Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Come scrivere un guest post – La guida definitiva #1

Come scrivere un guest post

Prima di scrivere un guest post

Il guest posting – o guest blogging – è una pratica di blog marketing, che permette di far conoscere un blogger a un pubblico differente e più ampio. In questa guida in 3 parti, che ho deciso di scrivere dopo aver ricevuto proposte di guest post che dimostravano come alcuni blogger non avessero compreso affatto questa tecnica, spiegherò in modo dettagliato tutti gli aspetti del guest blogging.

La guida è divisa in tre parti:

  1. prima di scrivere un guest post
  2. come scrivere un guest post
  3. buone pratiche di guest blogging

Per un buon successo di guest blogging bisogna sapere e imparare cosa fare prima di scrivere, come scrivere e cosa fare dopo aver scritto un guest post. Soltanto in questo modo un guest post ha una sua utilità e porterà vantaggi.

#1 – Ricercare blog a tema

È un punto fondamentale. Un guest post trova la sua definizione e anche la sua validità se pubblicato in un blog che tratta di uno o più degli argomenti del guest blogger, o quanto meno di quelli correlati.

È questo il primo passo da compiere per scrivere un guest post: cercare blog a tema. Se l’intento è solo quello di piazzare il solito link, allora lasciate perdere. Un guest post è altro.

#2 – Preparare una strategia di guest blogging

Non ha senso scrivere e pubblicare un guest post e fermarsi. Occorre pensare a una strategia di guest blogging. Occorre compilare una lista di blog a tema – blog che accettino guest post – e assegnare a ognuno l’idea per un articolo.

Stabilire anche una periodicità è utile, per non correre il rischio di pubblicare un guest post oggi e un secondo magari fra un anno.

#3 – Leggere il blog ospite

Non limitatevi a scoprire se un blog consente il guest blogging, ma leggetelo. Seguitelo. Leggete i suoi post, più sono meglio è. Dovete conoscere attentamente il blog a cui proporrete un guest post.

La lettura dei post vi permetterà di valutare la qualità degli articoli, la loro presentazione, la formattazione, i temi trattati. Sono tutti elementi da tenere in considerazione quando dovrete scrivere il vostro primo guest post.

#4 – Farsi conoscere prima di proporre un guest post

Non siate anonimi. Non proponete a un blogger un guest post se quel blogger neanche sa chi siete. Leggete, dunque, e commentate i suoi articoli, affinché il blogger possa farsi un’idea di voi.

In questo modo avrete attirato la sua attenzione per due motivi:

  1. il blogger avrà letto i vostri commenti, approvandoli;
  2. il blogger avrà visitato il vostro blog e magari anche commentato.

#5 – Leggere i guest post pubblicati

Se in quel blog sono stati già pubblicati altri guest post, allora leggete anche quelli. Vi permetterà di conoscere la qualità di ciò che hanno scritto i vostri predecessori. È un passo da non sottovalutare.

Non potete proporre articoli di qualità e utilità inferiore a quelli che altri guest blogger hanno scritto. Dovrete anzi superarli.

#6 – Studiare il lettore

Allo studio del blog e dei suoi articoli dovete affiancare quello dei lettori del blog, attraverso la lettura dei commenti. In questo modo saprete a chi si rivolge il blog, conoscerete il suo pubblico, che poi sarà anche il vostro.

Partecipate alle discussioni. Non rispondere soltanto al blogger, ma intervenite anche rispondendo ai commentatori. Non deve conoscervi soltanto il blogger, ma anche chi lo legge.

#7 – Leggere le linee guida sul guest posting

I blogger lo fanno raramente, almeno è quanto ho riscontrato di persona. Eppure, se un blogger ha scritto e pubblicato le linee guida al guest blogging, significa che vanno assolutamente lette da chi si propone come guest blogger.

Le linee guida vi indicano cosa scrivere e come scriverlo, come presentarlo, se inserire link nel post o meno, come sarà pubblicato il guest post, ecc. Dimostrate di aver letto quelle linee guida, per evitare brutte figure e rifiuti.

#8 – Proporre il guest post

Prima di scrivere il vostro guest post, proponete l’idea, presentando al blogger una scaletta coi punti da approfondire. In questo modo avrete la certezza che il post tratta un aspetto non ancora discusso nel blog. È facile che qualcosa possa sfuggirvi in blog con moltissimi articoli.

Il rischio di scrivere prima l’articolo è di vederlo rifiutato: l’articolo potrebbe parlare di qualcosa già trattato nel blog, oppure potrebbe non approfondire bene l’argomento o anche interessare poco il blogger e i suoi lettori.

#9 – Scrivere un’email professionale

Contattate in modo professionale il blogger, personalizzando l’email: non inviate lo stesso testo a tutti i blogger a cui scriverete. Presentatevi, dimostrate di aver letto il suo blog e, se già non conoscete il blogger, fatevi riconoscere.

È il primo passo per ottenere l’approvazione.

#10 – Avere un blog o no?

È davvero importante avere un blog per scrivere un guest post? Il guest blogging è nato per promuovere i blog in altri blog, ma non è detto che chi non ne possiede uno non possa offrire un valido contributo a un altro blog.

Chi lo propone ottiene comunque il vantaggio di essere conosciuto – e, nel momento in cui avrà un blog, il suo guest post potrà essere aggiornato e mostrare il link al suo blog – e chi lo accetta ha un contributo in più.

15 Commenti

  1. Cristiana Tumedei
    14 gennaio 2013 alle 16:48 Rispondi

    Come avevo detto in un altro commento, credo che questa guida al guest blogging possa essere davvero utile. Soprattutto, perché offre l’idea di un metodo da seguire.
    Credo che sia stata resa l’idea, in termini chiari e facilmente comprensibili, di quelle che sono le motivazioni che stanno a monte di questa operazione e della necessità di non sottovalutare la redazione di questo tipo di contenuto.

    • Daniele Imperi
      14 gennaio 2013 alle 16:59 Rispondi

      Grazie, sì ho voluto scriverla proprio per creare una sorta di metodo, in modo che si riesca a fare chiarezza su cosa significhi realmente scrivere un guest post.

  2. Romina Tamerici
    20 gennaio 2013 alle 21:56 Rispondi

    Un post molto interessante. Io ho ospitato e scritto pochi guest post, ma spero presto di portare a termine alcune idee…

    • Daniele Imperi
      21 gennaio 2013 alle 08:48 Rispondi

      E io sto pensando a un guest post da scrivere nel tuo blog :D

  3. Come scrivere un guest post – La guida definitiva #2
    21 gennaio 2013 alle 05:03 Rispondi

    […] aver imparato le operazioni preliminari da portare avanti prima di scrivere un guest post, è il momento di sapere cosa scrivere e come scriverlo. Questa fase prevede l’approvazione […]

  4. Come scrivere un guest post – La guida definitiva #3
    28 gennaio 2013 alle 05:00 Rispondi

    […] un guest post, come abbiamo visto finora, comporta principalmente due fasi: una iniziale, prima della scrittura, che permette di capire a quali blog proporre il post, cosa scrivere, come scrivere, e una seconda […]

  5. 9 validi motivi per scrivere un guest post
    11 febbraio 2013 alle 05:01 Rispondi

    […] un guest post ha i suoi vantaggi. Nella mia guida al guest blogging ho definito in 3 atti come scrivere un articolo per altri blog e come comportarsi prima e dopo la […]

  6. Jan Quarius
    3 giugno 2013 alle 09:50 Rispondi

    Interessante guida. Personalmente non sapevo nulla di guest-blogging.
    Sembra una cosa utile… si può provare.
    Comunque l’articolo fino in fondo non spiega che cos’è di per sè il guest post.

    Saluti,
    Jan

    • Daniele Imperi
      3 giugno 2013 alle 10:11 Rispondi

      Ciao Jan,
      la guida parla di come scrivere guest post. Puoi leggere un mio precedente articolo che spiega cosa è il guest posting.

  7. Guest blogging per aziende
    11 giugno 2013 alle 05:01 Rispondi

    […] mia guida al guest blogging ho analizzato i procedimenti da seguire prima di scrivere un articolo per il blogger, su come […]

  8. Gea
    2 maggio 2014 alle 12:18 Rispondi

    Il mio blog è partito da poco più di un mese e quindi sto muovendo i miei primi passi in questo mondo da pochissimo.
    Questo post mi è stato di grande aiuto proprio perchè, essendo alle prime armi e con contenuti facilmente messi da parte dalla maggior parte della popolazione italiana, sto cercando strategie per renderli meno “terrificanti” e più accessibili.
    Il tuo è stato uno dei primi blog che ho consultato prima ancora di iniziare a metter su il sito e devo dire che mi ha aiutato moltissimo anche a superare il momento “inizio oppure no?Lo faccio o non lo faccio?”.
    Grazie per i suggerimenti, ne farò tesoro!

    A presto!

    • Daniele Imperi
      2 maggio 2014 alle 12:39 Rispondi

      Ciao Gea, benvenuta nel blog, anche se lo leggevi già :)

      Il tuo blog è interessante e anche utile, quindi non arrenderti e inizia a farti conoscere nei blog della tua nicchia.

  9. Chi dorme…non piglia lettori: i proverbi del (buon) blogger. | Web Road
    6 maggio 2014 alle 10:28 Rispondi

    […] vita collaborazioni vere, articoli scritti a più mani e guest posts (qui un’interessante guida di Daniele Imperi sul guest […]

  10. Emiliano
    10 marzo 2016 alle 14:32 Rispondi

    E’ la terza volta che leggo la tua guida e ancora non riesco a decidermi a fare guest-blogging, è intuitiva, mi sembra un buon metodo per farsi conoscere, nonostante scrivo da molti anni devo abituarmi a scrivere per il web, che è molto diverso dal cartaceo. Vedrò di prender coraggio e metterla in pratica molto presto, ti ringrazio perché non sapevo nulla di guest blogging se non per sentito dire, ho aperto da poco un sito, non è molto, da neofita web quale sono, ma per me è già molto. Grazie ne farò buon uso.

    • Daniele Imperi
      11 marzo 2016 alle 11:12 Rispondi

      Ciao Emiliano, benvenuto nel blog. Esercitati prima con il tuo blog a scrivere per il web – qui troverai diversi articoli sulla scrittura per il web – e alla fine sarai pronto per dedicarti anche al guest blogging :)

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.