Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Libri in uscita #28

Prima segnalazione di libri interessanti, almeno per i miei gusti, del nuovo anno. Abbastanza diversi tutti e quattro. Si tratta di due romanzi, una raccolta di saggi e un’antologia di racconti. I generi vanno dal poliziesco alla fantascienza al romanzo storico.

Temi che mi piacciono e vorrei acquistare a breve – e leggere – tutti e quattro i libri segnalati. Di uno si tornerà a parlare nel blog presto.

Guardie e ladri di Luca Pagnini

Guardie e ladriLuca Pagnini si affaccia alla narrativa con quindici racconti di non facile definizione. Non sono gialli, non sono noir, non sono pulp. O forse sono tutto questo. Di certo sono storie. Belle storie. Avvincenti, ben caratterizzate anche grazie all’esperienza sul campo che l’autore porta avanti da due decenni. Pagnini è autore poliedrico in grado di dare colore alla narrazione grazie ad una proprietà di linguaggio assolutamente superiore alla media. Si passa dal crollo psicologico interiore, all’indagine vera e propria, scivolando attraverso la sua Firenze che è presente anche nel linguaggio.

  • Guardie e ladri
  • Edizioni La Gru
  • 248 pagine
  • dicembre 2012

Scritti sul pensiero medievale di Umberto Eco

Scritti sul pensiero medievaleQuesto volume presenta scritti tutti già pubblicati ma che l’autore ha riunito per testimoniare della sua continua attenzione alla filosofia, all’estetica, alla semiotica medievale, sin dall’inizio dei suoi interessi storiografici degli anni universitari. Raccoglie così le ricerche sull’estetica medievale e in particolare quella di Tommaso d’Aquino, gli studi di semantica sull’arbor porphyriana e sulla fortuna medievale della nozione aristotelica di metafora, esplorazioni varie sul linguaggio animale, sulla falsificazione, sulle tecniche di riciclo nell’Età Media, sui testi di Beato di Liebana e della letteratura apocalittica, di Dante, di Lullo e del lullismo, su interpretazioni moderne dell’estetica tomista, compresi i testi giovanili di Joyce. Una seconda sezione raccoglie scritti meno accademicamente impegnativi ma che tuttavia possono fornire anche al lettore non specialista idee sul pensiero medievale e sui suoi vari ritorni in tempi moderni, con riflessioni sugli embrioni secondo Tommaso, l’estetica della luce nel paradiso dantesco, il Milione di Marco Polo, la miniatura irlandese e quella del tardo Medioevo, documentate visivamente in una succinta raccolta di immagini. Pur conservando a questi scritti, che coprono un arco di sessant’anni, la loro natura originale, l’autore li ha uniformati dal punto di vista bibliografico e redazionale, eliminando, seppure non del tutto, alcune riprese e ripetizioni.

  • Scritti sul pensiero medievale
  • Bompiani
  • 1344 pagine
  • 2012

Adam Robots di Adam Roberts

Adam RobotsPer la prima volta riuniti insieme i brevi racconti di Adam Roberts: un bell’esempio di storie di fantascienza, genere amato dall’autore, molte apparse in riviste e antologie e altre inedite. Storie che ti fanno pensare, ridere, meravigliare, inquietare. Storie che pongono domande, che mostrano misteri. Storie che intrattengono.

  • Adam Robots
  • Gollancz
  • 400 pagine
  • 17 gennaio 2013

1356 di Bernard Cornwell

1356Torna Thomas di Hookton, protagonista della trilogia sulla Ricerca del Graal. Thomas, conosciuto come le Batard, deve trovare la spada perduta di San Pietro, una lama dai poteri mistici che si dice garantisca la vittoria a chiunque la possieda. Anche i Francesi cercano quell’arma e così la ricerca di Thomas sarà ostacolata da battaglie e tradimenti, da promesse fatte e giuramenti infranti. Quando l’esercito inglese resta intrappolato vicino Poitiers, Thomas, le sue truppe di arcieri e mercenari, i suoi nemici e il destino della spada convergono in un maelstrom di violenza, azione e eroismo.

Ricco di personaggi ben delineati, avventura e conflitti emozionanti, 1356 è un magnifico racconto di come la ricerca di una reliquia sacra col potere di cambiare la storia può culminare in una lotta epica.

  • 1356
  • Harper
  • 432 pagine
  • 8 gennaio 2013

2 Commenti

  1. Alessandro C.
    12 gennaio 2013 alle 21:37 Rispondi

    Adam robots mi incuriosisce parecchio e credo che lo prenderò. Umberto Eco ho smesso di leggerlo: scrive così bene che dopo aver letto un suo libro sento di avere le capacità narrative di una protoscimmia.

    • Daniele Imperi
      13 gennaio 2013 alle 08:34 Rispondi

      Adam Robots lo prendo pure io a breve. Su Eco hai proprio ragione :)

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.