Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Come trovare nomi e cognomi dei personaggi

Nome e cognome

Il nome di un personaggio riveste un ruolo importante nella storia, perché rappresenta il personaggio stesso e lo rende più credibile e reale al lettore. Tempo fa avevo scritto un articolo in cui parlavo di come creare i nomi dei personaggi, nomi che funzionassero. Ribadisco quanto scritto e sottolineo che un nome deve soddisfare quattro caratteristiche:

  1. leggibilità: un nome deve risultare scorrevole a leggersi, in modo che risulti anche facilmente memorizzabile;
  2. adattabilità: il nome deve adattarsi al personaggio, va considerato un elemento a incastro;
  3. attualità: il nome deve essere storicamente valido, ossia attinente al periodo storico del romanzo;
  4. regionalità: il nome deve essere geograficamente legato al personaggio.

Ho selezionato alcune risorse online che aiutano a cercare nomi e cognomi giusti dei personaggi, sia italiani sia stranieri, ma anche fantastici.

Nomi italiani

Il sito Nomix fornisce un corposo elenco di nomi italiani maschili e femminili, divisi in ordine alfabetico.

Cognomi italiani

Cognomix vi dà un elenco di circa undicimila cognomi italiani, tutti divisi in ordine alfabetico. In più potete visionare alcuni cognomi propri di ogni regione italiana.

Cognomi italiani dal 1200 alla prima metà del ‘900

Se cercate cognomi italiani per personaggi di storie ambientate al passato, questo sito offre un gran numero di cognomi a partire dal XIII secolo fino al XX. Alcuni link portano a pagine non più esistenti.

I 1000 cognomi stranieri più diffusi

House of Names vi dà i mille cognomi stranieri più diffusi, ordinati per alfabeto o per frequenza.

I 100 cognomi inglesi più diffusi

Su Genealogy di About.com potete avere un elenco dei 100 cognomi inglesi più comuni e per ogni cognome è riportato il significato e l’origine.

Nomi e cognomi celtici

Se cercate nomi celtici delle isole britanniche, sul sito Amethyst night potete trovare nomi maschili e femminili di Britannia, Cornovaglia, Isola di Man, Irlanda, Scozia, Galles e nomi celtici generici. Nel sito sono anche presenti cognomi irlandesi, scozzesi e gallesi e divinità celtiche.

Nomi nordici

Norvegesi, sami, islandesi, groenlandesi, finlandesi, faroesi, svedesi e danesi

Su Nordic Names avrete a disposizione un elenco di nomi maschili e femminili dal nord Europa, con loro significato. Sono anche presenti esempi di cognomi e nomi di personaggi mitologici.

Cognomi di 50 etnie e loro significato

Behind the Name è un sito che offre un elenco di nomi provenienti da ben cinquanta stati. Per ogni nome sono riportati significato e storia, in alcuni casi anche alcune varianti e la popolarità.

Nomi fatati

Il sito di Emma Davies vi permette di creare nomi maschili o femminili appartenenti al mondo delle Fate.

Nomi elfici e di hobbit

Con The Elvish Name Generator potete avere il vostro nome tradotto in elfico. Nello stesso sito c’è anche un generatore per nomi hobbit.

30 Commenti

  1. Maria Grazia Piemontese
    12 luglio 2013 alle 09:37 Rispondi

    Wow! Questo post potrebbe tornarmi molto utile per un progetto che, al momento, sta maturando solo nella mia testa ma che un domani metterò su carta o su word. ;)

  2. KINGO
    12 luglio 2013 alle 10:48 Rispondi

    Mah, io confido soprattutto sulla mia fantasia.
    Piuttosto che usare un generatore di nomi fantasy, mi metto a battere a caso le dita sulla tastiera.

    Per quel che riguarda i nomi storici… beh, per prenderci dimestichezza preferisco la via piu’ complicata: leggere i libri di storia (si’, esistono).

    Per i nomi moderni, vista la globalizzazione che c’e’ in atto, non c’e’ niente di strano nel trovare un francese che si chiami Ataki Mishimoto, un norvegese che si chiami Mohammed El Ghizlani, e un kenyano che si chiami Bernard Lagat. Quindi, spazio alla fantasia, bando a ogni barriera geografica.

    Poi, i nomi italiani… qui mi sento proprio imbarazzato… credo che chi non sia in grado di trovare da solo un nome e un cognome della propria nazionalita’, possa abbandonare sin da subito l’idea di diventare scrittore. Voglio dire, ma poi se fai un figlio come lo chiami, Frodo Beggins? Conan il barbaro?

    Va beh, la mia provocazione quotidiana l’ho fatta.

    • Daniele Imperi
      12 luglio 2013 alle 11:11 Rispondi

      Sui nomi fantasy mi trovi d’accordo: anche io sfrutto la mia fantasy.

      Per i romanzi storici va anche bene leggere libri di storia, ma fino a un certo punto: la storia è fatta di personaggi famosi, che sono pochi. Sarebbe invece interessante consultare documenti dell’epoca.

      • KINGO
        12 luglio 2013 alle 12:00 Rispondi

        Beh, di biografie sui personaggi famosi ce n’e’ tante, e sono una miniera di informazioni, specie sui nomi. Ad esempio, ti basta leggere un qualsiasi documento biografico su Garibaldi per capire quali fossero i nomi piu’ utilizzati nel risorgimento. Se poi leggi anche qualche documento dell’epoca, tipo gli editti, i giornali e gli stessi romanzi, allora il quadro della situazione ti diventa ancora piu’ chiaro.

        PS: Scusami se ti faccio una domanda completamente off topic, ma secondo te i motori di ricerca indicizzano meglio le immagini o i filmati?

  3. CervelloBacato
    12 luglio 2013 alle 11:39 Rispondi

    Oro questo articolo! Me lo metto tra i preferiti per ogni evenienza ;)

  4. Giuliana
    12 luglio 2013 alle 11:49 Rispondi

    Fantastico! Le risorse sui nomi celtici e nordici mi saranno utilissime per ciò che sto scrivendo, grazie per gli spunti :D
    A proposito, d’ora in poi chiamatemi Aredhel Narmolanya – il mio nome elfico ;)

    • Daniele Imperi
      12 luglio 2013 alle 12:26 Rispondi

      Allora buon lavoro, Aredhel ;)

      • Giuliana
        12 luglio 2013 alle 12:33 Rispondi

        Grazie, Lessien Falassion. Buon cammino anche a te, che il sole illumini i tuoi passi ;)

  5. Enzo
    12 luglio 2013 alle 11:55 Rispondi

    Non pensavo il nome ed il cognome fosse così importante in ua storia. Mi intrica quest’indicazione.
    Andrò a leggere, ciao

    • Daniele Imperi
      12 luglio 2013 alle 12:27 Rispondi

      I nomi sono molto importanti, Enzo, e vanno scelti con cura, perché dicono molto del personaggio.

  6. Enzo
    12 luglio 2013 alle 11:58 Rispondi

    E.-R.:
    “Non pensavo il nome ed il cognome fossero così importanti

    Sorry O_0

  7. Tenar
    12 luglio 2013 alle 15:22 Rispondi

    Un buon personaggio nella mia testa nasce già col suo nome.
    Però questo post è utilissimo, perché spesso a trovare i nomi alle comparse perdo ore.

    • Daniele Imperi
      12 luglio 2013 alle 15:35 Rispondi

      Grazie :)
      A me non capita, invece, non sempre almeno. Per gli altri perdo più tempo anch’io.

  8. Antonietta
    12 luglio 2013 alle 16:19 Rispondi

    Grazie Daniele, aspetto sempre i tuoi post che sono per me una vera miniera.
    Vorrei sapere se il nome e cognome sono importanti per la vibrazione che emanano o per l’immagine che noi spesso associamo a un determinato nome o cognome.
    Per essere più chiara, pensiamo a ciò che evoca il nome Deborah o, viceversa, Antonia.

    • Daniele Imperi
      12 luglio 2013 alle 16:37 Rispondi

      Ciao Antonietta,
      penso che l’importanza di nomi e cognomi sia duplice: sia per l’emozione che danno sia per l’associazione “visuale” al personaggio che ne facciamo.

  9. franco zoccheddu
    12 luglio 2013 alle 17:30 Rispondi

    Non so. Ognuno di noi nasce senza essersi scelto il nome. Non so. Devo riflettere sulla questione, tendo ascegliere i nomi in modo molto spontaneo e veloce, scopro solo dopo che un ragionamento inconscio c’è stato. Ma inconscio.

    • Daniele Imperi
      12 luglio 2013 alle 17:37 Rispondi

      Hai ragione anche tu. Ma una storia deve fare presa e ogni dettaglio è per me importante per dare forza al tutto.

  10. Lucia Donati
    13 luglio 2013 alle 14:51 Rispondi

    Per il mio primo romanzo, si parla di molti anni fa, il nome mi è venuto spontaneo; il nome del coprotagonista, egiziano, è stato più difficile, ma non tantissimo. Post utile e ben studiato.

  11. Kentral
    14 luglio 2013 alle 15:36 Rispondi

    Bel post, complimenti per le preziose risorse.

    Non so se puoi fare un’integrazione riguardo ai cognomi ispanici.
    Spagna, Sud America, Caraibi.

    Di recente ho avuto a che fare un personaggio protagonista Cileno.
    Non volevo i soliti cognomi: Garcia, Gonzalez ecc..
    Devo dire che ho sudato parecchio. Non trovando elenchi mi sono andato a spulciare tutte le squadre del campionato di calcio cileno.

    Un cognome che suonasse bene e non fosse scontato.
    Uno l’ho trovato ma nonostante le ricerche non sono propriamente soddisfatto.

  12. Roberto
    14 luglio 2013 alle 21:36 Rispondi

    Ci ho messo una settimana per trovare il nome del blog…. -.-“

  13. 999sickboy666
    20 agosto 2014 alle 15:30 Rispondi

    Le indicazioni possono essere utili, i quattro criteri elencati all’inizio, invece, lo sono meno – e rischiano d’essere direttamente dannosi.

    Leggibilità: nel mondo esistono persone che chiamano il proprio figlio “Mario” e altre che scelgono “Ermenegildo”. Non tutti i nomi sono scorrevoli e di facile memorizzazione.
    In compenso, quando si legge narrativa i nomi dei personaggi diventano “trasparenti”, al punto che possono anche essere ripetuti di frequente senza che questo appesantisca la lettura.
    Quindi, direi che questo non è un problema.

    Adattabilità: nessuno sceglie i nomi dei propri figli “adattandoli” alla personalità e, per fortuna, le persone non crescono adattandosi al proprio nome. Tutto è MOLTO più complicato di così, al punto che l’associazione tra il nome ed il modo di essere di una persona ha tratti del tutto casuali.
    Quindi, lo stesso principio dovrebbe valere nella narrativa (semmai, scrivendo un personaggio, è utile sapere PERCHE’ i suoi genitori abbiano scelto proprio quel nome e cosa quella particolare scelta ci dice di loro).

    Attualità e “regionalità”: questi possono essere elementi da tenere in debita considerazione a patto di non dimenticare il dato di realtà per cui viviamo in un mondo non solo globalizzato – come già ha scritto qualcuno – ma abitato da esseri umani a cui nessuno ha spiegato che devono operare scelte coerenti con il proprio substrato sociale e contesto culturale.
    Naturalmente, se scrive in ambito storico, diventa necessaria un’attenzione maggiore.

    Importante è capire e conoscere le MOTIVAZIONI che stanno dietro alla scelta di un nome. Se le motivazioni vengono comprese in modo organico, infatti, nulla vieta di avere un personaggio femminile, proveniente da una famiglia di umili origini di una piccola provincia italiana, di nome Chantal.

    Il discorso diventa leggermente più rigido con i cognomi, perché sono legati non a scelte ma a fattori più strettamente culturali, territoriali e genealogici ma, anche lì, la dinamica rimane la medesima: basta comprendere questi fattori e, di nuovo, ricordarsi che viviamo in un mondo globalizzato e fatto, essenzialmente, di contraddizioni e strane coincidenze.

    • Daniele Imperi
      20 agosto 2014 alle 20:17 Rispondi

      Ciao e benvenuto nel blog. Intervento interessante, ti rispondo al mio ritorno ché da cellulare è difficoltoso scrivere tanto :)

  14. Il linguaggio nel Fantastico
    3 settembre 2014 alle 05:00 Rispondi

    […] se non una storia ambientata in un universo secondario, immaginario? Ci si preoccupa sempre di trovare il nome giusto per i nostri personaggi, di creare i nomi per i luoghi, ma pensiamo mai al linguaggio? Qui non intendo come far comunicare […]

  15. Irenesar
    10 novembre 2014 alle 11:28 Rispondi

    A volte mi capito che, così, senza preavviso, mi vengono in menti nomi così interessanti che mi tocca scriverci subito un personaggio :). Una volta invece, ci ho messo mesi per trovare un cognome al personaggio e alla fine l’ho trovato! Ci vuole davvero tanta fantasia, comunque i generatori di nomi io li uso, sono utili per prendere spunto!

  16. Francesca
    28 maggio 2016 alle 17:21 Rispondi

    Complimenti e grazie. Un ottimo strumento.

    • Daniele Imperi
      30 maggio 2016 alle 07:49 Rispondi

      Ciao Francesca, benvenuta nel blog.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.