Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Knife – Recensione della rivista di Nero Cafè

KnifeHo sempre avuto un po’ di scetticismo nei confronti delle riviste online gratuite. Non so perché, forse ho paura che siano troppo amatoriali e quindi create con poca cura, con argomenti campati in aria, con una grafica inesistente, ecc.

Leggendo Knife, però, mi sono ricreduto. È una rivista creata dal sito Nero Cafè, il network del giallo e del mistero. E sembra una buona rivista.

La grafica è professionale, l’impaginazione della rivista lascia capire che ci sia dietro uno staff che ha voluto accantonare l’artigianalità e ha puntato, invece, sulla qualità.

I contenuti sono interessanti. Si parla di letteratura attraverso interviste ad autori affermati, recensioni e analisi di opere letterarie, segnalazioni di libri. Sono presenti anche due racconti, uno di Luigi Musolino e uno di Stefano Pastor.

Ho apprezzato molto i due articoli di Bonfanti, che ci spiega il lavoro dell’editor, e di Valsecchi, che ci parla degli strumenti online per chi ama scrivere, così come l’intervista a Danilo Arona.

Insomma, un numero ricco che soddisfa, a cui attingere per sentire dalla voce stessa dei partecipanti, scrittori e professionisti dell’editoria, come funziona il mondo letterario.

È online il numero 0 (il link apre un pdf), riferito ai mesi febbraio, marzo e aprile, con 38 pagine. A maggio uscirà il numero 1.

Un giudizio quindi positivo, anche perché conosco qualche nome dello staff e so come lavorano.

4 Commenti

  1. Michela
    15 aprile 2011 alle 19:03

    Interessante il fatto che sia disponibile in PDF. Mai letto queste riviste perché non ce la faccio, è un formato che su schermo trovo troppo pesante. Visto che si può scaricare, o lo stampo o gli do un’occhiata sull’e-reader… se dici che vale si può provare

  2. Laura
    20 aprile 2011 alle 19:00

    Imperi parli di knife e non mi dici niente? A parte lo scherzo, grazie della vetrina! Knife è un prodotto a cui noi di Nero Cafè teniamo molto e hai ragione, in un mare di riviste faidate abbiamo cercato di puntare sulla qualità sia dei contenuti che della veste grafica. Abbiamo ancora tanta strada da fare ma siamo contenti di come sia andato questo numero zero. Una scommessa riuscita!

  3. Daniele Imperi
    20 aprile 2011 alle 19:30

    Platamone, che fai non segui anche tu il mio blog? :P
    Alla bon’ora :)

  4. Laura
    21 aprile 2011 alle 02:01

    Ma lo sai bene che non ho tempo nemmeno per seguire il mio! E poi io ho i miei tempi :p