Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Scrittori: come costruire una reputazione online

Aprire un blog prima dell’uscita del libro

Reputazione online

Un modo per evitare di restare nell’ombra come scrittori è farsi conoscere prima di pubblicare un libro. È per questo motivo che chi ama scrivere deve aprire un blog e iniziare a ottenere un piccolo pubblico.

L’aspirante scrittore deve guardare a un blog come a una sorta di salotto letterario. Il blog è una parte della sua casa, della sua vita quindi, in cui invita chiunque a leggere ciò che scrive, da articoli a saggi, da racconti a poesie, a pensieri sparsi.

Non sto parlando di un blog totalmente dedicato alla scrittura e alla letteratura, ma di un blog nel senso generale del termine. Un luogo virtuale in cui scrivere di tutto ciò che viene in mente. L’aspirante scrittore deciderà da sé quale argomento trattare nel blog e che taglio dare ai suoi articoli.

Un blog come archivio di opere

Col tempo l’aspirante scrittore avrà riempito il suo blog di post e racconti, e magari anche di romanzi. Di ebook gratuiti su qualsiasi tema. Col tempo l’aspirante scrittore avrà realizzato un suo personale archivio online di ciò che ha scritto.

Chiunque entri nel suo blog potrà leggere le sue opere, articoli o racconti. Non solo gli abituali frequentatori del blog, ma ognuno che troverà in rete il suo blog.

I lettori del blog come futuri lettori di un libro

Col tempo l’aspirante scrittore avrà ottenuto una sua cerchia di lettori nel blog, utenti che ritornano spesso a commentare, che magari ha conosciuto di persona, che hanno apprezzato ciò che scrive.

Quegli stessi lettori sono probabili lettori del libro che pubblicherà, quando dalla posizione di aspirante scrittore sarà promosso alla categoria di scrittore emergente. E il suo blog torna a quel punto utile, perché sarà là che pubblicizzerà il suo libro.

La reputazione online costruita post dopo post

Per uno scrittore aspirante un blog è proprio questo: un mezzo per farsi conoscere ancor prima di vedere il suo nome stampato sulla copertina di un libro. È dire al mondo: «io ho scritto un libro» e sapere che qualcuno, al mondo, sa chi è quel tizio sulla copertina.

Un blog, per l’aspirante scrittore, è ciò che avrebbero desiderato un tempo altri scrittori, che hanno faticato per emergere, che non avevano i mezzi che offre oggi la tecnologia, tecnologia ancora così poco sfruttata.

Conclusione

Se vuoi pubblicare un libro domani, devi aprire un blog oggi.

10 Commenti

  1. Frank Spada
    16 aprile 2012 alle 09:58 Rispondi

    Il passato, come il presente in un blog che non è un blog, o in una fan page aperta con il consenso altrui ma in compagnia di uno pseudonimo, del suo compare e…
    ci troverete qui
    http://blog.robinedizioni.it/frank-spada
    http://it-it.facebook.com/pages/Frank-Spada-fan-page/257176230970982
    Grazie per l’ospitalità.
    ps – preciso che non sono iscritto a Facebook, ma anche questo Daniele lo sa già.

  2. ferruccio
    16 aprile 2012 alle 10:37 Rispondi

    Mi trovi concorde al cento per cento

  3. Salomon Xeno
    16 aprile 2012 alle 11:47 Rispondi

    Le potenzialità di avere uno spazio aggiornato sul web con il quale farsi conoscere è notevole. Inoltre, per uno scrittore affermato, è un ottimo modo per mantenere un rapporto stretto con i fan.

  4. Scrittori: come costruire una reputazione online | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
    16 aprile 2012 alle 15:11 Rispondi

    […] background-position: 50% 0px; background-color:#222222; background-repeat : no-repeat; } pennablu.it – Today, 3:11 […]

  5. Romina
    16 aprile 2012 alle 23:05 Rispondi

    Se avessi letto questo post un anno fa, non ci avrei creduto, ma da quando ho aperto un blog tutto ciò ha assunto una grande importanza. Sono d’accordo su tutta la linea!

  6. Alessia
    5 gennaio 2013 alle 15:37 Rispondi

    qual è il sito più consigliato per iniziare a tenere un blog? perchè io ne avevo uno ma non era molto conosciuto..era tanti anni fa però

    • Daniele Imperi
      5 gennaio 2013 alle 16:02 Rispondi

      Ciao Alessia,
      intendi un blog che parla di come gestire un blog? In questo caso ti consiglio Problogger, in inglese.

  7. Alvise
    17 febbraio 2013 alle 14:37 Rispondi

    Io avrei intenzione di creare al più presto un blog, ma ho alcune domande al riguardo: non c’è il rischio che qualcuno possa appropriarsi del racconto o della storia che si pubblica? E quale sito specifico è più valido per la creazione di un blog? Grazie per la disponibilità

    • Daniele Imperi
      17 febbraio 2013 alle 14:40 Rispondi

      Ciao Alvise,
      una volta che hai pubblicato i tuoi racconti online, è come se ci fosse una prova che sono tuoi. Inoltre ti consiglio di non pubblicare racconti veramente validi, racconti cioè che potrebbero essere pubblicati da una casa editrice. La miglior piattaforma per blog è WordPress, ma solo la versione che installi su un tuo spazio.

      • Alvise
        17 febbraio 2013 alle 14:51 Rispondi

        Grazie mille per la cortese e puntuale risposta! Allora prenderò in considerazione l’idea di mettere i miei racconti meno efficaci, così se i lettori non vomiteranno, potrò dire di avere qualche speranza di pubblicare in futuro!

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.