Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Nella mia libreria elettronica #1

L'uomo che mise fine alla StoriaNasce oggi una nuova rubrica, parallela alla già collaudata Nella mia libreria, ma questa volta dedicata interamente agli ebook. Quindi parlerò qui della mia nascente libreria elettronica.

Da un Tweet di una mia amica ho scoperto L’uomo che mise fine alla Storia di Ken Liu e ho deciso di acquistarlo. È pubblicato da 40K. L’ho apprezzato molto, sia per la storia (viaggi nel tempo) sia per la struttura a documentario (si parla di lager, ma non i soliti).

Così lo stesso giorno ho preso Chicken Little di Cory Doctorow, autore ben conosciuto, ma di cui non avevo letto nulla. È edito dalla stessa casa editrice. Ho poi avuto in omaggio l’ebook Starter Kit per blogger di Marco Freccero.

Due giorni dopo è la volta di Greensleeves (Una storia romantica e surreale) di Jeff Vandermeer, nome che avevo già trovato nella mia raccolta Steampunk, da lui curata. Una bella favola.

Il giorno successivo acquisto un racconto steampunk, si tratta di Cardanica (Un incubo steampunk), della saga Mondonove, di Dario Tonani. Letto e apprezzato, tanto che il 1° ottobre prendo i successivi tre episodi, ossia Robredo, Chatarra e Afritania. E, dato che ero al “supermercato”, aggiungo anche la sua antologia Infected Files.

Cercando su Amazon qualcos’altro di interessante, scovo La Trilogia Steampunk, che da tanto volevo acquistare, di Paul Di Filippo. Così prendo al volo i tre volumi elettronici Vittoria, Ottentotti e Walt ed Emily.

Sempre dello stesso autore, lo stesso giorno, ieri, prendo anche Ritorno al XX secolo e chiudo gli acquisti con Mondi Perduti di Clark Ashton Smith.

Infine, facendo una ricerca su Amazon, ho preso un ebook gratuito di fantascienza, The Phoenix Conspiracy di Richard Sanders e due ebook economici, Alice in Wonderland, di Lewis Carroll, e The Peabody-Ozymandias Traveling Circus & Oddity Emporium di F. Paul Wilson.

La mia libreria elettronica ha iniziato il suo cammino con diciassette ebook (escludendone alcuni in pdf che ho da tempo), di cui quattro sono già letti. Ho molto da ridire, però, sulla qualità estetica di tutti questi ebook acquistati. L’indice, a fine ebook, è scomodo. E quasi tutti hanno un’impaginazione veramente povera, sembrano cioè semplice testo incollato su un file e poi esportato.

12 Commenti

  1. Mirko
    2 ottobre 2012 alle 13:37 Rispondi

    Per quanto riguarda l’estetica, purtroppo il formato e-book ha dei limiti tecnici dettati più che altro dai dispositivi con cui si leggerà e dalla quantità di lavoro che serve per convertirlo.

    I libri cartacei solitamente sono impaginati con il software Indesign che ha caratteristiche molto evolute di impaginazione: posizionamento degli oggetti, stili, gestione immagini, note, tabelle, indice, etc.
    Indesign esporta con relativa facilità in ebook, ma molte impaginazioni evolute non sono compatibili in pieno con l’ebook (epub) e vanno quindi riadattate “a mano”.

    Probabilmente investendo del tempo, un bravo tecnico multimediale/webmaster, potrebbe effetturare un buon lavoro di adattamento anche su libri dall’impaginazione evoluta non facendo rimpiangere la versione cartacea, ma tutto questo lavoro comporterebbe invitabilmente tempi/costi maggiori e un certo di rischio di incompatibilità con ebook reader poco evoluti, troviamo spesso siti web con errori di impaginazione se navigati su cellulari o browser alternativi.

    Inoltre manca una certa formazione degli operatori, solitamente chi impagina libri ha una cultura umanistica, mentre un e-book richiede caratteristiche da web master, anche se apparentemente non sembra.
    Altro punto, l’impaginazione originale cartacea su Indesign dovrebbe essere già pensata per essere esportata in ebook, cosa che non sempre succede, specialmente su libri vecchi.

    Spero di non aver annoiato, saluti

    • Daniele Imperi
      2 ottobre 2012 alle 14:05 Rispondi

      Io sto impaginando degli ebook, ma non son Indesign, con Sigil, programma gratuito, che comunque usa i fogli di stile.

      • Alessandro C.
        2 ottobre 2012 alle 15:09 Rispondi

        Non conoscevo questo Sigil, gli ho appena dato un’occhiata e devo dire che sembra davvero un ottimo programma. Ti devo una pinta di birrozza.

        • Daniele Imperi
          2 ottobre 2012 alle 15:59 Rispondi

          Sigil è fatto davvero bene, i prossimi ebook che usciranno sono impaginato con quel programma. E grazie della birrozza :D

      • Mirko
        2 ottobre 2012 alle 17:18 Rispondi

        Si, lo uso anche io per rifinire, è un ottimo programma per gli ebook. Ma solitamente le case editrici usano Indesign per impaginare il cartaceo, da quello poi partono per realizzare l’ebook. Gli ebook con impaginazioni tristi, solitamente hanno avuto poco lavoro dietro.

  2. Daniele Imperi
    2 ottobre 2012 alle 17:40 Rispondi

    Mi saprete dire appena usciranno i miei nel blog :)

  3. Salomon Xeno
    2 ottobre 2012 alle 22:31 Rispondi

    Che sprint!
    Io ho i 4 di Tonani, perché anche a me Cardanica è piaciuto molto. L’impressione è che la 40k lavori molto bene! Ho anche la Trilogia Steampunk, ma devo ancora metterci mano.

  4. Dario Tonani
    2 ottobre 2012 alle 23:35 Rispondi

    Grazie della menzione, Daniele (e grazie anche a Salomon Xeno). Spero che vi piacciano anche gli altri titoli del ciclo. Il mese prossimo, “Mondo9” (scritto così) uscirà in volume nella collana “Odissea” di Delos Books, con alcuni contenuti nuovi.
    Alla prossima, buona serata
    Dario

    • Daniele Imperi
      3 ottobre 2012 alle 08:16 Rispondi

      Come hai fatto a sapere che ti avevo menzionato? Il web è una cosa viva come la Robredo? :D
      Terrò d’occhio il libro Mondo9 ;)

  5. Sofia Stella
    3 ottobre 2012 alle 20:46 Rispondi

    Bella l’idea di questa nuova rubrica. La terrò d’occhio. Mh, magari ti copio l’idea e ne metto una anche nel mio blog…

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.