Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Scrivere contenuti per siti su viaggi e turismo

Web copywriting

Anche i siti sui viaggi sono ormai troppi come quelli degli hotel, le località sono tante, ma ormai è stato scritto parecchio su ognuna. Eppure un’agenzia di viaggi nuova ha bisogno del proprio sito, come chiunque può sentire il bisogno di lanciare un proprio blog sui viaggi.

È ovviamente impensabile scrivere contenuti basandosi esclusivamente sulle cosiddette parole chiave secche, precise. Mi riferisco a parole come “Roma”, “Brasile”, “Venezia” e simili, quindi riferite al solo nome della località.

Testi così generici sono stati già prodotti e in quantità industriale e non ha più senso scriverne. Occorre scrivere pensando a qualcosa di diverso, di unico, di personale anche, sia per i siti di natura commerciale sia per quelli di natura strettamente amatoriale.

Perché scrivere contenuti in un sito su viaggi e turismo

Anche in questo caso – come per quello sugli alberghi – nel web esistono troppe informazioni su località e attrazioni da visitare, quindi a un sito del genere non possono che giovare nuovi contenuti. Ma perché scrivere nuovi testi per un sito sul turismo se già ne esistono troppi?

Perché non è vero che tutte le località turistiche sono state trattate a fondo, perché esistono anche luoghi e attrazioni di cui si è scritto poco. Perché il discorso sui viaggi e sul turismo dà spazio a tantissimi altri articoli da scrivere connessi a quell’argomento.

Perché scrivere contenuti sempre più nuovi e originali farà crescere la curiosità del lettore e renderà il sito – specialmente quello di un’agenzia di viaggi – interessante e differente dagli altri. Scrivere testi periodicamente su tutti i temi inerenti a viaggi e turismo contribuirà ad accrescere l’autorità del sito nel campo e ad accogliere sempre più utenti.

Cosa scrivere in un sito su viaggi e turismo

Come ho appena detto, non bisogna più generalizzare, ma scrivere contenuti di natura differente, che riescano ad arrivare al lettore e a interessarlo, che riescano a offrire quindi un’esperienza nuova in un sito dedicato ai viaggi.

  1. Raccontare esperienze personali: i racconti di viaggio sono avvincenti perché reali. Si tratta di storie vissute, di viaggi realizzati che lasciano nel lettore emozioni vive e offrono soprattutto testi interessanti e anche soluzioni a quesiti. Scrivere delle proprie esperienze di viaggio permette di inserire contenuti a tema e assolutamente unici e originali.
  2. Scoprire i dettagli: non è più tempo di scrivere di una città o di una località nel suo insieme, ma bisogna entrare nel dettaglio, cogliere ciò che resta nascosto, semisconosciuto, non approfondito. Scrivere di una piccola attrazione, di una particolarità, di una curiosità relativa a un luogo o a un monumento, permette di avere testi freschi e arricchisce il sito di parole chiave specifiche.
  3. Segnalare eventi e novità: scrivere di eventi di una determinata località o annunciare novità inerenti la propria agenzia di viaggio o il proprio sito è un modo per tenere sempre aggiornato il sito e fornisce continui contenuti, se non sulle novità, almeno sugli eventi, che nel mondo si verificano regolarmente.
  4. Offrire pacchetti vacanza: come per il sito degli hotel, anche in questo caso molte ricerche sono mirate a vacanze stagionali. Produrre quindi testi per pubblicizzare delle offerte estive e invernali permette di rafforzare il sito con contenuti tematici e ne migliora la visibilità.
  5. Pubblicare filmati: nell’era della tecnologia gli utenti vogliono vedere immagini, perché colpiscono di più e vengono recepite con una velocità maggiore. Anche i video sono contenuti, sia perché vanno progettati – e quindi va scritta una sorta di sceneggiatura e va scritto ciò che si dovrà raccontare nel filmato – sia perché producono comunque pagine con un testo di accompagnamento.
  6. Dare spazio ai contenuti generati dagli utenti: i cosiddetti UGC o user generated content. Far scrivere i propri lettori e i propri clienti. Fargli raccontare come hanno vissuto il viaggio acquistato. Fargli recensire la vacanza. Il sito guadagnerà contenuti gratuitamente e gli utenti si sentiranno parte del sito e del web.
  7. Commentare notizie dal mondo: aprire una rubrica nel proprio blog e commentare ciò che accade nel mondo, non soltanto gli eventi disastrosi, anzi quelli andrebbero limitati al minimo, ma soprattutto ciò che più attira la curiosità dei lettori, spaziando in tutti i campi.
  8. Recensire attrazioni e servizi: se il sito offre vacanze in una certa località, allora è una risorsa per i suoi clienti scrivere recensioni sulle varie attrazioni che troveranno e sui servizi a cui dovranno affidarsi. In questo modo il sito dà un servizio utile e aumenta le sue pagine tematiche.
  9. Ripassare la storia e la geografia: perché non pensare a scrivere pagine e articoli su fatti storici delle località turistiche? Si tratta di testi ottimi per vacanze culturali. E parlare della geografia di un luogo, di come è cambiata nel tempo e come si presenta ora? Pensate a quante pagine si possono scrivere.
  10. Unire i viaggi alla cultura: ogni località è patria di un personaggio famoso, scrittore, cantante, politico, artista. Molti romanzi sono ben conosciuti per essere stati ambientati in particolari località. Ecco che il sito si arricchisce di contenuti tematici e di sicuro interesse.

Social copywriting per un sito su viaggi e turismo

Scrivere per un sito di viaggi implica anche scrivere per i social media. Temi come le vacanze e il turismo si prestano a essere condivisi sui principali social network presenti in rete.

  1. Twitter: pensare a un profilo su Twitter per ottenere più traffico verso il sito e fidelizzare i clienti. Scrivendo spesso, almeno una decina di volte al giorno, si produrranno contenuti a tema che contribuiranno ad aumentare le visite al sito.
  2. Facebook: viaggi e turismo più di tanti altri argomenti si prestano a una presenza su Facebook, dove la maggior parte degli utenti pensa allo svago. Creare quindi una fan page in cui scrivere spesso e intrattenere i lettori, permettendo anche ai lettori di contribuire. User generated content per un social medium, quindi.
  3. Google Plus: creare una business page per il proprio sito e condividere i contenuti scritti nel sito, ma in più creare contenuti nuovi per quella piattaforma.

4 Commenti

  1. Frank Spada
    9 maggio 2012 alle 18:29 Rispondi

    Varese, più che per i tracolli verdi, è nota perché lì c’è Paolo Franchini, e Varese Noir che inoltra la sua voce anche via etere, oltre i confini svizzeri, per diffondere l’antologia che è andata a ruba – 365 storie cattive – e offrire ai visitatori l’occasione di allargare i propri “Punti di vista”.
    http://varesenoir.wordpress.com/2012/05/08/punti-di-vista-un-racconto-di-frank-spada/

  2. Scrivere contenuti per siti su viaggi e turismo | Scrittura di viaggi e turismo | Scoop.it
    18 ottobre 2012 alle 11:50 Rispondi

    […] Anche i siti sui viaggi sono ormai troppi come quelli degli hotel, le località sono tante, ma ormai è stato scritto parecchio su ognuna. Eppure un’agenzia di viaggi nuova ha bisogno del proprio sito, come chiunque può sentire il bisogno di lanciare un proprio blog sui viaggi.  […]

  3. Agnese Ciccotti
    1 giugno 2016 alle 11:41 Rispondi

    Io aggiungerei: i post 10 modi di… 10 cose che puoi fare a…. Hanno decisamente stufato!

    • Daniele Imperi
      1 giugno 2016 alle 12:03 Rispondi

      “10 cose da fare a…” si trova dappertutto :D

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.