Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Libri in uscita #11

In questo nuovo numero della rubrica dedicata ai libri usciti da poco o di prossima pubblicazione segnalo quattro opere abbastanza diverse fra loro: un vecchio saggio, un libro storico, un romanzo e un libro a fumetti.

Il giocatore di scacchi di Maelzel di Edgar Allan Poe

Il giocatore di scacchi di MaelzelGioiello del giornalismo ottocentesco, questo breve saggio di Poe indaga su un vero enigma: chi è (o che cos’è) il Turco, famoso automa e giocatore di scacchi creato nel 1770 dal barone von Kempelen per Maria Teresa d’Austria e poi passato nelle mani di Maelzel che lo portò negli Stati Uniti.

Chi è, davvero: una macchina, una magia a una truffa?

  • Il giocatore di scacchi di Maelzel
  • Mursia
  • 80 pagine
  • gennaio 2012

Armir – La tragica avventura dell’Armata italiana in Russia di Emilio Vio Sopranis

Armir - La tragica avventura dell’Armata italiana in RussiaLa Campagna di Russia, prima, durante e dopo nel racconto di uno dei protagonisti, Emilio Vio Sopranis, ufficiale subalterno del 3° Reggimento Bersaglieri della 3ª Divisione Celere «Principe Amedeo duca d’Aosta», reduce dalla prigionia nel campo n. 160 di Suzdal. Una ricostruzione in presa diretta di quella che è stata una tragedia: dei 235.000 uomini che formavano l’ARMIR (Armata Italiana in Russia) soltanto il 50% rientrò in Italia, i caduti e i dispersi furono circa 85.000 dei quali, tra il 1945 e il 1954, vennero rimpatriati dalla prigionia poco più di 10.000 unità tra ufficiali, sottufficiali e soldati.

  • Armir
  • Mursia
  • 222 pagine (testo: 210 + inserto: 1/12)
  • gennaio 2012

I poeti morti non scrivono gialli di Björn Larsson

I poeti morti non scrivono gialliUn’opaca sera di febbraio, l’editore Karl Petersén raggiunge impaziente il porto di Helsingborg. Nella ventiquattrore una bottiglia di champagne e un contratto per il poeta Jan Y. Nilsson, a cui ha chiesto di scrivere un giallo, sicuro bestseller già venduto ai più prestigiosi editori d’Europa. Ma il poeta accetterà di firmare? Si piegherà alle basse leggi di quel mercato che, con la sua ricerca di una poesia alta ed essenziale, ha sempre snobbato? La risposta è definitiva: Petersén trova Jan Y. impiccato a bordo del peschereccio in cui viveva. Si è suicidato? Il commissario Barck non ha dubbi: i poeti si uccidono, non vengono uccisi. Eppure i motivi per farlo fuori non mancano, a cominciare dal lauto compenso che Jan Y. avrebbe presto incassato e dal materiale scottante sugli squali della finanza che il suo romanzo era pronto a denunciare… Nell’età dell’oro dei thriller, Björn Larsson scrive “una specie di giallo” che è un gioco letterario di raffinata ironia e autoironia, per indagare l’essenza stessa della scrittura e della vocazione artistica. In una sferzante satira di un mondo editoriale all’isterica ricerca del prossimo successo, solo un “poliziotto-poeta” è in grado di scoprire le associazioni nascoste, di rivelare l’inatteso, di afferrare le verità che si celano dietro le apparenze.

  • I poeti morti non scrivono gialli
  • Iperborea
  • 360 pagine
  • agosto 2011

The Complete Crumb Comics Vol. 1: The Early Years of Bitter Struggle

The Complete Crumb Comics Vol. 1La ristampa di uno dei volumi più richiesti, un libro che rispetto alla prima edizione si arricchisce di 60 pagine mai pubblicate del fumetto Arcane del maggio 1962.

Nel libro sono anche incluse vecchie storie di Fritz the Cat e il classico Treasure Island Days, assieme ad altre strisce e schizzi che saranno molto apprezzati dai fan di Crumb, disegni che partono dagli anni di formazione dell’autore come fumettista attraverso gli anni 1958-1962 (quando Crumb aveva dai 15 ai 19 anni).

  • The Complete Crumb Comics Vol. 1: The Early Years of Bitter Struggle
  • Fantagraphics
  • 208 pagine
  • 2112

Un commento

  1. Marco
    23 marzo 2012 alle 09:14 Rispondi

    Bjorn Larsson è un ottimo scrittore, ma questo suo ultimo libro non l’ho ancora letto. Da quello che so, sembra una prova riuscita.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.