Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Obiettivo e risultati

Obiettivo e risultati

Scrivere i testi di un sito significa principalmente scrivere per un pubblico. Non importa se si tratta di un sito commerciale, professionale o solo amatoriale, stiamo scrivendo per i lettori. E per raggiungere un obiettivo.

La scrittura dei nostri contenuti punta a ottenere dei risultati, in termini di denaro o solo visite, soddisfazione personale o fama. Sono i risultati che ci prefiggiamo che devono guidare la nostra scrittura.

Conoscere il lettore

Si scrive per i lettori. Ma quali lettori?

  • Chi sono?
  • Che gusti hanno?
  • Cosa vogliono leggere nel nostro sito?
  • Cosa possiamo offrire loro?

Sono domande a cui bisogna rispondere e che rientrano nella pianificazione dei contenuti. Rientrano anche nell’analisi della concorrenza, però. Perché una volta conosciuta la nostra concorrenza, possiamo farci un’idea di quale sia e quando grande sia il pubblico che la segue.

È naturale che nessuno possa sapere con certezza chi verrà a visitare il proprio sito, ma conoscendo a fondo il prodotto – ossia ciò che offre il sito – possiamo comprendere a quale pubblico sarà rivolto. Una libreria online si rivolge a tutti, ovviamente, ma un blog sui linguaggi di programmazione avrà un suo preciso pubblico.

L’analisi del prodotto porta alla conoscenza del pubblico.

Scrivere con la propria voce

È ciò che fa la differenza. È ciò che differenzia un sito dall’altro. L’obiettivo primario della scrittura dei contenuti è sì il lettore, ma siamo anche noi stessi. È attraverso la nostra scrittura che stiamo vendendo – quale che sia il significato che vogliamo dare a questa parola – ciò che pubblichiamo.

La scrittura dovrà puntare all’obiettivo del nostro sito. Dovrà quindi avere precise caratteristiche:

  1. concisa: testi brevi sono sempre preferibili – dove possibile – a testi lunghi. La brevità premia, ma ciò non significa che un sito debba avere pagine con 2-3 frasette striminzite, perché quelle saranno pagine inutili.
  2. Completa: andare a fondo del tema trattato, coprirlo interamente. Il lettore deve uscire soddisfatto dalla lettura di una pagina.
  3. Personale: scrivere sempre secondo il proprio punto di vista. Un sito è scritto da umani, la scrittura sarà quindi umana. Scordatevi la freddezza dei testi che siete abituati a leggere in burocratese, se non volete far fuggire il lettore.
  4. Chiara: siate comprensibili, non scrivete usando termini difficili o troppo tecnici. Chiunque deve capire ciò che scrivete.
  5. Visivamente appetibile: curate la grafica dell’intero sito e l’impaginazione delle pagine. Il testo scritto deve essere perfettamente leggibile.
  6. Corretta: evitate errori grammaticali e refusi. Rileggete ciò che scrivete.

Non ingannare e trascurare il lettore

Questo deve essere un altro degli obiettivi della scrittura dei contenuti. Un testo va curato in modo da ottenere la fiducia del lettore, specialmente se si tratta di un sito commerciale.

  • Trasparenza: il lettore deve sapere chi è che scrive. Il lettore deve leggere un testo che rispecchia realmente ciò che diffonde.
  • Interazione: il lettore non deve essere abbandonato a se stesso. Rispondere ai commenti e alle richieste dei lettori significa fidelizzare il lettore.

15 Commenti

  1. Lucia Donati
    4 dicembre 2012 alle 11:28 Rispondi

    Io scrivo per me e per le persone che si riconoscono in quello che scrivo. Anche chi non vi si riconosce, tuttavia, può trovare interessanti i miei scritti, per vari motivi. Io direi che un testo conciso e completo non sempre è possibile (dipende dal tema); forse bisognerebbe dire essenziale ma completo. Curare chi commenta è (quasi) d’obbligo per il padrone di casa attento.

    • Daniele Imperi
      4 dicembre 2012 alle 15:42 Rispondi

      Sì, forse essenziale è meglio che concico. I miei post non sempre sono concisi.

      • Lucia Donati
        4 dicembre 2012 alle 16:50 Rispondi

        I tuoi post, in linea di massima, sono abbastanza equillibrati.

  2. Alessandro C.
    4 dicembre 2012 alle 15:30 Rispondi

    beh, direi che hai detto tutto :)
    Quello che mi porta a smettere di seguire un blog è spesso la mancanza di personalità dei post. Scrivere un articolo vuol dire interpretare una infinitesimale parte di realtà. Il “come” può davvero fare la differenza.

    • Daniele Imperi
      4 dicembre 2012 alle 15:43 Rispondi

      Il “come”, hai ragione :) Possiamo farlo rientrare nel “personale”.

    • Lucia Donati
      4 dicembre 2012 alle 16:49 Rispondi

      Sì, il “come” in cui è inclusa la qualità.

  3. 3. Obiettivo e risultati | Penna Blu | Traduzione e diritto | Scoop.it
    4 dicembre 2012 alle 19:42 Rispondi

    […] Terzo articolo della serie "Come scrivere i contenuti di un sito"   Scrivere i testi di un sito significa principalmente scrivere per un pubblico. Non importa se si tratta di un sito commerciale, professionale o solo amatoriale, stiamo scrivendo per i lettori. E per raggiungere un obiettivo.   ☞ Conoscere il lettore ☞ Scrivere con la propria voce ☞ Non ingannare e trascurare il lettore   Penna blu di Daniele Imperi  […]

  4. 3. Obiettivo e risultati | Penna Blu | Web & Social Media Writing | Scoop.it
    4 dicembre 2012 alle 19:47 Rispondi

    […] "Come scrivere i contenuti di un sito", terzo articolo   Scrivere i testi di un sito significa principalmente scrivere per un pubblico. Non importa se si tratta di un sito commerciale, professionale o solo amatoriale, stiamo scrivendo per i lettori. E per raggiungere un obiettivo.   ☞ Conoscere il lettore ☞ Scrivere con la propria voce ☞ Non ingannare e trascurare il lettore   Penna blu di Daniele Imperi  […]

  5. franco zoccheddu
    4 dicembre 2012 alle 19:49 Rispondi

    Semplici ma non banali, profondi ma non paludosi, interessanti ma non accademici, seri ma non seriosi. Insomma il contrario di quasi tutti i miei proff del liceo. Viva i bloggers!

    • Daniele Imperi
      4 dicembre 2012 alle 20:07 Rispondi

      Sui professori del liceo è meglio metterci una pietra sopra… :) Tombale, magari.

  6. Obiettivo e risultati nello scrivere (sia libri che per il Web) | Diventa editore di te stesso | Scoop.it
    5 dicembre 2012 alle 10:05 Rispondi

    […] Scrivere i testi di un sito significa principalmente scrivere per un pubblico. Non importa se si tratta di un sito commerciale, professionale o solo amatoriale, stiamo scrivendo per i lettori. E per raggiungere un obiettivo.   La scrittura dei nostri contenuti punta a ottenere dei risultati, in termini di denaro o solo visite, soddisfazione personale o fama. Sono i risultati che ci prefiggiamo che devono guidare la nostra scrittura.   Si scrive per i lettori. Ma quali lettori? Chi sono?Che gusti hanno?Cosa vogliono leggere nel nostro sito?Cosa possiamo offrire loro? Sono domande a cui bisogna rispondere e che rientrano nella pianificazione dei nostri lavori. Rientrano anche nell’analisi della concorrenza, però. Perché una volta conosciuta la nostra concorrenza, possiamo farci un’idea di quale sia e quando grande sia il pubblico che la segue. Leggi tutto: http://pennablu.it/obiettivo-risultati/ […]

  7. Romina Tamerici
    8 dicembre 2012 alle 19:59 Rispondi

    Eh, essere concisi: l’eterno problema dei logorroici come me!

    • Daniele Imperi
      8 dicembre 2012 alle 20:06 Rispondi

      Stai migliorando, però, almeno nei racconti :D

      • Romina Tamerici
        9 dicembre 2012 alle 02:41 Rispondi

        Grazie! Sì, mi sto allenando nei racconti brevi, ma se non mi do dei limiti, è più facile che io scriva un testo lungo piuttosto che uno breve! Spero però di riuscire a controllarmi sempre meglio. Non tanto per diventare sintetica (mi piace essere logorroica, alla fine), ma perché in tante situazioni può essere molto utile saper stare nei limiti (es. nei concorsi).

  8. Il meglio di Penna Blu – Dicembre 2012
    1 gennaio 2013 alle 15:01 Rispondi

    […] Continua a leggere Obiettivo e risultati. […]

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.