Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

9 validi motivi per scrivere un guest post

7 validi motivi per scrivere un guest post

Scrivere un guest post ha i suoi vantaggi. Nella mia guida al guest blogging ho definito in 3 atti come scrivere un articolo per altri blog e come comportarsi prima e dopo la pubblicazione del post. Ma quali e quanti sono i vantaggi della scrittura di un guest post?

#1 – Blogging

Il guest posting fa parte del blogging. È scrivere un post, né più né meno. È fare esercizio di scrittura, ma a un livello forse più alto rispetto alla scrittura dei propri articoli, perché in casa altrui ci si deve comportare sempre meglio.

Scrivere un guest post ha un altro vantaggio nel blogging: quello della gestione del blog. In un certo senso chi propone e scrive un guest post concorre alla gestione del blog ospite, lavoro più difficile rispetto alla gestione del proprio blog, poiché è un ambiente diverso.

#2 – Web marketing

Il guest blogging è in pratica blog marketing, quindi una tecnica di web marketing per il blog. Scrivere guest post regolarmente concorre alla promozione del proprio blog.

Deve essere una delle attività del blogger per curare la propria presenza online, instaurare collaborazioni, ottenere successo, sviluppare rapporti lavorativi.

#3 – Lettori

Grazie al guest blogging si possono ottenere più visite al blog e quindi guadagnare nuovi lettori. Più è valido e interessante il guest post e più i lettori saranno propensi a visitare il blog promosso.

È quindi importante scrivere un guest post che abbia due caratteristiche:

  1. non discostarsi dalla linea editoriale del blog ospite, per non creare disorientamento nei lettori;
  2. offrire una risorsa non presente nel blog ospite, che sia virale, magari, o comunque particolarmente avvincente.

#4 – Reputazione

Con i guest post il nome del blogger circola maggiormente e la sua presenza nella blogosfera aumenta. Articoli professionali, efficaci, migliorano la reputazione del blogger.

Il campo d’azione del blogger si ampia, il suo nome diviene sinonimo di professionalità e sicurezza.

#5 – Autorevolezza

Accanto alla reputazione, la scrittura di guest post migliora anche l’autorevolezza del blogger nel proprio campo. Più è frequente il suo nome, legato a post validi, più il blogger si fa partecipe della blogosfera, non resta confinato nel proprio ambiente, il suo blog, ma concorre alla costruzione di un proprio pubblico.

L’autorevolezza si misura anche con l’attribuzione dei propri contenuti da parte di Google. La scrittura di guest post deve essere corredata anche da un link verso il proprio profilo su Google+, con rel=author.

#6 – Idee

Grazie alla scrittura di un guest post la creatività del blogger è stimolata, poiché chi scrive per un blog altrui ha dovuto leggere e studiare i temi trattati dal blog. Sfruttare il guest posting per scrivere articoli per il proprio blog è una pratica che ogni blogger dovrebbe seguire.

Le idee per scrivere articoli provengono sia dal guest post stesso sia dai commenti che si ricevono, che possono far nascere quesiti a cui rispondere in modo più dettagliato e specifico con un altro articolo.

#7 – Stimoli

Scrivere guest post, specialmente se di frequente, stimola le proprie capacità di scrittura, mette in discussione il blogger perché dovrà cimentarsi con temi e argomenti non esattamente in linea coi suoi.

Un guest post rappresenta una sfida: conoscere altri campi, ragionare su cosa scrivere, proporre un’idea, renderla viva con la propria scrittura.

#8 – Vendite

Il guest blogging, se effettuato regolarmente, può aumentare le vendite di un prodotto presente nel proprio blog: per esempio un ebook. Oppure, se si tratta di un blogger professionista, il guadagno è la vendita di servizi o consulenze.

#9 – Guest post

Un guest post genera guest post: se scrivete per un blog, se produrrete articoli veramente unici, guadagnerete voi stessi dei guest post dai blogger che vi hanno ospitato. Quindi avrete ottenuto contenuti gratuiti.

1 valido motivo per non scrivere guest post

#1 – Seo

La seomania è un brutto male. Scrivere un guest post esclusivamente con fini SEO è deleterio, perché la qualità dell’articolo ne risentirà. Ho ricevuto proposte inaccettabili per guest post che avrebbero abbassato il livello del mio blog e offerto ai lettori contenuti di cui potevano fare benissimo a meno.

Non scrivete dunque guest post che non pubblicherete mai nei vostri blog. Pensate ai lettori, al vostro blog e a quello che vi ospita.

8 Commenti

  1. Alessandro C.
    11 febbraio 2013 alle 11:46 Rispondi

    Mi hai convinto. Scriverò un guest post sui guest post.

  2. Cristiana Tumedei
    11 febbraio 2013 alle 13:58 Rispondi

    Mi pare che con questo post si dia maggiore vigore ai contenuti della guida al guest blogging. Hai fatto un ottimo lavoro! E grazie per avermi ospitata qui su Penna Blu, è stata davvero un’esperienza importante per me :)

    • Daniele Imperi
      11 febbraio 2013 alle 14:03 Rispondi

      Grazie :)
      Questi 4 articoli saranno poi riuniti in un ebook.
      Grazie a te per aver scritto un guest post ;)

  3. Salomon Xeno
    11 febbraio 2013 alle 21:43 Rispondi

    Dato che lo farà già Alessandro, resterò a vedere se gli arriveranno querele. Di guest post ne ho scritto uno, su un argomento che conoscevo poco – ma la blogger era convinta che fossi un esperto!

  4. Romina Tamerici
    1 marzo 2013 alle 23:15 Rispondi

    Bel post, Daniele, riesci sempre a dire quel che c’è da dire e senza perderti nei meandri del tutto.

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.