365 storie d’amore – Selezione racconti

365 storie d'amoreLa casa editrice Delos Books ha annunciato un nuovo concorso per racconti e i migliori saranno pubblicati nella nascente raccolta 365 storie d’amore. L’ultima raccolta pubblicata, su questo genere dedicato ai 365, è stata 365 storie sulla fine del mondo, a cui ho partecipato con successo: nel libro è presente il mio racconto Finis.

Come al solito, la selezione prevede due tipi di invii: gli abbonati alla rivista potranno già spedire i loro lavori, gli altri potranno farlo a partire dal 15 ottobre prossimo. La selezione scade quando si sarà raggiunto il numero massimo di racconti, 365 appunto.

A me le storie d’amore non interessano minimamente. Non le sopporto, né a leggerle né tanto meno a vederle in un film. Figuriamoci a scrivere una storia d’amore.

È per questo che ho deciso di partecipare: per cimentarmi con un genere che odio. È una sfida. In fondo, uno scrittore deve saper scrivere di tutti i generi, no? Un po’ come gli attori, che devono saper impersonare qualsiasi parte.

Ho qualche idea che bazzica nella mia mente. Ovviamente non sarà la solita, classica, smielata storia d’amore. Deve essere un racconto che spiazza il lettore. Questo è almeno il mio traguardo, che poi ci riesca o no è un altro discorso.

Categoria postPublicato in Concorsi letterari - Data post14 settembre 2012 - Commenti18 commenti

DanieleDaniele Imperi

Sono blogger e web writer e scrivo e leggo ogni giorno. Oltre a Penna blu, ho creato e gestisco i siti su Cormac McCarthy e Edgar Allan Poe. Leggi di più nella mia biografia.

Ti è piaciuto questo post? Condivilo sui social media o via email!

Email
Commenti
  • Lucia Donati 14 settembre 2012 at 13:58

    Anch’io ritengo che ci si debba cimentare anche su generi con cui non si è in sintonia. Comunque, mi ricordo il tuo “Finis”… Immagino che anche le altre tue storie d’amore future non saranno mielose. In effetti la parte meno piacevole del genere rosa è tutto quel miele…e neanche a me piace. Però, devo anche dire che una storia d’amore (non quelle di certi libretti commerciali…) potrebbe avere forza e carattere e risultare “di qualità”, avere una sua potenza utilizzando immagini che non sono zuccherose e, che, proprio per questo, prendono un lettore, magari perché ci si immedesima. Forse, la forza di una vera storia d’amore non è la presenza eccessiva di dolcezza ma poter vedere come superano gli ostacoli i protagonisti e la forza del sentimento che è in grado di trasmettere: anche una storia d’amore, allora, potrebbe essere un capolavoro che ti fa dimenticare a quale genere appartiene…

    • Daniele Imperi 14 settembre 2012 at 14:37

      Finis era una storia sulla fine del mondo… ma possiamo anche definirla una storia d’amore in un certo senso :)

  • Giovanni 14 settembre 2012 at 14:34

    Se penso di aver capito bene la storia non deve eccedere la pagina, immagino 1500/1800 battute spazi inclusi. Come si fa a scrivere di un argomento così abusato in così poco spazio ed essere originale e lasciare qualcosa? Mi sono sempre chiesto qual è lo spirito che deve esserci dietro inziative del genere, ma non l’ho mai capito… In bocca al lupo per la tua storia.

    • Daniele Imperi 14 settembre 2012 at 14:38

      Dovrebbero essere 2000 caratteri e non bisogna superare le 30 righe, se le regole sono le stesse della precedente.

      Io avevo votato per la raccolta sul Fantasy, ma il responsabile ha scelto su questo tema… non so proprio rispondere alla tua domanda… ma grazie degli auguri :)

  • Giovanni 14 settembre 2012 at 14:52

    Io storie più piccole di 3 cartelle non riesco nemmeno a scriverle se devono essere autoconclusive :D

  • Lucia Donati 14 settembre 2012 at 16:28

    Anche “Ti sono vicina”…

  • ferruccio 14 settembre 2012 at 17:56

    Bene, magari preparo qualcosa anche io, grazie:-)

  • Michela 14 settembre 2012 at 22:50

    Sono curiosa di leggere questo racconto che scriverai! :)
    Come mai non sopporti questo genere e queste tematiche?

    • Daniele Imperi 16 settembre 2012 at 18:33

      Perché sono noiosissime :D

      • Michela 16 settembre 2012 at 20:46

        Noiosissime?? :O
        Dai, sono certa che anche tu hai una storia d’amore al quale sei un pochino affezionato ;)

        Penso che Dante avesse ragione… “l’amor che move il sole e l’altre stelle” :)

  • Romina Tamerici 15 settembre 2012 at 01:00

    Le storie d’amore (o meglio, le storie d’amore a buon fine) non sono il mio forte: le trovo noiose, però se mi viene un’idea mi piacerebbe partecipare con qualcosa di particolare. Anche se in così pochi caratteri mi sento già soffocare…
    Sono curiosa di sapere cosa manderai tu!

  • franco zoccheddu 15 settembre 2012 at 22:10

    Ragazzi: cosa avete contro le storie d’amore? Io sono un fisico, stravedo per particelle ed equazioni, non vi dico poi Einstein, ma non riesco ad immaginare nulla di più umano di una storia d’amore. Niente miele gratuito, su questo concordo. Ma non immagino nulla di più profondo o degno di essere ricordato di un amore. E quale modo migliore di celebrare un fatto così intimo e universale insieme se non un romanzo?

  • Romina Tamerici 17 settembre 2012 at 01:17

    Io ho scritto diversi romanzi d’amore… errori di gioventù mai pubblicati! Ultimamente ho scritto alcuni racconti per dei concorsi che parlano di amore, ma niente zucchero e fini lieti.
    Ogni tanto leggo anche alcuni romanzi d’amore (magari uno o due l’anno), ma pochi mi convinco davvero. Insomma, non sono proprio contraria al genere, però non riesce a entusiasmarmi sempre.

  • Francesca 19 settembre 2012 at 07:49

    Sarei proprio curiosa di leggere il tuo romanticissimo racconto! :)

  • Fammi conoscere la tua opinione sul post

© 2010 - 2014 Penna blu - Ideazione e web design di Daniele Imperi - Torna su