Scrivere è comunicare

Il blog per scrittori, blogger e copywriter

150° anniversario della nascita di Emilio Salgari

21 agosto 1862 – 21 agosto 2012

Emilio SalgariEmilio Salgari significa avventura. Il suo nome è conosciuto a molti, forse anche ai più giovani. Ma non so quanti di loro abbiano davvero letto i suoi romanzi. Di Salgari si è parlato spesso e qui voglio ricordarlo a modo mio.

Hanno detto molto di questo scrittore veronese che è ancora il più grande e prolifico autore italiano di storie d’avventura. Di lui si conoscono soltanto i luoghi comuni: Emilio Salgari scriveva i suoi romanzi studiando in biblioteca e non aveva mai viaggiato. Famosa la sua frase “Scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli”.

Il piccolo grande stile è stata definita la sua scrittura. E di lui hanno detto che copiava frettolosamente termini esotici da usare nelle sue storie. Ma ciò che hanno tralasciato di dire è cosa realmente ha rappresentato Salgari per la scrittura e per la letteratura.

Emilio Salgari, o la documentazione

Salgari è la mera raffigurazione del vero lavoro dello scrittore: un artista che si documenta prima di scrivere una storia. Salgari ha portato forse ai massimi livelli il lavoro di documentazione, che rappresenta il primo passo per la creazione di un romanzo, l’elemento della scrittura che rende una storia credibile e realistica.

Copiava termini esotici? Ha fatto bene. Sono parole che non appartengono alla nostra lingua e che ogni scrittore ha da sempre copiato per poterle usare nelle proprie opere. C’è chi sorride ai suoi dettagli, ma sono dettagli che non possono essere giudicati dal lettore e dal critico di oggi, perché la scrittura e i gusti dei lettori e la lingua stessa sono cambiati.

Salgari ha dato maggior forza al detto “scrivi di ciò che conosci”. E per questo, per conoscere, Salgari si documentava in biblioteca su enciclopedie e compendi. Studiava, apprendeva e metteva in pratica. Non restava fisso alla sua scrivania in attesa che arrivasse l’ispirazione che non esiste. Salgari andava a caccia di quell’ispirazione, eroe egli stesso come i personaggi che metteva in campo.

Emilio Salgari, o la conoscenza

Il lettore che si avvicinerà alle opere di Salgari non potrà mai dire di non aver imparato nulla. Alla fine del romanzo conoscerà popoli che prima forse non aveva mai immaginato, avrà assaggiato, col palato dei personaggi, pietanze mai sentite, si sarà mosso in luoghi pieni di pericoli e ostacoli.

Non si esce indenni dalle storie di Emilio Salgari. Grazie a quei dettagli di cui qualcuno sorride, leggendo quei romanzi d’avventura entriamo noi stessi in paesi che forse possiamo solo immaginare e quei paesi sono così vividi nella storia, così reali che si ha davvero l’impressione che l’autore ci abbia vissuto.

E forse è proprio così. Salgari, a modo suo, ha vissuto in tutti i luoghi in cui ha ambientato le sue storie, dall’Africa all’India, dai Poli all’America del Far West alla Cina. Avventura per tutti i gusti e tutti i gusti dell’avventura. Non c’è stato paese che non abbia scatenato la fantasia dell’autore, che riusciva a creare trame avvincenti e solide.

I miei libri di Emilio Salgari

Per ora ho solo 42 libri di Salgari, che comprendono tutto il ciclo di Sandokan e del Corsaro Nero più tanti altri romanzi e 3 volumi di racconti. Ma lo scrittore ha prodotto un’ottantina di romanzi e circa 150 racconti, oltre a numerosi articoli di divulgazione storico-geografica, quindi il mio elenco è lontano dall’essere completo.

  1. Il Corsaro Nero
  2. La Regina dei Carabi
  3. Jolanda, la figlia del Corsaro Nero
  4. Il figlio del Corsaro Nero
  5. Gli Ultimi Filibustieri
  6. Le Tigri di Mompracem
  7. I misteri della Giungla Nera
  8. I pirati della Malesia
  9. Le due Tigri
  10. Il Re del Mare
  11. La conquista di un Impero
  12. Sandokan alla riscossa
  13. La riconquista di Mompracem
  14. Il Bramino dell’Assam
  15. La caduta di un Impero
  16. La rivincita di Yanez
  17. I Predoni del Sahara
  18. Il sotterraneo della morte
  19. Il Re della prateria
  20. I minatori dell’Alaska
  21. La Sovrana del Campo d’Oro
  22. La Costa d’Avorio
  23. Le Pantere di Algeri
  24. I Briganti del Riff
  25. Al Polo Australe in velocipede
  26. Al Polo Nord
  27. Una sfida al Polo
  28. Il Capitano della Djumma
  29. La Montagna di Luce
  30. La Perla Sanguinosa
  31. L’eroina di Port Arthur
  32. I solitari dell’oceano
  33. Il continente misterioso
  34. I pescatori di balene
  35. I figli dell’aria
  36. Il tesoro della Montagna Azzurra
  37. Sulle frontiere del Far-West
  38. La favorita del Mahdi
  39. Sull’Atlante
  40. I racconti della Bibliotechina Aurea Illustrata Vol. 1
  41. I racconti della Bibliotechina Aurea Illustrata Vol. 2
  42. I racconti della Bibliotechina Aurea Illustrata Vol. 3

Emilio Salgari, 150 anni dopo

150 anni dopo la sua nascita e un secolo dopo la sua morte Emilio Salgari vive ancora e i suoi romanzi continuano a vendere con edizioni sempre nuove. Il piccolo grande stile colpisce ancora e le sue storie, quell’avventura romantica che ha fatto sorridere alcuni e ha affascinato altri, sono ancora qui dopo tutto questo tempo.

C’è ancora il suo linguaggio inconfondibile, c’è ancora quella forza narrativa, c’è ancora quella semplicità, unica caratteristica, forse, ad averlo reso veramente grande.

2 Commenti

  1. Salomon Xeno
    22 agosto 2012 alle 10:41 Rispondi

    Ecco la ricorrenza di cui parlavi!
    Direi che Salgari si riassume proprio come hai scritto: “Non si esce indenni dalle storie di Emilio Salgari.”

  2. Nella mia libreria #23
    5 ottobre 2012 alle 12:03 Rispondi

    […] ricorre l’anniversario della nascita di Emilio Salgari, ben 150 anni, e per l’occasione è uscito un bel volume che racchiude i romanzi Capitan […]

Lasciami la tua opinione

Nome e email devono essere reali. Se usi un nickname, dall'email o dal sito si deve risalire al nome. Commenti anonimi non saranno approvati.