Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Redigere o redarre?

Grammatica

Ho letto online questo verbo in tutti e due i modi. Ho perfino scovato un sito che riporta la coniugazione del verbo redarre.

La confusione proviene dal fatto che sono di uso comune le parole “redatto” e “redazione”, dunque viene naturale supporre (?) che il verbo che funge da sorgente sia “redarre”.

Nel dizionario Zingarelli accanto a questa forma c’è scritto chiaramente da evitare.

Il verbo esatto, corretto, è redigere. Stampatevelo a fuoco nella mente. Redigere proviene dal latino redigo, parola composta da red e ago, con vari significati, ben lontani da quello che in epoca moderna gli abbiamo attribuito.

Quello più vicino è radunare, perché quando si redige un documento di qualsiasi genere si radunano, in fondo, varie informazioni.

Ricordate, dunque, che l’infinito di questo verbo è redigere. Nella coniugazione esistono quasi 50 forme verbali simili a redigere, contro una (redatto, redassi, redasse, redassero) simile all’erroneo redarre.

18 Commenti

  1. Romina
    1 febbraio 2012 alle 12:50 Rispondi

    Non sai quanto mi sia utile questo post! Ultimamente ho incontrato una persona che con il suo uso della parola “redarre” mi ha davvero sconvolto! Devo dire che sono abbastanza soddisfatta di avere ragione (capita molto di rado, ma è una bella sensazione!).

  2. franco zoccheddu
    1 febbraio 2012 alle 16:08 Rispondi

    L’uso, bruttissimo, di “redarre” anzichè l’elegante (e corretto) “redigere” mi ha fatto pensare a un analogo uso, forse tecnicamente esatto, di “prelevamento” anzichè il vecchio e musicale “prelievo”. Mi sembra che tendano ad usare termini anonimi i burocrati. Ma d’altra parte: perchè lo stupidissimo “scannerizzare” al posto dell’adattissimo ed elegantissimo “scandire”? E che dite dello “spalmare” ormai adottato dai giornalisti al posto del classico “distribuire”? Mah!

  3. Daniele Imperi
    1 febbraio 2012 alle 16:22 Rispondi

    @Romina: basta cercare in rete e troverai tante pagine che contengono la parola “redarre”.

    @Franco: “scannerizzare” è osceno, non solo stupido. Esiste il verbo scandire, che è l’unico giusto. Magari ci scrivo un post. Sull’italiano dei giornalisti sorvolo.

  4. Lisa Corradini
    1 febbraio 2012 alle 22:58 Rispondi

    Sarà un mio errore di lettura ma non mi è ancora capitato di trovare la parola “redarre”.
    Che tra l’altro suona malissimo.

  5. Henryx
    2 febbraio 2012 alle 00:40 Rispondi

    Daniele Imperi: @Romina: basta cercare in rete e troverai tante pagine che contengono la parola “redarre”.@Franco: “scannerizzare” è osceno, non solo stupido. Esiste il verbo scandire, che è l’unico giusto. Magari ci scrivo un post. Sull’italiano dei giornalisti sorvolo.

    se “scannerizzare” significa usare uno scanner (per leggere ad esempio dei codici a barre) secondo me la parola giusta è “scansionare” (ma magari mi sbaglio)

  6. franco zoccheddu
    3 febbraio 2012 alle 21:13 Rispondi

    Secondo me, poichè “to scan” in inglese corrisponde a “scandire”, scanner è “colui (o lo strumento) che scandisce”. In italiano non esiste “scanditore”, per cui trovo appropriato l’uso ormai corrente di non tradurre “scanner” ma lasciarlo com’è. Però esiste la parola scansione: dunque “to scan all the channels” può tradursi bene o con “scandire (controllare) tutti i canali”, “eseguire la scansione (il controllo) di tutti i canali”, etc. Lo scanner per documenti cartacei scandisce una dopo l’altra (digitalizzandole) le sottili strisce nelle quali per comodità scompone virtualmente la superficie del foglio. Personalmente eviterei “scansionare”.

    • ROBERTO CENSI
      28 maggio 2016 alle 10:05 Rispondi

      Non condivido quanto ha detto Franco. a mio avviso scandire attiene di più all’uso e recita della parola netta, precisa, teatrale mentre scansionare mi pare la letterale traduzione del brutto scannerizzare.

      • Daniele Imperi
        30 maggio 2016 alle 07:48 Rispondi

        Ciao Roberto, benvenuto nel blog. Scandire, in effetti, anche a me dà l’idea di un altro significato, perché siamo soliti dire “scandire le parole”.

  7. Andrew (bandreabis)
    11 ottobre 2012 alle 09:15 Rispondi

    Non venendomi in mente il corretto infinito di “redatto” ieri mi è uscito un orrendo “redarre” che suonava male anche a me stesso, al che la mia collega mi ha “correttamente corretto” con “redigere”. Ma non sapevo che cercando notizie su questo verbo avrei trovate lotte così dure, anche se in verità anche a me piace parlare correttamente e migliorare la qualità del mio italiano (anche se questo post la qualità è minima).

    Per quanto riguarda “scanner” e scannerizzare/scandire/scansire io penso che essendo una parola inglese possa essere corretto usare un termine bastardo come “scanner-are” o un termine secondo me più corretto di “digitalizzare”. Cosa ne pensate?

    • Daniele Imperi
      11 ottobre 2012 alle 13:10 Rispondi

      Scannerare non si può proprio sentire… e digitalizzare proviene da digitale, quindi perché non sarebbe corretto?

  8. Andrew (bandreabis)
    11 ottobre 2012 alle 09:17 Rispondi

    Andrew (bandreabis)
    Non venendomi in mente il corretto infinito di “redatto” ieri mi è uscito un orrendo “redarre” che suonava male anche a me stesso, al che la mia collega mi ha “correttamente corretto” con “redigere”. Ma non sapevo che cercando notizie su questo verbo avrei trovate lotte così dure, anche se in verità anche a me piace parlare correttamente e migliorare la qualità del mio italiano (anche se questo post la qualità è minima).
    Per quanto riguarda “scanner” e scannerizzare/scandire/scansire io penso che essendo una parola inglese possa essere corretto usare un termine bastardo come “scanner-are” o un termine secondo me più corretto di “digitalizzare”. Cosa ne pensate?
    0  0Comment awaiting moderation.

    Parlo dell’accezione informatica naturalmente. Come suggeriva franco zoccheddu

  9. aurora
    2 giugno 2014 alle 16:40 Rispondi

    anche a me è uscito un inascoltabile redarre..ringrazio questo blog per aver fugato dalla mia memoria lessicale indotta questo bizzarro scherzo delle irregolarità dei verbi italiani. ho trovato interessanti i dibattiti sull’uso del verbo scannerizzare (ricorda qualcosa di truce, di preistorico, qualche pratica del macellaio medievale)..ma esiste un nome italiano per lo scanner? dopo lo cerco. un saluto, aurora. grazie

    • Daniele Imperi
      2 giugno 2014 alle 18:23 Rispondi

      Ciao Aurora, benvenuta.

      Non credo esista un termine italiano per scanner, ma se lo trovi facci sapere .9

  10. aurora
    3 giugno 2014 alle 00:23 Rispondi

    ciao..per “scanner” ho trovato cose tipo esploratore..analizzatore..scanditore di versi (mi ricorda gli spingitori di spingitori…mmbbuti!!!)..la traduzione più serena è lettore ottico. ma non la userà mai nessuno! :OD buona notte di sonnoo di lavoro.buona notte.

    • Daniele Imperi
      3 giugno 2014 alle 07:52 Rispondi

      Lettore ottico è meglio, ma in effetti nessuno la userà. Grazie per la buona notte, le mie sono sempre notti di sonno, mai di lavoro :D

  11. Fabio
    16 ottobre 2014 alle 14:54 Rispondi

    … e “redazione” è secondo voi corretto?

    Esempio:
    La “redazione” del testo spetta a…..

    http://www.treccani.it/vocabolario/redazione_(Sinonimi-e-Contrari)/

    • Daniele Imperi
      16 ottobre 2014 alle 15:36 Rispondi

      Ciao Fabio, benvenuto nel blog. Certo, la parola è esatta e può significare sia la stesura di un testo sia il gruppo di persone in una rivista o casa editrice.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.