Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Col di Sassi – Poesie di Elia Imperi

Col di SassiOggi presento un piccolo libro di poesie che non esiste in commercio. Fu pubblicato nel 1956, al prezzo di lire 500, presso una tipografia di Tivoli, in provincia di Roma. A scrivere quelle poesie fu un mio zio, Elia Imperi, appunto, a cui dedicarono una piazza nel paese dove è nato.

Il libricino è diviso in tre parti, Sentimento di Primavera, L’avventura grigioverde e Sentimento d’Autunno, per un totale di 27 canti. Le poesie sono state scritte fra i primi anni ’40 e il 1954, alcune a Rijeka, nel Montenegro, e a Selenica, Albania, nel 1943, dove mio zio era in guerra.

Ne propongo tre, di quelle create duranti gli anni di guerra.

ULTIMO ASILO

A finestre di bianche camerate
mi cogliessero i vesperi ciociari,
o per tacite strade di campagna;
quando ineffabilmente m’annoiavo
di preghiere sermoni sillogismi,
coi reverendi Padri Gesuiti;
oltre la linea glabra dei Lepini,
all’orizzonte, sempre balenare
una Città fantastica travidi.

Era il segreto mio rifugio! Dove
reginelle che – il dilicato corpo
stretto in corazza e in elmo il capo biondo –
verso l’amor cavalcano e la morte,
m’ebbi compagne di ventura; e maghe
che, argute in una molle ombra di grotte
o su letti di fior gnude riverse,
attendono l’eroe che le conosca…

Ma da che le petraie d’Albania
arsero ai soli occidui – svigorito
da tanto folle errare e nelle inani
speranze della voluttà deluso –

se pur m’appaia ancora e ancor m’arrida
la Città vagheggiata, non vi scorgo
che un asilo di pace ultima. E i morti
compagni invidio, che di dolce oblio
si pascono fra le sue torri d’oro.

Di là – s’io cada – alcuno che più amai
mi venga incontro a stringere la mano
con la mano fraterna; e i molti (i troppi!)
ch’abbia offesi, non sdegnino guardarmi.
Ho anch’io sperato indarno e indarno amato:
circonfusa di luce e di silenzi,
dopo l’aspra parentesi terrena,
voglio questa dolente anima anch’io!

(Rijeka 1943)

MONTE CALVARIO

Stasera, sotto il bel cielo maggese,
per l’erta del Calvario, non un lume
arderà – certamente – al mio paese:
la guerra ignora ogni gentil costume,

o spregia!.. Ma con tanta ansia protese,
come dalle sanguigne onde del fiume
ch’or le rapina, forse mai le offese
genti furono al Cristo: Egli le assume

nella Sua pace vera!.. Anch’io, se vento
ebbro di rose e di peccato smetta
di stordirmi e piegarmi a tradimento,

innanzi a Lui, sulla serena vetta
flettere voglio le ginocchia: sento
che da troppo lassù mi chiama e aspetta!

(Selenica – Albania, 3 Maggio 1943)

POST FATA

Grigioverde – o malia di primavera,
che tutti tutti i camerati morti
avvolgi in te come in una bandiera,
e d’immortale gioventù conforti;

or noi vivi, che il fuoco e la trincera
pure sfidammo in te e di te più forti,
vegetar stoltamente innanzi sera dovremmo,
d’una quiete arida ai porti!

Ah, mai non sia!… Chiunque, o venerando
panno, t’abbia ai suoi freschi anni vestito,
l’arda d’un Ideal sempre il bisogno.

Per me, io seguo a muovere – cantando
i vecchi eterni amori – incontro a un lito
che splende ai lacrimati orli del sogno.

(1945)

6 Commenti

  1. Michela
    27 luglio 2011 alle 13:58 Rispondi

    Allora questo della scrittura è un fatto genetico.
    Complimenti, devi essere orgoglioso di tuo zio.
    Addirittura una piazza?

  2. Daniele Imperi
    27 luglio 2011 alle 14:12 Rispondi

    Sì, ma in un paesino di 2000 abitanti, mica a Roma :)

  3. Gian_74
    28 luglio 2011 alle 08:46 Rispondi

    Davvero belle! Complimenti, si vede che la genetica non è un’opinione! ;)

  4. Daniele Imperi
    28 luglio 2011 alle 08:52 Rispondi

    Grazie Gian :)

  5. luigi
    30 novembre 2011 alle 15:31 Rispondi

    ciao daniele,sono anch’io nipote di Elia,figlio della sorella Angela e voglio congratularmi con te per questa opportunità che mi dai, dopo tanti anni,di scoprire in maniera del tutto nuova e coinvolgente la sensibilità poetica e umana di nostro zio anche se ho vissuto la presentazione di quelle poesie(ho 65 anni);
    grazie e complimenti

  6. Daniele Imperi
    30 novembre 2011 alle 19:27 Rispondi

    Ciao Luigi,

    zio Elia era zio di mio padre. Ho saputo che stanno cercando altre poesie scritte da lui per riunirle. Ne scrisse una per mia madre, che conserva ancora il testo originale autografo.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.