Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

I delitti della Rue Morgue – Dal racconto al film

I delitti della Rue MorgueI delitti della Rue Morgue (The Murders in the Rue Morgue) è uno dei più famosi racconti di Edgar Allan Poe, che fu pubblicato il 20 aprile 1841 sul Graham’s Lady’s and Gentleman’s Magazine, dando il via al racconto poliziesco.

Con questo racconto Poe introduce il personaggio di Charles Auguste Dupin, ispirato a Eugene Francois Vidocq (1775-1857), un criminale divenuto poliziotto. Dupin ispirò il personaggio di Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle. La storia tratta di uno strano caso di omicidi e Poe scrisse altri due racconti basati su Dupin.

Il dottor Miracolo, questo il titolo italiano del film Murders in the Rue Morgue, è un film horror del 1932, diretto da Robert Florey, con Bela Lugosi fra i protagonisti, impersonava il Dottor Miracolo, e Sidney Fox come principale attrice.

I delitti della Rue Morgue dal racconto al film è soltanto una pellicola vagamente ispirata al racconto, che si appropria di alcuni dei più evidenti elementi di Poe per creare una storia a sé stante.

Viene chiamato film horror, ma di horror non ha decisamente nulla. Non esiste un elemento soprannaturale e la recitazione enfatica degli attori, molti dei quali vere e proprie caricature, rendono l’atmosfera tutt’altro che spaventosa.

Bisogna comunque dire che sto giudicando un film del 1932 con gli occhi di un uomo del 2012, quindi è molto probabile che all’epoca avesse suscitato ben altre emozioni. Furono persino tagliate alcune scene violente.

Il dottor Miracolo, o meglio I delitti della Rue Morgue, è comunque una pellicola interessante, che non manca di offrire un tributo all’opera di Poe. Una delle scene è identica al racconto e vi lascio scoprire quale.

Avete letto il celebre racconto di Poe? Secondo voi può essere trasporto al cinema senza problemi?

5 Commenti

  1. Frank Spada
    13 aprile 2012 alle 11:51 Rispondi

    Ironia ai massimi livelli – luci e ombre d’avanguardia – King Kong… i bianconeri d’epoca! “Bela… how can you do that?” (Edward D. Wood) :)

  2. Marco
    13 aprile 2012 alle 12:26 Rispondi

    C’è un “John Houston” che si è occupato dei dialoghi dei film. Immagino sia lo stesso che poi sarà anche regista…

  3. Salomon Xeno
    13 aprile 2012 alle 17:00 Rispondi

    Sì, letto il racconto (e gli altri con Dupin), ma non ho visto il film!
    Sembra interessante.

    In compenso ho ascoltato la canzone degli Iron Maiden! :D

  4. Frank Spada
    13 aprile 2012 alle 18:00 Rispondi

    Daniele, che senso ha mettere lì pronto un titolo che basterebbe premerlo e… ah, tutti presi a sperperare in giro commenti che lasciano il tempo che trovano!
    Quanto a lei, due post al giorno… povero Lugosi (:

  5. Henryx
    15 aprile 2012 alle 00:30 Rispondi

    La scena identica tratta dal racconto? Direi quella dove ci sono i vari testimoni che giurano di aver sentito l’assassino parlare una lingua precisa ma poi non concordano affatto su quale:
    per un testimone l’assassino parlava portoghese, per un altro danese ecc. ecc.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.