Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

10 parole nuove da usare #20

10 parole nuove

Di nuovo la rubrica dedicata agli esercizi di scrittura con parole nuove trovate durante le mie letture. Per diversi numeri è un unico romanzo che garantirà nuovi numeri della rubrica.

Si tratta di Suttree di Cormac McCarthy, in cui ho scovato parecchie parole che non conoscevo, romanzo su cui ho scritto sia una recensione sia un articolo.

  1. Boiserie: trovata a pagina 91 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Rivestimento di legno lavorato delle pareti.
  2. Abscissione: trovata a pagina 93 del libro Suttree di Cormac McCarthy. È il distacco di organi destinati a cadere, come fiori, petali.
  3. Datura: trovata a pagina 109 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Pianta delle Solanacee.
  4. Flox: trovata a pagina 109 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Pianta del genere del lino.
  5. Lisimachie: trovata a pagina 109 del libro Suttree di Cormac McCarthy. O nummolarie, piante dei luoghi freschi.
  6. Warfarin: trovata a pagina 117 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Anticoagulante usato nel 1948 come pesticida.
  7. Niellati: trovata a pagina 117 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Oggetti d’oro e argento lavorati a niello.
  8. Pacciame: trovata a pagina 120 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Residui vegetali in decomposizione.
  9. Rinterzo: trovata a pagina 122 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Tiro al biliardo.
  10. Treponema: trovata a pagina 128 del libro Suttree di Cormac McCarthy. Organismo unicellulare, a movimenti serpentiformi.

Esercizi con le dieci parole nuove

Sulla strada assolata la casa apparve in un miraggio confuso di immagini evanescenti e l’uomo, in un primo momento, non seppe dire se fosse reale o meno. Quando si avvicinò sfiorò con dita tremanti le boiserie rovinate dal tempo e gli infissi che sporgevano dalle pareti nude. A terra vide le tavole che le rivestivano, cadute in una sorta di abscissione voluta dai secoli. Ora marcivano su quel terreno abbandonato.

Attorno all’antica magione datura e flox crescevano in abbondanza, uniche abitanti di quel luogo silente, e ciuffi di lisimachie avevano conquistato le zone dove l’ombra della casa era perenne.

Entrò.

All’interno, buio e desolato, c’erano solo polvere e mobilio in pezzi e resti delle vite precedenti. Scatole di warfarin ammuffite si alternavano a carogne rinsecchite di topi.

Salì sull’ampia scala fino al piano superiore. In una camera trovò alcuni gioielli niellati macchiati da una patina violacea che non osò toccare.

Ridiscese e uscì all’aria aperta. Fece il giro della costruzione, dove mucchi di pacciame ribollivano su una pozza d’acqua fetida e nera. Si coprì il naso con una mano e indietreggiò.

Qualcosa si mosse sotto quell’acqua putrida.

L’uomo fece qualche altro passo indietro finché un enorme tentacolo uscì dall’acqua in un’esplosione di liquidi viscidi e puzzolenti e filamenti vegetali e residui organici neri e lo fece cadere. Il tentacolo attaccò con rinterzi e colpi che mancarono l’uomo e sbrecciarono il muro della casa.

Sulla superficie della pozza si formò una sorta di bolla scura che assunse in breve la forma di un abnorme treponema. Il corpo serpentiforme saettò contro l’uomo come l’affondo di uno spadaccino e un urlo smorzato fu l’unico e ultimo suono che si udì in quel luogo maledetto.

7 Commenti

  1. Salomon Xeno
    19 luglio 2012 alle 10:01 Rispondi

    Stavolta non ne conosco nessuna! o.o

  2. Daniele Imperi
    19 luglio 2012 alle 10:04 Rispondi

    Salomon Xeno,

    Via con gli esercizi, allora! :)

  3. Lucia Donati
    19 luglio 2012 alle 10:07 Rispondi

    “Boiserie”, “datura” e “treponema” le conoscevo. Le altre, mai sentite.

  4. Romina Tamerici
    19 luglio 2012 alle 10:29 Rispondi

    Io conoscevo “datura” solo perché ne ho alcune piante a casa. Per il resto mi sembrano parole difficilissime, ma dato che io le userò il prossimo mese (sono sempre un mese indietro, anche se quelle del mese scorso le ho già usate!), ho molto tempo per pensarci!

    Il tuo esercizio mi è piaciuto molto, soprattutto come hai usato “treponema”: mi sto proprio chiedendo dove utilizzare questa parola!

  5. Daniele Imperi
    19 luglio 2012 alle 10:39 Rispondi

    @Lucia: io invece nessuna :)

    @Romina: treponema infatti non è così semplice da usare…

  6. Recenso
    19 luglio 2012 alle 12:42 Rispondi

    Io conoscevo solo treponema, avendo un biologo in casa…

  7. Romina Tamerici
    7 agosto 2012 alle 00:11 Rispondi

    Ho appena caricato il mio esercizio sul blog. Ho tentato anche di essere molto sintetica questa volta! Speriamo bene…
    http://tamerici-romina.blogspot.it/2012/08/esercizio-di-scrittura-10-parole-nuove.html

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.