Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

Centrare o c’entrare?

Grammatica

Ecco due verbi che spesso, troppo spesso, vengono scambiati uno per l’altro, eppure hanno significati completamente differenti. Sebbene la pronuncia sia la stessa, l’uso dei due verbi ha scopi diversi.

Verbo centrare

Deriva dal sostantivo centro, è un verbo transitivo e significa far corrispondere il centro di un oggetto o di una figura col centro di un altro oggetto o figura. Il significato si estende anche a capire, indovinare.

Esempi col verbo centrare

  • Ho centrato l’immagine nel televisore: ho impostato il televisore in modo che il centro dell’area delle immagini corrisponda perfettamente al centro dello schermo.
  • Lo studente ha centrato l’argomento: lo studente, interrogato all’esame, ha capito benissimo, ha inquadrato l’argomento della domanda che gli è stata posta.

Verbo entrare

È un verbo intransitivo e significa andare dentro, ma anche avere spazio. Unito all’avverbio di luogo “ci”, che significa qui, in questo luogo, ha spesso un uso figurato nel significato di avere a che fare.

Esempi col verbo entrare + l’avverbio “ci”

  • Questo non c’entra niente col mio discorso: l’argomento che hai proposto, la risposta che hai dato non ha niente a che vedere con il discorso che ho fatto.
  • Io non c’entro niente: io sono estraneo ai fatti che hai raccontato, non ho commesso alcuna azione che mi implica negli avvenimenti citati.

Pronuncia ed esempi di centrare ed entrarci

  • Tu non centri niente: tu non sei in grado di far combaciare due immagini o due oggetti in alcun modo.
  • Tu non c’entri niente: tu sei innocente e non hai nulla a che fare con quanto accaduto.

Scomposizione di entrarci

Entrarci” significa “entrare in un luogo”, anche figurato, quindi in un fatto, in un avvenimento, in un contesto.

  • Io non c’entro niente: in questo caso “niente” è avverbio e la frase significa che io non entro per niente nel contesto di cui parli. Sono fuori, in senso figurato, dai fatti, dagli eventi.

11 Commenti

  1. Maria Todesco
    13 giugno 2013 alle 11:26 Rispondi

    Ottimo post. Pure quando lo si sa talvolta viene complesso scriverli corretti. Troppa fretta? Abitudini erronee? Chi lo sa. Un ripasso non fa mai male!

  2. KINGO
    13 giugno 2013 alle 11:30 Rispondi

    Capisco l’universalità di Pennablu, ma spero proprio che nessuno abbia davvero bisogno di questo post…

    • Daniele Imperi
      13 giugno 2013 alle 11:41 Rispondi

      Eh, sbagli, ho scritto questo post proprio per le decine di volte in cui ho visto usare quei verbi nel modo sbagliato…

  3. Lucia Donati
    13 giugno 2013 alle 11:53 Rispondi

    In un mio post di neanche un mese fa ho proprio affrontato gli aspetti centrali della scrittura, in generale. Mentre scrivevo l’articoletto ho individuato molti sinonimi e aspetti legati proprio al “centro”, il concetto di centrare, e l’equilibrio che il centro richiama. Hai fatto bene a scrivere questo post: l’ignoranza è veramente infinita… :)

  4. franco zoccheddu
    13 giugno 2013 alle 19:12 Rispondi

    Le cose non sono semplici e ovvie come potrebbe apparire. Per esempio: “come potrebbe non averci a che fare dal momento che se ne è sempre occupata lei?”, si dovrebbe rendere con: “come potrebbe non entrarci dal momento che se ne è sempre occupata lei?” e non con l’errato ma che sembra suonare più naturale: “come potrebbe non c’entrare dal momento che se ne è sempre occupata lei?”. Io userei di certo la prima, e voi?

    • Daniele Imperi
      13 giugno 2013 alle 19:15 Rispondi

      Non so, la prima mi sembra poco appropriata, cioè sembra quasi che il verbo entrare sia usato nel suo primo significato.

      • Penna Rosa
        9 giugno 2014 alle 18:09 Rispondi

        Con il verbo all’infinito la particella va sempre in fondo (lo dice la grammatica) perciò “c’entrare” è errato, è sempre “entrarci”.
        D’altronde non vedo perché spostare una particella dalla sua posizione corretta per distinguere due significati (reale e figurato) di un verbo, è chiaro dalla frase. Poi varrebbe solo per “entrare”, visto che ad esempio per “stare” risulterebbe così: “Si va a bere una birra, ci stai?” “E come potrei non ci stare?” Ecco, proprio no ;)

        • Daniele Imperi
          9 giugno 2014 alle 19:28 Rispondi

          Ciao Penna Rosa, benvenuta nel blog. Ti ho corretto io il nick.

          Non avevo pensato che all’infinito non si usa “c’entrare”.

      • Penna Rosa (già Blu)
        9 giugno 2014 alle 18:16 Rispondi

        Non mi sono ricordata di aver trovato il blog grazie a una ricerca sull’uso del nick che vorrei utilizzare, così ho inviato e ora non posso tornare indietro. Me ne scuso.

  5. Romina Tamerici
    16 luglio 2013 alle 22:29 Rispondi

    C’è sempre una gran confusione tra questi due verbi, ottimo post!

Lasciami la tua opinione