Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Gli esseri silenziosi

Racconto horror di 300 parole

Gli esseri silenziosi

Non so che fine abbia fatto mio fratello. Dopo quella nostra tremenda notte nel bosco, non mi sono più avventurato fra gli alberi cupi e le ombre scure e silenziose, neanche di giorno. Là dentro non esiste alba o tramonto, non c’è distinzione fra giorno e notte, luce o buio, è una dimensione a parte, una sorta di malefico limbo da cui tenersi alla larga.

Ora mio fratello non esiste più, inghiottito per sempre da chissà quale sconosciuta forza che vive nel folto di quegli alberi senza nome.

Entrammo nel bosco sul fare del tramonto, allontanandoci dal sentiero per trovare una scorciatoia che ci avrebbe fatto risparmiare un po’ di tempo. Ben presto il buio ci colse lungo la strada e fummo avvolti da un’atmosfera irreale che ci pervase d’inquietudine.

Man mano che ci addentravamo fra gli alberi, un senso d’urgenza e umida paura ci assalì con una forza spaventosa.

C’era silenzio. Troppo silenzio. Eppure, non so dire come, sentivo che qualcuno o qualcosa ci stava osservando.

Brividi di terrore mi presero d’improvviso. Guardai mio fratello, al mio fianco, e vidi che si voltava spesso, come se avvertisse una presenza dietro di lui, come se si sentisse seguito. Accelerammo l’andatura.

Fu allora che sentii chiaramente qualcosa. Ma non fu un rumore. Era al tempo stesso silenzio e suono, era qualcosa che si muoveva dietro e sopra di noi, ma in silenzio eppure non nascondendo la sua presenza.

Mi accorsi che mio fratello non era più con me e, in preda al panico, corsi via, lontano da quegli alberi e da quello che custodivano. Miracolosamente uscii da quel bosco, rientrando nel vecchio sentiero.

Rifuggite dagli esseri silenziosi che non potete vedere né combattere. Essi piovono dall’oscurità fitta degli alberi, facendo del silenzio la loro forza e nel silenzio consumandovi come prede.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.