Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Nella mia libreria #20

Blood on the minkCamminando per una via centrale di Roma mi sono imbattuto in una libreria di antiquariato e non ho potuto non fermarmi a dare un’occhiata alle vetrine. Davanti all’entrata, poi, c’era un cesto con alcuni libri al prezzo di un euro.

Alcuni erano anche vecchi, molto vecchi, ma non c’era nulla che mi interessasse. Così, sempre a un euro, ho preso il romanzo Liquidate Parigi di Sven Hassel, un autore che ha scritto diversi libri sulla Seconda Guerra Mondiale e che ero curioso di leggere.

Ho poi acquistato la raccolta 365 racconti sulla fine del mondo, di cui faccio parte con una storia, libro che ho già segnalato nel blog e che ho regalato con un giveaway.

Appresa la notizia della morte dello scrittore Ray Bradbury, di cui non ho mai letto nulla, ho deciso di comprare il romanzo Fahrenheit 451, che leggerò presto.

A questi titoli ho aggiunto due libri in inglese. Uno fa parte di una serie di romanzi polizieschi pubblicati in America, Blood on the mink di Robert Silverberg, autore conosciuto per un genere del tutto differente, la fantascienza.

Il secondo è invece il secondo volume di una serie horror per ragazzi, scritta dalle sorelle Annette e Gina Cascone e iniziata col volume Grave Secrets. La serie si chiama Deadtime Stories e il secondo romanzo è intitolato The Witching Game.

5 Commenti

  1. Romina Tamerici
    17 agosto 2012 alle 09:26 Rispondi

    Io ho letto da poco “Fahrenheit 451” e ne ho parlato in un post su “Il futuro è tornato”. Non ho letto altri libri di Bradbury, ma questo mi è piaciuto tantissimo! Buona lettura.

  2. Kinsy
    19 agosto 2012 alle 21:59 Rispondi

    Ti consiglio di leggere per prima “Fahrenheit 451”. Pensa che fino alla morte di Bradbury ero convinta fosse un grande classico, invece sto scoprendo che molti lo ignoravano… eppuere è ai livelli dei romanzi di Ornwell “1984” e, un po’ meno, “La fattoria degli animali”!

  3. Giuseppe
    20 agosto 2012 alle 18:59 Rispondi

    Spero che “Blood on the mink” non sia stato ambientato in Sicilia… scusate, non ho resistito :)

  4. Daniele Imperi
    29 agosto 2012 alle 14:24 Rispondi

    Romina Tamerici,

    L’ho appena letto, a breve uscirà la recensione, ma non è il genere di fantascienza che apprezzo.

  5. Daniele Imperi
    29 agosto 2012 alle 14:25 Rispondi

    Kinsy,

    Diciamo che m’è piaciuto a metà :)

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.