche con l’interazione diretta, interagire solo via bytes non va. L’avevo detto che avrei scritto un’ovvietà…

  2. Giuliana
    21 luglio 2013 alle 11:16 Rispondi

    Cosa sono i raduni di forum?

    Personalmente, spendo pochissimo tempo sui social network; preferisco utilizzarlo per fare altro, come leggere e scrivere. Se ho aperto degli account su Facebook, Twitter e Google + è solo e unicamente per il blog: pur essendo socievole ed espansiva, non mi piacciono molto come mezzi di comunicazione, tutto qui. Sono una persona “fisica”, preferisco dunque un bel faccia a faccia, quattro chiacchiere davanti a una tazza di caffè e un abbraccio caldo e avvolgente, elementi che il computer non è in grado di dare.

    Inoltre, con gli anni sono diventata piuttosto selettiva nella scelta delle amicizie, sia virtuali che reali; un po’ perché cambio spesso città ed è difficile mantenere i rapporti a distanza, un po’ perché tendo ad escludere le persone opportuniste e quelle superficiali, che reputano la marca di una borsetta più importante della personalità di chi hanno di fronte. Mi piace anche chi sa ascoltare, e non sono in molti a saperlo fare.

    Sul web ho stretto poche amicizie, che però reputo davvero belle. Con una ragazza in particolare ci scriviamo spesso delle lunghe e-mail, dove parliamo di noi, della nostra vita, delle nostre emozioni, delle nostre paure. E’ una persona speciale, con cui avverto una profonda sintonia; sono certa che un giorno ci incontreremo e che sarà come se ci conoscessimo da sempre.

    Per il resto, non ho mai incontrato le persone con cui ho interagito sul web, ma non escludo che possa accadere. Forse a volte ho paura di mescolare troppo vita reale e vita virtuale e preferisco tenere le due piuttosto separate. Quando però conosci qualcuno che ne vale la pena, le regole vanno un po’ a farsi friggere, e l’istinto prende il sopravvento. Benedetta imprevedibilità ;)

    • Daniele Imperi
      21 luglio 2013 alle 18:58 Rispondi

      Si tratta di forum a cui partecipavo e che hanno organizzato dei raduni, quindi ci siamo visti – non tutti, ovvio – in agriturismi o altrove per un fine settimana.

      Un po’ concordo con te sulle amicizie. Ma dipende sempre dai casi. Resta il fatto che l’interazione faccia a faccia sia sempre più intensa e produttiva di quella a distanza.

  3. MikiMoz
    21 luglio 2013 alle 13:52 Rispondi

    Non mi intendo della cosa, sinceramente.
    Io mi sento sociale perché gran parte del mio tempo lo passo in mezzo alla gente, gente che poi leggerà anche il mio blog e il mio twitter :)
    Con una buona birra non virtuale :p

    Moz-

    • Daniele Imperi
      21 luglio 2013 alle 18:58 Rispondi

      E di che ti devi intendere? Di incontrare gente? :D
      La birra non virtuale ci sta bene ;)

      • MikiMoz
        21 luglio 2013 alle 20:44 Rispondi

        Non mi intendo del potenziamento social (web) della mia persona :)

        Moz-

  4. Davide Q.
    21 luglio 2013 alle 18:12 Rispondi

    Emh… Io ho un piccolo problema: soffro d’Asperger. E prima che tu me lo chieda: no, non me la sono autodiagnosticata, me l’ha diagnosticata uno psicologo.

  5. Fabrizio Urdis
    24 luglio 2013 alle 02:01 Rispondi

    Io non utilizzavo internet attivamente ( cercavo solo ciò che mi serviva ) ma da qualche mese sto cercando di interagire sempre di più perchè mi sono reso conto che social network e blog sono un ottimo metodo per trovare persone che condividono i tuoi stessi interessi e mi aiutano a far conoscere il mio lavoro.
    Penso siano strumenti molto utili che possono aiutare a capire meglio la società.
    Ci passo ( quando posso ) dalle tre alle quattro ore al giorno ma penso che la mia ignoranza in materia i faccia perdere parecchio tempo. :-)

    • Daniele Imperi
      24 luglio 2013 alle 07:58 Rispondi

      Oggi blog e social media sono legati e se vuoi avere visibilità e risultati non puoi farne a meno.

  6. Laura Salesa
    5 agosto 2013 alle 16:11 Rispondi

    Hi Daniele, thank you so much for posting my poster and campaign on your blog. This will be the first of a few awareness posters, I will keep you posted!
    Thaks, Laura.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.