Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Libri in uscita #2

Secondo appuntamento con la rubrica di libri in uscita. Questa volta saranno disponibili fra la metà di marzo e aprile. I libri sono tre e ancora in inglese.

How Italian Food Conquered the World di John Mariani

How Italian Food Conquered the WorldForse non è un caso che l’autore di questo libro (Come il cibo italiano ha conquistato il mondo) sia italiano. Mariani ha già scritto The Encyclopedia of American Food & Drink e scrive di cibo e di vino per una rivista.

L’autore ha tessuto una divertente storia offrendo al lettore centinaia di esempi a prova della grandezza della cucina italiana e del suo successo nel mondo. Parte dal viaggio di Charles Dickens in Italia, avvenuto nel 1844, fino ad arrivare agli immigrati italiani in America, che vendevano gelati sulle strade di New Orleans.

Aggiungendo aneddoti culinari e sugli italiani, Mariani parla anche di specifici chef e di ristoranti, trattando anche dell’ascesa e della caduta della cucina francese negli anni ’80 e ’90. Il libro contiene anche delle ricette.

  • How Italian Food Conquered the World di John Mariani
  • Palgrave Macmillan
  • 288 pagine
  • 15 Marzo 2011

The Dressmaker of Khair Khana di Gayle Tzemach Lemmon

The Dressmaker of Khair KhanaLemmon è stato in Afghanistan nel 2005, per conto del Financial Times, per scrivere sulle donne imprenditrici. Là conobbe Kamila Sediqi, una sarta, e si fece raccontare la sua storia.

In questo libro è riportata quella storia, avvincente come fosse un romanzo, con dettagli sulla vita quotidiana a Kabul, sotto il regime talebano. Il regime nacque nel 1996 e da allora le donne dovevano stare a casa e indossare lo chadri, noto anche come burqa.

La famiglia di Sediqi lasciò poi la città, per evitare di essere messa al servizio dei talebani e fu Sediqi a sostennere la famiglia. La sua storia nacque da un’idea che fu poi sviluppata, anche se inizialmente dovette dare un nome falso e lavorare alla macchina da cucire solo quando c’era elettricità.

  • The Dressmaker of Khair Khana: Five Sisters, One Remarkable Family, and the Woman Who Risked Everything to Keep Them Safe di Gayle Tzemach Lemmon
  • Harper
  • 288 pagine
  • 15 marzo 2011

Global Girlfriends di Stacey Edgar

Global GirlfriendsStacey Edgar sapeva che 1,3 miliardi di persone vive con meno di 1 dollaro al giorno e il 70% sono donne. Aveva un profondo desiderio di aiutare quelle donne, ma non aveva un piano né un passaporto. Ma questo non l’ha certo fermata.

È riuscita ad aiutare donne povere in cinque continenti nutrendo le loro famiglie e mandandone i figli a scuola. Era il suo desiderio. Far uscire dalla povertà quelle donne.

È così che ha fondato Global Girlfriend, che ora è divenuta un’impresa multimilionaria specializzata in artigianato, commercio equo e solidale, abbigliamento eco-consapevole, accessori e oggetti realizzati dalle donne di tutto il mondo.

  • Global Girlfriends: How One Mom Made It Her Business to Help Women in Poverty Worldwide di Stacey Edgar
  • St. Martin’s
  • 304 pagine
  • 1 aprile 2011

2 Commenti

  1. Michela
    25 febbraio 2011 alle 20:02 Rispondi

    Il terzo libro sembra interessante, però ho qualche riserva.

    Anni fa lessi “Il banchiere dei poveri”, di Muhammad Yunnus, e fu una folgorazione.
    Oggi se parli di microcredito qualcuno inizia a sapere cosa sia, ma quello fu il primo libro in merito.

    Mi aveva colpito tanto soprattutto il fatto che lui spiegasse in modo convincente perché aveva la certezza di un rientro nel 99% dei prestiti: era semplice, conoscendo un minimo quella realtà era sensato, e perfettamente credibile.
    Anche per questo era un gran libro, perché portava avanti benissimo quell’idea.
    Mi chiedo se questo sarebbe altrettanto forte…

  2. Daniele Imperi
    26 febbraio 2011 alle 09:05 Rispondi

    Michela:
    Mi chiedo se questo sarebbe altrettanto forte…    

    C’è un solo modo per saperlo :)

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.