Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Marketing editoriale passivo

Marketing editoriale passivoSi può vendere un libro senza fare nulla? La risposta è si e no. Sì, perché esiste una forma di marketing che permette a case editrici e scrittori di promuovere il proprio libro – o più libri – semplicemente senza muoversi in tal senso. No, perché anche il “dolce far niente” richiede un minimo di lavoro.

Introduciamo oggi il concetto di marketing editoriale passivo, ossia quella forma di marketing che permette di promuovere un libro senza dispendio di denaro ed energie.

Firma nell’email

La firma personalizzata nelle email che inviate è importantissima perché vi permette di promuovere il libro ogni volta che ne spedite una. Se usate un programma di posta elettronica, come Thunderbird o Outlook, potete personalizzare la vostra email dal menu Strumenti.

Io uso Thunderbird e l’ho creata in HTML. Anche Gmail, sotto la voce Mail Settings, vi permette di creare una vostra firma personalizzata.

Pensate alle potenzialità che può avere una firma del genere:

  • potete inserire anche immagini, quindi la copertina di un libro a cui affiancare un estratto;
  • l’indirizzo del vostro sito;
  • l’indirizzo della scheda del libro per acquistarlo;
  • il vostro profilo Linkedin, se ne possedete uno.

Studiate attentamente tutte le informazioni da inserire nella vostra firma. Ecco un esempio, la mia firma per il blog Penna blu:

Firma

Profili personali sui siti

Avete attivato un profilo su Google? Sapete che il vostro profilo su Google apparirà nei risultati dei motori di ricerca Google e Yahoo (Bing sembra ignorarlo)?

Adesso che esiste Google Plus, che ha soppiantato il vecchio profilo Google (non era interattivo come G+), le possibilità di promozione sono aumentate, poiché già dai risultati delle ricerche su Google appaiono in bella mostra i link a siti di vostro interesse.

Sulle Informazioni inoltre potete impostare un profilo completo, una sorta di curriculum vitae online.

Facebook

Ormai avete tutti, o quasi, un profilo anche su Facebook. E voi scrittori, e voi editori, avete già pubblicizzato abbondantemente i vostri libri su Facebook. Ma a noi interessa oggi il lato “passivo” di Facebook.

Sotto la voce Istruzioni e lavoro potete inserire informazioni sulla vostra attività professionale. Sotto le informazioni di contatto, invece, potete inserire più link verso i vostri siti.

Considerate anche gli album fotografici. Creare un album sulle copertine dei libri che avete pubblicato aumenta l’esposizione dei vostri libri online. Su Facebook tornerò con un articolo dedicato per gli scrittori.

Twitter

Come avere marketing passivo su Twitter? Nel vostro profilo personale potete scrivere una breve descrizione di voi e della vostra attività e inserire un link a un vostro sito.

Chiunque vi trovi su Twitter potrà leggere quella descrizione che avete scritto e cliccare sul link. Scrittori e case editrici potranno portare traffico al proprio sito, se avranno saputo scrivere un testo accattivante. Anche su Twitter tornerò con un articolo dedicato per gli scrittori.

Linkedin

Linkedin è un social network professionale e ne parlerò più dettagliatamente con un articolo specifico. Quando aprite un profilo su Linkedin, dovrete inserire un vostro curriculum vitae.

Linkedin vi permette di avere fino a tre link nel profilo e per ogni link potete scegliere le giuste parole chiave per renderlo più performante.

Forum letterari

Siete iscritti a forum letterari? Come scrittori emergenti o aspiranti direi che è un passo obbligato per farsi conoscere e migliorare, soprattutto. In ogni forum potete impostare una vostra firma.

Se avete già pubblicato un libro, ecco il posto giusto per inserire l’immagine della copertina e mostrarla agli utenti del forum ogni volta che iniziate una discussione o rispondete a qualcuno. Alcuni forum vi permettono di inserire più link e immagini, sta quindi alla vostra creatività definire una firma per quei forum il più efficace possibile.

Il marketing editoriale passivo lavora sempre

Tutti questi link e tutte queste descrizioni rappresentano una fonte di informazioni e di traffico verso i vostri siti e, soprattutto, lavorano sempre, a ogni ora del giorno. Considerateli come punti fermi nel web, come presenze strategiche completamente gratuite, che possono migliorare la vostra visibilità online.

Ogni volta che vi iscrivete a un sito, guardatelo anche come una sorta di vetrina per il vostro libro. Impostare al meglio il proprio profilo è un’attività a cui dovete abituarvi.

Un commento

  1. I 3 livelli della promozione editoriale
    18 novembre 2011 alle 05:03 Rispondi

    […] parlato nel mese di agosto del marketing editoriale passivo. Come ha anche scritto Maria Zannini, è il più facile di tutto il marketing, perché, una volta […]

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.